massonerie

Sessanta secondi svelano attentamente valutati più di mille documenti

Sessanta secondi svelano,  attentamente valutati,  più di mille documenti 


Nel Febbraio 2012, pervenne al Dott. Paolo Ferraro, tramite la segreteria telefonica installata presso il Server Omnitel Vodafone del cellulare di pertinenza, un messaggio audio del tutto particolare.
Si trattava di una registrazione ambientale, traccia fonica sovrapposta ad una pregressa traccia in sottofondo di una telefonata della di lui madre, rimanendo riferita la registrazione al numero di cellulare di quest’ultima.
Una attività appositamente e antecedentemente artefatta la cui prova,   mediante le argomentazioni  appresso elencate,  è da ritenersi oggettiva ed insuperabile .
Difatti :
  1. Il messaggio fu a suo tempo subito e più volte ascoltato , tramite telefonata del cellulare alla segreteria telefonica, e da più persone testimoni . Non è possibile quindi porre in dubbio che esso fosse posizionato nel server della VODAFONE.
  2. Il messaggio fu , dal cellulare in viva voce che chiamava la segreteria, registrato per ben tre volte ( le ascolterete ) e risulta sempre identico: la pretestuosa illazione che potesse trattarsi del casuale avvio contemporaneo di due tracce di segreteria è destituita di qualsiasi fondamento .
  3. La sovrapposizione delle due registrazioni telefonica ed ambientale è palese e non vi è altra neanche ipotetica spiegazione.
UN messaggio quindi confezionato , manipolato, utilizzando traccia fonica di sottofondo di una altra telefonata a sua volta registrata ( intercettata) era stato immesso necessariamente sul server della Vodafone, abusivamente . Un reato grave.
Dal messaggio di segreteria si evince nella traccia sovrapposta fonicamente , una  voce che appare “quasi” identica alla voce della allora compagna del Dott. Ferraro, intenta in un dialogo diremmo allusivamente compromettente con un uomo.
Il messaggio per le percepibili particolarità, per i contesto più amplio , per testimonianza diretta della allora compagna del dott. Ferraro, e per semplice confronto fonico, non conteneva la vera voce di quest’ultima .
Ma se anche la avesse contenuta e vi fosse stata a monte una registrazione ambientale di un vero e genuino dialogo della stessa donna , sul piano del reato non muterebbe nulla , data la certa oggettiva ed incontrovertibile consistenza del fatto ( immissione in server VODAFONE ). Vi sarebbe anzi un terzo reato relativo alla illegittima intercettazione ambientale del dialogo stesso . Ma non è così, come ascolterete E nemmeno il fine perseguito : far ascoltare una registrazione tale da cagionare sospetti o reazioni, ivi compresa una denuncia , ma non certo una denuncia del contenuto e della portata logica che seguono .
Nel messaggio di segreteria poi non si sente solo un labile sottofondo con voce incerta e discontinua , attribuibile con ragionevole certezza alla anziana madre del dorr. Ferraro, e la sovrapposizione dell’architettato dialogo, ma vi è anche la voce iniziale di un’altra donna che dice “ certo” , in contesto vocale e in posizione tale da far ritenere all’ascolto che non potesse essere interna al dialogo.
A cosa e a chi servisse il messaggio di segreteria emerge dallo scritto che segue ma prima ancora dalla logica: difatti, contestualizzato nella complessa ed architettata sequenza che ha visto il dott Paolo Ferraro destinatario di attività protrattesi sino all’agosto del 2013, esso costituisce una chicca.
Un caso unico , di prova oggettiva e insuperabile del tutto, in un solo minuto di registrazione.
Rammentatevi della già pubblicata registrazione di dialogo con persona informata che ha avuto accesso al fascicolo riservato ad oggetto “ PAOLO FERRARO “ ( di come apparati e servizi si diedero da fare per manipolare la vita del Dott Ferraro, e sulla scorta di una attenta analisi delle sue doti e qualità certamente  dal 1977 ma  poi dal suo ingresso in magistratura ).
In coda reimmettiamo anche questa .
A suo tempo nel corso nella trasmissione radio yes che immettiamo in video audio in coda,   il messaggio fu fatto ascoltare dal conduttore David Gramiccioli e commentato da chi vi scrive oggi in diretta radio.

L’audio-video che invece ascolterete qui subito di seguito è oggi presentato dalla vera Patrizia Eugenia Stefania Foiani con la sue vera voce , ed introduce la sequenza delle tre registrazioni effettuate del medesimo messaggio di segreteria del febbraio 2012, nell’ultima versione con sottotitoli .



Ora buona lettura ed ascolto finale del resto dal blog . 



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

1. ANTEFATTO
Il fatto  è avvenuto nel mese di febbraio 2012. Viene analizzato  solo oggi per scritto  in quanto l’architettura di un episodio del genere e le sue caratteristiche non sarebbero risultati allora immediatamente comprensibili, mancando un quadro del tutto completo del contesto e soprattutto del movente di fondo inteso come il perchè ultimo delle metodiche e delle attività poste in essere.
Di ciò avevo comunque già allora un quadro di riferimento sufficiente, come pure dell’ambito in cui erano stati concepiti e dell’obiettivo immediato dell’azione, tanto che a una ventina di giorni di distanza feci una già chiara denuncia pubblica ascoltata e vagliata dall’intero bacino della trasmissione radiofonica RADIO IES ascoltata da c.a. 350.000 persone. Trasmisi in diretta radio la registrazione di un messaggio artatamente lasciato sulla segreteria telefonica del mio server gestore di telefonia VODAFONE attivata dal mio cellulare, messaggio creato mediante evidente sovrapposizione di traccia audio digitale in corrispondenza della traccia già registrata nella segreteria. Di ciò diedi una chiave completa di lettura. All’epoca ancora contavo sulla doverosità della attivazione di ufficiali di polizia giudiziaria per un ascolto chiaro del fatto, successivamente diffuso in rete mediante il podcast della trasmissione radio ascoltata da svariate decine di migliaia di persone.
Solo a distanza di un anno l’analisi più accurata delle metodologie Tavistock ( TAVISTOCK 1.0 e 2.0  ) mi avrebbe consentito di inquadrare più esaustivamente il contesto e di individuare la chiara matrice di intervento strutturato e gestito ai fini di manipolazione psicologica: metodica che costituisce prerogativa degli apparati con i quali mi sono “incontrato” in questi anni.
Alcune utili precisazioni vanno ulteriormente date :
  • procedetti alla registrazione del messaggio lasciato in segreteria telefonica utilizzando sul momento un registratore digitale (la data delle tre registrazioni MP3 della medesima registrazione sulla segreteria è errata perchè erroneamente tarata la data del registratore digitale)
  • circa 36 ore dopo feci sentire più volte la telefonata registrata dalla segreteria telefonica alla mia compagna Patrizia Stefania Eugenia Foiani attraverso il cellulare con il quale l’avevo ricevuta. Rimase esterrefatta da questo primo ascolto attraverso il cellulare e ancor di più successivamente ascoltando il file digitale della registrazione ricavato dal server. L’episodio avvenne nella cucina di casa dinanzi ad altri testimoni.
  • Le tre versioni della registrazione furono poi da me salvate su pc.
  • Sottoposi la traccia audio lasciata sulla mia segreteria anche al mio avvocato di allora Antonella M. Rustico, avendo con lei accordo di incontrarci in via Crescenzio altezza civico 52, in auto dinanzi al locale FONCLEA, dove ci eravamo recati separatamente per desinare, ascoltare concerto e musica e appunto farle ascoltare quanto sopra.
Tutte le circostanze indicate sono agevolmente riscontrabili tramite verifica delle mie telefonate alla segreteria telefonica e attraverso le celle impegnate sia dal mio cellulare che dal cellulare dell’avvocato anzidetto.
Nel video che precede quesra parte ho ommesso , dopo breve presentazione a cura della cointeressata  Patrizia Foiani, le tre registrazioni digitali della mia segreteria telefonica (effettuate mediante cellulare in viva voce e registratore digitale) e il video-audio della trasmissione radio. Ovviamente dopo il congruo periodo di tempo la registrazione della segreteria su server non fu più reperibile.
Faccio infine presente che i diversi episodi di corredo indicati nella trasmissione radio ( video audio sopra indicato ) sono tutti testimoniati anche da Patrizia Foiani, la quale presente in auto con me mi sentì ritelefonare ai due numeri che mi risultavano avermi chiamato tre volte nell’arco di un pomeriggio, credo immediatamente successivo all’episodio della segreteria. Assistette quindi al colloquio con la sedicente psicologa e l’avvocato che raccontò di avere studio in Roma Ostia zona Casal Palocco, e al mio dialogo con essi quando mi furono nominati Pietro Saviotti e Perla Lori (noti magistrati della Procura di Roma le cui vicende sono legate alla mia persona vedi allegato articolo UN BEL GUAZZABUGLIO: Questa è la trama di un film, peccato che è tutto al millimetro vero) giocando sul nome o fantomatico o veramente pertinente e usato per la evidente ”assonanza”, di una “Sara Ferraro” già cercata e poi sulla correzione in Ferrara (cognome dell’allora Procuratore capo della Procura presso il tribunale di Roma, che compare tra le persine indicate e denunciate col MEMORIALE  ) del cognome della millantata o usata persona con nominativo Sara.
Il tutto appariva a prima valutazione un complesso marchingegno o un fatto suscettibile di varie interpretazioni ma in ogni caso difficilmente attribuibile a casualità. La telefonata consisteva, lo ribadiamo, in una registrazione ambientale trasmessa telefonicamente sulla mia segreteria telefonica; ferma restando l’evidenza della artificiale operazione, e si irraggiavano varie interpretazioni possibili: a prescindere persino dalla artificialità della elaborazione digitale della voce della Foiani, poteva trattarsi di una semplice comunicazione, di un avvertimento o ancora di un tentativo di creare una reazione mia, magari per indurre una rottura del rapporto personale con la Foiani. La destabilizzazione socio affettiva è la metodica che appartiene alla vicende globali mie ricostruite sotto vari profili retroattivamente .
2. IL FATTO
Dopo questa premessa necessaria, indico che la registrazione dalla segreteria telefonica fu da me ascoltata per la prima volta intorno alle ore 14:45 mentre attendevo fuori dal suo ufficio la mia compagna dott.ssa Patrizia Stefania Eugenia Foiani. Questa circostanza può essere riscontrata tramite tabulati. Attesi tuttavia la sera del giorno dopo per parlarne con lei, perchè dovevo capire e chiarirmi le idee.
La registrazione su segreteria che si ascolta appare come evidente sovrapposizione di traccia digitale sul tracciato di una telefonata effettivamente ricevuta in segreteria. Difatti il numero di cellulare indicava che la traccia era “intestata” al numero di cellulare della mia anziana madre. Inoltre dal più attento ascolto della medesima traccia audio si percepisce una voce farfugliante diradata e in palese sottofondo estraneo alla registrazione “primaria “ sovrapposta “,   che attribuisco con ragionevole certezza alla genitrice.
Prima della parte sovrapposta della registrazione si ascolta subito la voce di una diversa donna che con impronta tipica vocale afferma “certo”. Tale voce appare estranea al contesto sottostante e quello “primario “ e dovrebbe essere rimasta incautamente  od allusivamente nella registrazione digitale.
La registrazione, necessariamente ambientale, consiste in un dialogo tra un uomo ed una donna dalla quasi identica voce di Patrizia Stefani Eugenia Foiani . Dal tenore del dialogo si capisce scopo e natura della “operazione “ posta in essere .
Come la Foiani stessa indicherà (e a tale conclusione ero già giunto) l’intercalare e l’uso della fraseoologia  non appaiono linguisticamente riferibili alla Foiani, mentre ella con assoluta certezza negò immediatamente che la voce fosse la sua, pur rimanendo esterrefatta per la udibile somiglianza. Da rimarcare ancora che in sottofondo è ascoltabile la voce “farfugliante ” della mia anziana genitrice e che tale sottofondo già ad un semplice ascolto attento  appare frutto della sovrapposizione di due tracce foniche diverse.
Riporto di seguito con eventuali possibili inesattezze il dialogo che si ascolta registrato “D. – sei sicuro dicendo ma .. sei sicuro ..va bene che ti puoi anche innamorare di me e io gli ho detto ma .. anche tu puoi far male a qualcuno “ U. – “lui che ha detto ” D. – “perchè hai detto sì …questo non mi piace…ci siamo incontrati lunedì… cosa pensi mai ” U. – “che oggi  se non va riciccia …. scusa 
Il dialogo, il contesto generale e specifico e il fatto collegato quantomeno in sequenza cronologica anche degli altri episodi succintamente indicati nella nota trasmissione radio, nonché la finalizzazione della immissione sulla segreteria telefonica, appaiono con sufficiente evidenza individuabili ( movente ) . Ma letteralmente inusitata è la tecnica di “modulare” la voce per renderla simile a quella di Patrizia Stefania Eugenia Foiani.
Che di sovrapposizione della registrazione ambientale “rimodulata” si tratti è però assolutamente pacifico, anche perchè il sottoscritto tra riascolti vari ebbe a ritelefonare alla segreteria quasi una decina di volte se non più. Il tutto pluri testimoniato e in vari modi verificabile .
Siamo pertanto dinanzi alla certa immissione di un contenuto digitale estraneo in corrispondenza della casella medesima, il ché comporta necessariamente e per tempo adeguato la alterazione della base digitale del server OMNITEL VODAFONE .
Un reato della cui struttura ed obiettiva consistenza, dedotta da registrazioni e ascolto diretto della segreteria telefonica subito da parte di ben cinque persone compreso me, non è possibile dubitare IN ALCUN MODO.
Risulta pertanto integrato il reato procedibile di cui all’ Art. 617 sexies
Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche”
Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di arrecare ad altri un danno, forma falsamente ovvero altera o sopprime, in tutto o in parte, il contenuto, anche occasionalmente intercettato, di taluna delle comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne facciano uso, con la reclusione da uno a quattro anni.” La pena è della reclusione da uno a cinque anni nei casi previsti dal quarto comma dell’articolo 617 quater.
Qualora le indagini fossero effettivamente svolte di iniziativa si potrebbe altresì accertare almeno in via logica la modalità operativa adottata, la possibile integrazione della aggravante e verificare se si sia intervenuti da PC in sede di server OMNITEL o mediante accesso abusivo esterno sempre al sistema telematico della OMNITEL . E ovviamente  la abusiva intercettazione od acquisizione anche del messaggio tlefonico poi divenuto sottofondo originariamente immesso nela segreteria ed usato –
In relazione a reato affatto diverso di diffamzaione (TRASMISSIONE BORDERNIGHTS 107) emerge quantomeno l’ipotesi di uso di programma informatico di alterazione vocale, di facile reperibilità. Ed appare logico ipotizzare che un programma analogo possa/debba essere stato utilizzato per la alterazione vocale della voce che si sarebbe voluto che io riconducessi a Patrizia Foiani.
Faccio presente, ben conoscendo alcune cadenze argomentative di una certa magistratura, che se anche in ipotesi (ovviamente falsa) si asserisse che la voce femminile nella registrazione della segreteria telefonica fosse quella autentica della Patrizia Foiani, il reato di cui all’art 617 sexies sarebbe comunque integrato senza ombra di dubbio e senza alcuna speranza di manipolare argomentativamente il dato. Vi sarebbe anzi in questa ipotesi un terzo reato certo ( registrazione ed intercettazione ambientale di un colloquio vero ) . 
Ma è in ogni caso è ragionevolmente certo che:
1. si è operato costruendo dialogo e alterando vocalmente il medesimo ;
2. il contenuto del dialogo era evidentemente rivolto ad un fine attinente la mia persona agevolmente percepibile, a partire dal fatto che fossi il destinatario della registrazione su segreteria;
3. il contesto storico cronologico in cui il fatto reato deve quantomeno essere inquadrato è pacifico e confortabile con testimonianza diretta anche di terze persone.
Inoltre è d’uopo chiarire che vi è una ipotesi possibile persino su chi abbia registrato la voce di Patrizia Foiani, per consentirne lo studio e creazione della mappa fonetica e vocale successiva. 
La  ulteriore indicazione a riguardo potrebbe  apparire utile o vagliabile concretamente solo se venissero svolte serie ed approfondite indagini .
Nel gennaio 2014 verrò immessa in rete poi la conversazione registrata con pesrona infrmata che racconterà dei percorsi di attenzionamento e manipolazione  attorno a Paolo Ferraro attivati da decenni . 



Nella trasmissione ed intervista di RADIO IES del marzo 2012 il fatto nei suoi dati essenziali era stato già portato a conoscenza di un vasto pubblico radiofonico ed illustrato dopo l’ascolto  della registrazione in diretta radio 


Annunci
Categorie: apparati deviati, CELLULARE, David Gramiccioli, fra-massonerie, massonerie, OMNITEL, Paolo Ferraro, Patrizia Stefania Eugenia Foiani, RADIO IES | Lascia un commento

Sessanta secondi svelano attentamente valutati più di mille documenti


Nel Febbraio 2012, pervenne al Dott. Paolo Ferraro, tramite la segreteria telefonica installata presso il Server Omnitel Vodafone del cellulare di pertinenza, un messaggio audio del tutto particolare.
Si trattava di una registrazione ambientale, traccia fonica sovrapposta ad una pregressa traccia in sottofondo di una telefonata della di lui madre, rimanendo riferita la registrazione al numero di cellulare di quest’ultima.
Una attività appositamente e antecedentemente artefatta la cui prova,   mediante le argomentazioni  appresso elencate,  è da ritenersi oggettiva ed insuperabile .
Difatti :
  1. Il messaggio fu a suo tempo subito e più volte ascoltato , tramite telefonata del cellulare alla segreteria telefonica, e da più persone testimoni . Non è possibile quindi porre in dubbio che esso fosse posizionato nel server della VODAFONE.
  2. Il messaggio fu , dal cellulare in viva voce che chiamava la segreteria, registrato per ben tre volte ( le ascolterete ) e risulta sempre identico: la pretestuosa illazione che potesse trattarsi del casuale avvio contemporaneo di due tracce di segreteria è destituita di qualsiasi fondamento .
  3. La sovrapposizione delle due registrazioni telefonica ed ambientale è palese e non vi è altra neanche ipotetica spiegazione.
UN messaggio quindi confezionato , manipolato, utilizzando traccia fonica di sottofondo di una altra telefonata a sua volta registrata ( intercettata) era stato immesso necessariamente sul server della Vodafone, abusivamente . Un reato grave.
Dal messaggio di segreteria si evince nella traccia sovrapposta fonicamente , una  voce che appare “quasi” identica alla voce della allora compagna del Dott. Ferraro, intenta in un dialogo diremmo allusivamente compromettente con un uomo.
Il messaggio per le percepibili particolarità, per i contesto più amplio , per testimonianza diretta della allora compagna del dott. Ferraro, e per semplice confronto fonico, non conteneva la vera voce di quest’ultima .
Ma se anche la avesse contenuta e vi fosse stata a monte una registrazione ambientale di un vero e genuino dialogo della stessa donna , sul piano del reato non muterebbe nulla , data la certa oggettiva ed incontrovertibile consistenza del fatto ( immissione in server VODAFONE ). Vi sarebbe anzi un terzo reato relativo alla illegittima intercettazione ambientale del dialogo stesso . Ma non è così, come ascolterete E nemmeno il fine perseguito : far ascoltare una registrazione tale da cagionare sospetti o reazioni, ivi compresa una denuncia , ma non certo una denuncia del contenuto e della portata logica che seguono .
Nel messaggio di segreteria poi non si sente solo un labile sottofondo con voce incerta e discontinua , attribuibile con ragionevole certezza alla anziana madre del dorr. Ferraro, e la sovrapposizione dell’architettato dialogo, ma vi è anche la voce iniziale di un’altra donna che dice “ certo” , in contesto vocale e in posizione tale da far ritenere all’ascolto che non potesse essere interna al dialogo.
A cosa e a chi servisse il messaggio di segreteria emerge dallo scritto che segue ma prima ancora dalla logica: difatti, contestualizzato nella complessa ed architettata sequenza che ha visto il dott Paolo Ferraro destinatario di attività protrattesi sino all’agosto del 2013, esso costituisce una chicca.
Un caso unico , di prova oggettiva e insuperabile del tutto, in un solo minuto di registrazione.
Rammentatevi della già pubblicata registrazione di dialogo con persona informata che ha avuto accesso al fascicolo riservato ad oggetto “ PAOLO FERRARO “ ( di come apparati e servizi si diedero da fare per manipolare la vita del Dott Ferraro, e sulla scorta di una attenta analisi delle sue doti e qualità certamente  dal 1977 ma  poi dal suo ingresso in magistratura ).
In coda reimmettiamo anche questa .
A suo tempo nel corso nella trasmissione radio yes che immettiamo in video audio in coda,   il messaggio fu fatto ascoltare dal conduttore David Gramiccioli e commentato da chi vi scrive oggi in diretta radio.

L’audio-video che invece ascolterete qui subito di seguito è oggi presentato dalla vera Patrizia Eugenia Stefania Foiani con la sue vera voce , ed introduce la sequenza delle tre registrazioni effettuate del medesimo messaggio di segreteria del febbraio 2012, nell’ultima versione con sottotitoli .



Ora buona lettura ed ascolto finale del resto dal blog . 



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

1. ANTEFATTO
Il fatto  è avvenuto nel mese di febbraio 2012. Viene analizzato  solo oggi per scritto  in quanto l’architettura di un episodio del genere e le sue caratteristiche non sarebbero risultati allora immediatamente comprensibili, mancando un quadro del tutto completo del contesto e soprattutto del movente di fondo inteso come il perchè ultimo delle metodiche e delle attività poste in essere.
Di ciò avevo comunque già allora un quadro di riferimento sufficiente, come pure dell’ambito in cui erano stati concepiti e dell’obiettivo immediato dell’azione, tanto che a una ventina di giorni di distanza feci una già chiara denuncia pubblica ascoltata e vagliata dall’intero bacino della trasmissione radiofonica RADIO IES ascoltata da c.a. 350.000 persone. Trasmisi in diretta radio la registrazione di un messaggio artatamente lasciato sulla segreteria telefonica del mio server gestore di telefonia VODAFONE attivata dal mio cellulare, messaggio creato mediante evidente sovrapposizione di traccia audio digitale in corrispondenza della traccia già registrata nella segreteria. Di ciò diedi una chiave completa di lettura. All’epoca ancora contavo sulla doverosità della attivazione di ufficiali di polizia giudiziaria per un ascolto chiaro del fatto, successivamente diffuso in rete mediante il podcast della trasmissione radio ascoltata da svariate decine di migliaia di persone.
Solo a distanza di un anno l’analisi più accurata delle metodologie Tavistock ( TAVISTOCK 1.0 e 2.0  ) mi avrebbe consentito di inquadrare più esaustivamente il contesto e di individuare la chiara matrice di intervento strutturato e gestito ai fini di manipolazione psicologica: metodica che costituisce prerogativa degli apparati con i quali mi sono “incontrato” in questi anni.
Alcune utili precisazioni vanno ulteriormente date :
  • procedetti alla registrazione del messaggio lasciato in segreteria telefonica utilizzando sul momento un registratore digitale (la data delle tre registrazioni MP3 della medesima registrazione sulla segreteria è errata perchè erroneamente tarata la data del registratore digitale)
  • circa 36 ore dopo feci sentire più volte la telefonata registrata dalla segreteria telefonica alla mia compagna Patrizia Stefania Eugenia Foiani attraverso il cellulare con il quale l’avevo ricevuta. Rimase esterrefatta da questo primo ascolto attraverso il cellulare e ancor di più successivamente ascoltando il file digitale della registrazione ricavato dal server. L’episodio avvenne nella cucina di casa dinanzi ad altri testimoni.
  • Le tre versioni della registrazione furono poi da me salvate su pc.
  • Sottoposi la traccia audio lasciata sulla mia segreteria anche al mio avvocato di allora Antonella M. Rustico, avendo con lei accordo di incontrarci in via Crescenzio altezza civico 52, in auto dinanzi al locale FONCLEA, dove ci eravamo recati separatamente per desinare, ascoltare concerto e musica e appunto farle ascoltare quanto sopra.
Tutte le circostanze indicate sono agevolmente riscontrabili tramite verifica delle mie telefonate alla segreteria telefonica e attraverso le celle impegnate sia dal mio cellulare che dal cellulare dell’avvocato anzidetto.
Nel video che precede quesra parte ho ommesso , dopo breve presentazione a cura della cointeressata  Patrizia Foiani, le tre registrazioni digitali della mia segreteria telefonica (effettuate mediante cellulare in viva voce e registratore digitale) e il video-audio della trasmissione radio. Ovviamente dopo il congruo periodo di tempo la registrazione della segreteria su server non fu più reperibile.
Faccio infine presente che i diversi episodi di corredo indicati nella trasmissione radio ( video audio sopra indicato ) sono tutti testimoniati anche da Patrizia Foiani, la quale presente in auto con me mi sentì ritelefonare ai due numeri che mi risultavano avermi chiamato tre volte nell’arco di un pomeriggio, credo immediatamente successivo all’episodio della segreteria. Assistette quindi al colloquio con la sedicente psicologa e l’avvocato che raccontò di avere studio in Roma Ostia zona Casal Palocco, e al mio dialogo con essi quando mi furono nominati Pietro Saviotti e Perla Lori (noti magistrati della Procura di Roma le cui vicende sono legate alla mia persona vedi allegato articolo UN BEL GUAZZABUGLIO: Questa è la trama di un film, peccato che è tutto al millimetro vero) giocando sul nome o fantomatico o veramente pertinente e usato per la evidente ”assonanza”, di una “Sara Ferraro” già cercata e poi sulla correzione in Ferrara (cognome dell’allora Procuratore capo della Procura presso il tribunale di Roma, che compare tra le persine indicate e denunciate col MEMORIALE  ) del cognome della millantata o usata persona con nominativo Sara.
Il tutto appariva a prima valutazione un complesso marchingegno o un fatto suscettibile di varie interpretazioni ma in ogni caso difficilmente attribuibile a casualità. La telefonata consisteva, lo ribadiamo, in una registrazione ambientale trasmessa telefonicamente sulla mia segreteria telefonica; ferma restando l’evidenza della artificiale operazione, e si irraggiavano varie interpretazioni possibili: a prescindere persino dalla artificialità della elaborazione digitale della voce della Foiani, poteva trattarsi di una semplice comunicazione, di un avvertimento o ancora di un tentativo di creare una reazione mia, magari per indurre una rottura del rapporto personale con la Foiani. La destabilizzazione socio affettiva è la metodica che appartiene alla vicende globali mie ricostruite sotto vari profili retroattivamente .
2. IL FATTO
Dopo questa premessa necessaria, indico che la registrazione dalla segreteria telefonica fu da me ascoltata per la prima volta intorno alle ore 14:45 mentre attendevo fuori dal suo ufficio la mia compagna dott.ssa Patrizia Stefania Eugenia Foiani. Questa circostanza può essere riscontrata tramite tabulati. Attesi tuttavia la sera del giorno dopo per parlarne con lei, perchè dovevo capire e chiarirmi le idee.
La registrazione su segreteria che si ascolta appare come evidente sovrapposizione di traccia digitale sul tracciato di una telefonata effettivamente ricevuta in segreteria. Difatti il numero di cellulare indicava che la traccia era “intestata” al numero di cellulare della mia anziana madre. Inoltre dal più attento ascolto della medesima traccia audio si percepisce una voce farfugliante diradata e in palese sottofondo estraneo alla registrazione “primaria “ sovrapposta “,   che attribuisco con ragionevole certezza alla genitrice.
Prima della parte sovrapposta della registrazione si ascolta subito la voce di una diversa donna che con impronta tipica vocale afferma “certo”. Tale voce appare estranea al contesto sottostante e quello “primario “ e dovrebbe essere rimasta incautamente  od allusivamente nella registrazione digitale.
La registrazione, necessariamente ambientale, consiste in un dialogo tra un uomo ed una donna dalla quasi identica voce di Patrizia Stefani Eugenia Foiani . Dal tenore del dialogo si capisce scopo e natura della “operazione “ posta in essere .
Come la Foiani stessa indicherà (e a tale conclusione ero già giunto) l’intercalare e l’uso della fraseoologia  non appaiono linguisticamente riferibili alla Foiani, mentre ella con assoluta certezza negò immediatamente che la voce fosse la sua, pur rimanendo esterrefatta per la udibile somiglianza. Da rimarcare ancora che in sottofondo è ascoltabile la voce “farfugliante ” della mia anziana genitrice e che tale sottofondo già ad un semplice ascolto attento  appare frutto della sovrapposizione di due tracce foniche diverse.
Riporto di seguito con eventuali possibili inesattezze il dialogo che si ascolta registrato “D. – sei sicuro dicendo ma .. sei sicuro ..va bene che ti puoi anche innamorare di me e io gli ho detto ma .. anche tu puoi far male a qualcuno “ U. – “lui che ha detto ” D. – “perchè hai detto sì …questo non mi piace…ci siamo incontrati lunedì… cosa pensi mai ” U. – “che oggi  se non va riciccia …. scusa 
Il dialogo, il contesto generale e specifico e il fatto collegato quantomeno in sequenza cronologica anche degli altri episodi succintamente indicati nella nota trasmissione radio, nonché la finalizzazione della immissione sulla segreteria telefonica, appaiono con sufficiente evidenza individuabili ( movente ) . Ma letteralmente inusitata è la tecnica di “modulare” la voce per renderla simile a quella di Patrizia Stefania Eugenia Foiani.
Che di sovrapposizione della registrazione ambientale “rimodulata” si tratti è però assolutamente pacifico, anche perchè il sottoscritto tra riascolti vari ebbe a ritelefonare alla segreteria quasi una decina di volte se non più. Il tutto pluri testimoniato e in vari modi verificabile .
Siamo pertanto dinanzi alla certa immissione di un contenuto digitale estraneo in corrispondenza della casella medesima, il ché comporta necessariamente e per tempo adeguato la alterazione della base digitale del server OMNITEL VODAFONE .
Un reato della cui struttura ed obiettiva consistenza, dedotta da registrazioni e ascolto diretto della segreteria telefonica subito da parte di ben cinque persone compreso me, non è possibile dubitare IN ALCUN MODO.
Risulta pertanto integrato il reato procedibile di cui all’ Art. 617 sexies
Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche”
Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di arrecare ad altri un danno, forma falsamente ovvero altera o sopprime, in tutto o in parte, il contenuto, anche occasionalmente intercettato, di taluna delle comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne facciano uso, con la reclusione da uno a quattro anni.” La pena è della reclusione da uno a cinque anni nei casi previsti dal quarto comma dell’articolo 617 quater.
Qualora le indagini fossero effettivamente svolte di iniziativa si potrebbe altresì accertare almeno in via logica la modalità operativa adottata, la possibile integrazione della aggravante e verificare se si sia intervenuti da PC in sede di server OMNITEL o mediante accesso abusivo esterno sempre al sistema telematico della OMNITEL . E ovviamente  la abusiva intercettazione od acquisizione anche del messaggio tlefonico poi divenuto sottofondo originariamente immesso nela segreteria ed usato –
In relazione a reato affatto diverso di diffamzaione (TRASMISSIONE BORDERNIGHTS 107) emerge quantomeno l’ipotesi di uso di programma informatico di alterazione vocale, di facile reperibilità. Ed appare logico ipotizzare che un programma analogo possa/debba essere stato utilizzato per la alterazione vocale della voce che si sarebbe voluto che io riconducessi a Patrizia Foiani.
Faccio presente, ben conoscendo alcune cadenze argomentative di una certa magistratura, che se anche in ipotesi (ovviamente falsa) si asserisse che la voce femminile nella registrazione della segreteria telefonica fosse quella autentica della Patrizia Foiani, il reato di cui all’art 617 sexies sarebbe comunque integrato senza ombra di dubbio e senza alcuna speranza di manipolare argomentativamente il dato. Vi sarebbe anzi in questa ipotesi un terzo reato certo ( registrazione ed intercettazione ambientale di un colloquio vero ) . 
Ma è in ogni caso è ragionevolmente certo che:
1. si è operato costruendo dialogo e alterando vocalmente il medesimo ;
2. il contenuto del dialogo era evidentemente rivolto ad un fine attinente la mia persona agevolmente percepibile, a partire dal fatto che fossi il destinatario della registrazione su segreteria;
3. il contesto storico cronologico in cui il fatto reato deve quantomeno essere inquadrato è pacifico e confortabile con testimonianza diretta anche di terze persone.
Inoltre è d’uopo chiarire che vi è una ipotesi possibile persino su chi abbia registrato la voce di Patrizia Foiani, per consentirne lo studio e creazione della mappa fonetica e vocale successiva. 
La  ulteriore indicazione a riguardo potrebbe  apparire utile o vagliabile concretamente solo se venissero svolte serie ed approfondite indagini .
Nel gennaio 2014 verrò immessa in rete poi la conversazione registrata con pesrona infrmata che racconterà dei percorsi di attenzionamento e manipolazione  attorno a Paolo Ferraro attivati da decenni . 



Nella trasmissione ed intervista di RADIO IES del marzo 2012 il fatto nei suoi dati essenziali era stato già portato a conoscenza di un vasto pubblico radiofonico ed illustrato dopo l’ascolto  della registrazione in diretta radio 


Categorie: apparati deviati, CELLULARE, David Gramiccioli, fra-massonerie, massonerie, OMNITEL, Paolo Ferraro, Patrizia Stefania Eugenia Foiani, RADIO IES | Lascia un commento

MASSONERIE E FRAMASSONERIE ROSSO BRUNE . SONO ALLO SCOPERTO

MASSONI ROSSI: QUANDO LA SERA ANDAVAMO DA LICIO GELLI

articolo tratto da sito sulatesta di Gianni Lannes 


di FURIO LO FORTE  



Partiamo da un libro shock sui “Panni sporchi della sinistra” per ricostruire quell’asse inconfessabile che da tempo collega uomini dell’ex Pci ad una certa parte della magistratura, con la supervisione delle massonerie organiche ai poteri finanziari internazionali. Il quadro di un Paese nel quale si decidono a tavolino epurazioni e ribaltamenti dei governi, si eliminano i giornalisti indipendenti e si abbandonano i testimoni di giustizia     

  

Non c’è bisogno di andare molto lontano per scovare la malapianta dentro cui affonda le radici la guerra non dichiarata – ma che ha già fatto molte vittime – da parte di segmenti strategici della magistratura e dello Stato contro giornalisti, testimoni di giustizia ed esponenti dell’antimafia che con le loro denunce sono andati a toccare in questi anni nervi scoperti del rapporto fra istituzioni italiane, massoneria internazionale e malavita organizzata.

Punto di svolta è – come da più parti ricordato – l’arco temporale che va dalle stragi del ’92-’93 ai primi anni di Mani Pulite. Da qui in poi finiscono gli attentati dinamitardi. E il sangue sulle strade resta riservato ai capetti dei piccoli clan locali in lotta fra loro per il racket o per lo spaccio nel quartiere. E da qui scende direttamente in campo quella parte della magistratura che risponde a poteri “altri”. Da quel momento in poi non c’è più bisogno di uccidere. Basta procedere a colpi di perquisizioni, sequestri, delegittimazioni, arresti, o anche solo sfinimento per processi che costano cifre enormi soltanto per pagarsi gli avvocati.

C’è un grande libro, uscito in questi giorni, che irrompe nel dibattito sulle vere ragioni della crisi che sta devastando e decimando l’Italia. Lo ha scritto, insieme a Stefano Santachiara, Ferruccio Pinotti, l’unico giornalista italiano che non nutra timori reverenziali ne´ per il potere e nemmeno per la magistratura, e che sia in grado, raccogliendo le prove, di rendere il quadro osceno di quello che ci sta davvero accadendo.


Ne “I panni sporchi della sinistra”, pubblicato con altrettanto coraggio e impegno civile da Chiarelettere, Pinotti dipana lucidamente il filo che ha intrecciato negli ultimi cinquant’anni la storia dell’ex Pci e dei suoi uomini di vertice (in primis il capo dello Stato Giorgio Napolitano) con le protezioni filoatlantiche riservate a quella parte politica dalla massoneria internazionale e statunitense. Senza mai dimenticare il ruolo che, nei momenti decisivi di questo connubio, è stato svolto da una certa magistratura, specialmente quella che sarebbe poi apertamente passata nell’agone politico. Ancora una prova, il libro, che se oggi si vuole seriamente analizzare la massoneria bisogna partire da quella compagine “rossa” che racchiude gli inconfessabili rapporti di alleanza fra il Pd, Magistratura Democratica (ma non tutta, e non solo), e i loro referenti sovranazionali di matrice massonica.

LA SERA ANDAVAMO DA GELLI

Il rivolgimento epocale al vertice delle istituzioni italiane avvenuto fra 1992 e 1994 non fu certamente dovuto ad un certo Mario Chiesa, pescato con le mani nel sacco mentre prendeva tangenti per il Pio Albergo Trivulzio. Se ormai tutti gli storici – anche i più irregimentati – concordano sulla bufala del “mariuolo” Chiesa, fatta passare ad arte come pietra dello scandalo, meno noti risultano alcuni particolari dell’epoca che convergono sulla triangolazione ex Pci-Md e Massoneria quale “mandante” vero di quella Tangentopoli che in poco più di un anno avrebbe sostituito in blocco la classe dirigente italiana.

Attraverso la relazione – rimasta segreta – fra una donna che aveva lavorato in quegli anni al servizio della famiglia di Licio Gelli ed un noto esponente della allora “Milano da bere”, alla Voce è filtrata la notizia che in quegli anni a Villa Wanda era stato ricevuto, in veste tutt’altro che ufficiale, un importante magistrato collegato al pool. Lo stesso – secondo la testimone – si sarebbe trattenuto a lungo col Venerabile in uno o più incontri, definiti dalla donna “di tono conviviale”.

Se questa circostanza risultasse verificata, troverebbero ulteriore conferma anche altre ricostruzioni che emergono dal libro di Pinotti. Come quell’incredibile gioco delle parti fra centrodestra e centrosinistra, nel quale i burattinai (o “illuminati”, trilateral o bilderberg, che dir si voglia) scaricano o esaltano gli uomini di potere per i quali “è giunta l’ora”, indipendentemente dalle appartenenze politiche, secondo logiche di regia occulta dell’economia – o della dis-economia – italiana.

Una chiave che spiegherebbe, ad esempio, quanto nel libro di Pinotti e Santachiara si documenta circa il feeling politico di lunga data, benedetto dalle comuni simpatie massoniche, fra Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi. Il capitolo si intitola Silvio e Giorgio: affinità e “fratellanza”? «Il complesso rapporto creatosi nel corso degli anni tra Berlusconi e Napolitano – si legge – suggerisce sintonie che spesso vanno oltre la simpatia personale e il reciproco rispetto che può esistere tra figure che dovrebbero essere radicalmente lontane, sia per storia intellettuale e professionale sia per schieramento politico». Del Cavaliere si ricorda, oltre alla conclamata appartenenza alla P2, la minuziosa simbologia massonica fatta erigere nel mausoleo della villa di Arcore, senza contare le affermazioni del confratello ribelle, Gioele Magaldi, secondo il quale Berlusconi avrebbe fondato a suo tempo una officina autonoma con poteri sovranazionali, la “Loggia del Drago”, cui si dovrebbe, fra l’altro, buona parte del trionfo elettorale dal ’94 in poi.

Molto più complesso – ammettono gli autori – il discorso che riguarda Napolitano. A parlare è stavolta un avvocato da sempre molto vicino al presidente, che rivela: «Già il padre di Giorgio Napolitano è stato un importante massone, una delle figure più in vista della massoneria partenopea». L’avvocato Giovanni, figura di primo piano delle elites culturali partenopee di inizio ‘900, «avrebbe trasmesso al figlio Giorgio non solo l’amore per i codici, ma anche quello per la “fratellanza”». Analogo transfert ci sarebbe stato tra il futuro presidente e Giovanni Amendola (padre di Giorgio Amendola), massone e figura carismatica del Pci.

IL VOLTO “SORRIDENTE” DEL PCI

Nel tentativo di spegnere l’onda d’urto generata dall’uscita del libro di Pinotti, il Venerdì di Repubblica del 13 dicembre pone in copertina un giovanissimo Napolitano. E nell’articolo interno si dilunga sulle attenzioni che gli Usa hanno riservato a quel «volto sorridente del Pci», come veniva definito nei cablo rimasti per anni segreti. Ne vien fuori il ritratto di un alto dirigente colto e moderato, per lungo tempo seguito dalla Cia, perno dell’equilibrio che ha tenuto in piedi l’alleanza fra gli Stati Uniti e l’Italia. Niente a che vedere con le rivelazioni bomba contenute nel volume di Chiarelettere.

Eppure, a ben guardare, anche il pezzo del Venerdì proprio a quelle rivelazioni aggiunge qualcosa di interessante. Come quando ricorda il ciclo di conferenze tenute da Napolitano nel 1978 a Chatham House, Londra. Parliamo di uno dei principali centri del potere occulto mondiale ancora oggi. O quando nel pezzo si riporta la comunicazione riservata sul terrorismo in Italia dell’ambasciata inglese a Roma al ministro degli esteri britannico Caroline Redman: «Napolitano è rimasto del tutto sconcertato dalle esternazioni di Pertini sul terrorismo italiano manovrato dall’estero (…). Non ci sarebbe stato da sorprendersi, ad esempio, se la Francia si fosse offesa». La comunicazione è datata 19 febbraio 1981. Appena sei mesi prima, il 27 giugno 1980, nei cieli di Ustica un Dc 9 dell’aeronautica civile con 81 persone a bordo veniva abbattuto da quello che dopo molti anni si confermerà come un atto di guerra congiunto di Francia e Stati Uniti per eliminare il comandante libico Muammar Gheddafi.   

Arriviamo al 1998: «i servizi segreti – ricostruisce Pinotti – avevano avvisato il Viminale delle capacità di fuga di Gelli durante la sua detenzione nel carcere svizzero di Champ Dollon». Eppure nel maggio di quell’anno «il Viminale guidato da Napolitano non riesce a evitare la fuga all’estero del capo della P2 Licio Gelli dopo l’ennesima condanna per il crac dell’Ambrosiano. Nonostante le ingenti risorse informative del ministero dell’Interno, il Venerabile lascia l’Italia indisturbato».

Comunque, tra i “volti sorridenti del Pci”, a Napoli si ricorda anche quello di Eugenio Jannelli, altrimenti detto il “barone rosso”. Scomparso nel 2005, il caposcuola dell’ortopedia partenopea, iscritto al Pci dal 1947, poi parlamentare, era fra gli amici più stretti di Napolitano. E fu proprio in Transatlantico che i cronisti della Voce lo incontrarono nel 1994, quando sulle pagine del mensile comparvero per la prima volta gli elenchi della massoneria in Campania. Perche´ fra i nomi dei confratelli spiccava il suo, quello dell’onorevole Jannelli. Alle nostre domande si schermì col sorriso del nobiluomo d’altri tempi e preferì non rispondere. 

GIRO MANCINO

Studiosi e investigatori di fatti massonici – nel cui novero va considerato a buon diritto Ferruccio Pinotti, autore dei non meno dirompenti Fratelli d’Italia (2007) e Vaticano Massone (2013) – ci hanno spiegato da tempo che le personalità “di peso” vengono generalmente affiliate a logge estere. Come la Freedom di New York, che letteralmente pullula di italiani, o le diverse comunioni collegate a centri di potere come la stessa Chatham House, a Londra, o l’Aspen Institute, a Washington. Da qui la difficoltà a tradurre in prove concrete quell’aura di occultismo che aleggia intorno a tanti big delle nostre istituzioni. Salvo sporadici “incidenti di percorso”. Capita per esempio quando un empito di vanità spinge un leader a firmare un editoriale su una rivista ufficiale della massoneria, o a non astenersi dal presenziare ai convegni organizzati dai confratelli.

Il sito ufficiale del Grande Oriente d’Italia possiede nell’archivio online un gran numero di riviste riferibili alla “cultura” massonica fra cui Il pensiero mazziniano, che nel numero di dicembre 2009 vedeva come firma illustre quella di Nicola Mancino, autore di un saggio sul meridionalista Michele Cifarelli del Partito Repubblicano Italiano.

Nel 2009 Mancino era già vicepresidente del Csm da tre anni. In sostanza, dal 2006 al 2010 alla guida della giustizia italiana siedono due uomini accreditabili quanto meno di stima e simpatia verso la massoneria: il presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giorgio Napolitano, capo dello Stato, e il vicepresidente Nicola Mancino.

Sui rapporti fra Mancino e Napolitano emersi nel corso delle indagini della Procura di Palermo sulla trattativa stato-mafia si sofferma a lungo il libro di Pinotti, che ricorda come «nel novembre 2011 Mancino, preoccupato per la piega che ha preso l’indagine di Palermo», «comincia a tempestare di chiamate uno stretto collaboratore del Quirinale, responsabile degli affari dell’amministrazione della giustizia», Loris D’Ambrosio. Fino al 27 giugno 2012, quando arriva lo scoop di Panorama sull’esistenza di dialoghi tra Napolitano e Mancino intercettati sull’utenza di quest’ultimo. Un mese dopo, il 27 luglio, Loris D’Ambrosio muore d’infarto mentre si trova nel suo studio. E «il 4 dicembre 2012 la Corte costituzionale accoglie la richiesta di distruggere le quattro telefonate della discordia, assicurando che “Il presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o attentato alla Costituzione”».

MAGISTRATURA E “DEMOCRATICI”

Risale ai tempi del “barone rosso” Jannelli, o del comunista-massone Amendola, quella stretta vicinanza che tuttora dura fra gli ex Pci e tanta parte della magistratura italiana, quasi sempre riunita sotto i vessilli di MD, Magistratura Democratica.

Esponente di punta di MD era ad esempio, quando ancora faceva il magistrato, Alberto Maritati, altra figura emblematica ricordata ne “I panni sporchi della sinistra” per il suo passaggio dall’ordine giudiziario alla carriera politica di ordinanza dalemiana. Dobbiamo tornare al 1994, quando il futuro lider maximo viene iscritto nel registro degli indagati per un finanziamento ricevuto dal re della sanità pugliese, Francesco Cavallari. Interrogato dal pm Alberto Maritati, ad aprile ’94 Cavallari vuota il sacco: «Non nascondo che in una circostanza particolare ho dato un contributo di 20 milioni al Partito Comunista. D’Alema è venuto a cena a casa mia e alla fine della cena io spontaneamente mi permisi di dire, poiche´ eravamo alla campagna elettorale del 1985, che volevo dare un contributo al Pci». Ora proseguiamo su Wikipedia: «Maritati archiviò il processo D’Alema nel 1995 per decorrenza dei termini di prescrizione, nonostante lo stesso D’Alema avesse dichiarato di aver ricevuto illegalmente un finanziamento per il Partito Comunista. Maritati si candidò quindi per volontà di D’Alema nel giugno 1999 e rimase in carica come senatore del Pd fino al febbraio 2013, quando rinunciò a partecipare alle primarie per le nuove elezioni politiche».

Ne´ meno significative, da questo punto di vista, sono state le intese politiche fra l’ex Pci di D’Alema e il “simbolo di Mani Pulite” Antonio Di Pietro: nemmeno il tempo di lasciare la toga (maggio 1996) e si ritroverà prima ministro dei Lavori pubblici nel governo Prodi, poi candidato al Mugello per volontà di D’Alema.

IL BLOCCO

Dal libro di Pinotti e dalle tante circostanze via via venute alla luce grazie alle sue rivelazioni, emerge con chiarezza, forse per la prima volta, un blocco di potere granitico, trasversale, pronto ad entrare in azione con qualsiasi mezzo per indirizzare i destini delle nazioni. In questo caso, la nostra. Un blocco che ha solo in apparenza le sembianze della “vecchia” ideologia di stampo comunista ed è invece capace, come abbiamo visto, di appoggiare (o affossare) i suoi referenti di punta per determinare gli effetti prestabiliti sulle economie dei Paesi occidentali. Uno scenario nel quale ad un personaggio come Silvio Berlusconi per vent’anni non si addebitano sul piano giudiziario le responsabilità connesse ad affari e frequentazioni più volte documentate con gli “uomini d’onore”, ma si attua la sua eliminazione dalla scena politica al momento stabilito, attraverso un processo (senza prove) per presunti rapporti con una navigata velina quasi diciottenne. 

E’ da qui, da questo blocco, che dobbiamo partire per spiegare come siano finiti sotto i colpi di una violenta ed incessante delegittimazione “giudiziaria” gli stessi magistrati che avevano osato squarciare il velo sui santuari nascosti del potere (nel libro di Pinotti c’è un edificante capitolo sul caso di Clementina Forleo), o quei tanti giornalisti che avevano provato a raccogliere prove ed erano arrivati vicini al grumo di interessi che sta devastando il Paese e decimando la popolazione. Cronisti indipendenti, non protetti dai grossi capitali di editori come Carlo De Benedetti (il quale peraltro, come documentato dallo stesso Pinotti in Fratelli d’Italia, era iscritto alla P2 esattamente come il “nemico” Berlusconi, dal quale oggi pretende altri 32 milioni di “danni non patrimoniali”, dopo che la Cassazione gli aveva già assegnato la stratosferica somma di 494 milioni, sempre di provenienza “cav”).

Ed è sempre a quel blocco che dovremo d’ora in poi riferirci se vorremo capire perche´ centinaia di testimoni di giustizia come Gennaro Ciliberto (vedi anche box a pagina 6), persone oneste che hanno rischiato a viso aperto la propria vita e quella dei loro familiari per far condannare i mafiosi, si vedono costretti ad inscenare manifestazioni dinanzi a Via Arenula, o al Viminale, sono stati abbandonati al loro destino, privati di case, lavoro e spesso anche affetti, al punto che molti non riusciranno nemmeno ad arrivare vivi alle udienze nelle quali saranno chiamati a confermare le tremende accuse che inchiodano i boss, guardandoli in faccia.

fonte:



UNA COMPLESSA ORGANIZZAZIONE CRIMINALE APPARENTEMENTE ( SOLO ) INVINCIBILE , composta ai vertici da colletti bianchi opportunamente infiltrati e gestiti,   in particolare appartenenti al medesimo potere giudiziario che dovrebbe accertarne natura e reati  , assommando  alla  autorevolezza   che le deriva dalla immagine del potere medesimo, la   forza intimidatrice ed omertosa che nasce dal condividere e gestire potere ed attività riconducibili ad alcuni  vertici militari, psichiatria di apparato e appartenenti a caste professionali “accessorie” .  

https://vimeo.com/channels/cddpaoloferraro/83975323


La trama cancerosa si è incistata dapprima nelle strutture riservate e segrete dello Stato, cementando o condividendo e talcolta strumentalizzando addirittura anche poteri criminali di tradizionali organizzazioni legate al territorio e gestendo  un progetto di caste in parte condiviso, tra diverse aree. A livello internazionale gode di una ramificazione e coperture dai due mondi.
UNA struttura e forza deviata ad alta capacità  diffusiva  e di infiltrazione ulteriore , legata a caste essenziali quale quella degli psichiatri dell’apparato  e psicologi e sociologi affiliati a progetti,  potenziati dal  patto  con la cordata deviata giudiziaria e con le caste irretite ( ” STATO SOCIALE: MAGISTRATURA PSICHIATRIA ED IL CAVALLO DI TROIA “ ) , nonchè dalla  più generale  potenza economica e di influenza delle lobbies ( farmaceutica, industrial militare e via dicendo ) cui è strettamente collegata. 

Tale tipologia “unica” di  organizzazione criminale,   in parte strutturata ed in parte fluida,    usufruisce  di  sistemi complessi di violenza e protocolli che assommano tutti  i vari piani  della violenza morale  e fisica teoricamente  esercitabile e praticamente posta in essere : talvolta  impiega  metodologie e tecnologie estremamente sviluppate,   e tenute parzialmente od in tutto nascoste alla pubblica opinione, anche se il cuore operativo è costituito dalle tecniche di accerchiamento e distruzione degli individui e gruppi sociali ( TAVISTOCK 1.0 e  TAVISTOCK 2.0  cui rinviamo ). 

1. UNA STRUTTURA LA CUI RIMOZIONE E’ LA VERA UNICA PRIORITA’ PERCHE’ IN PRESENZA DI ESSA ESISTE SOLO LA ILLUSIONE DI POTER INDIRIZZARE SCELTE E STRATEGIA . 
E’ questa struttura che detiene il controllo e falsifica e rende inutile ogni petizione politica di principio e persino le corrette analisi politico economiche e strategiche poggiate sul visibile ed anche su piani storico strategici.
SE fosse stata una mera escrescenza od un evento secondario , non avrebbero mosso e costruito interi apparati di supporto.
Si tratta, al contempo, dell’unico vero  GOLPE strisciante e “scientifico”. 
L’unico da cui dipende il vero potere reale e che ha ingrippato la stessa democrazia , imbavagliandola e svuotandone ogni potenzialità.
Le scelte economiche e l’EURO e le strategie politico economiche ne sono  la applicazione e la concreta deriva  ma senza esso non si sarebbero potute realizzare e da esso vengono mantenute relativamente salde .  Senza di esso  MES, piani si stabilità , EURO, trattati di Lisbona e via dicendo non sarebbero passati in via  indolore in Italia con l’intero assenso della sub casta politica interamente controllata,  e senza rimuovere questa fluida e complessa ma anche organizzata struttura nulla si potrà realizzare. 
La vulgata secondo la quale con la/e  sovranità nazionale/i sarà risolto il problema è anche  percio la più ignobile delle suggestioni e manipolazioni verbali, condivisa spesso inconsapevolemente.
Dire,  propalare e fare oggetto di attività politica il concetto secondo il quale ” La soluzione del problema consiste nella soluzione del problema ” è l’inganno più sottile  e macabro immaginabile . 

Dire che per ripristinare la /le sovranità monetaria statuale  ed altre e la potestà di decidere occorre disarticolare decenni di strategie che hanno effettivamente imbavagliato ed in modo estremamente efficiente scelte e meccanismi decisionali e che si gioca in ciò la partita prioritaria,  è invece educare alla storia ed alla politica secondo obiettivi concretamente orientati . ( * 

SE ne prenda atto , ragazzi di “Lo sai” , signoraggisti e sovranisti : avete nominato e fatto nominare l’obiettivo ingenerando una  falsa credenza secondaria ma perniciosissima, che sia fare politica il nominare l’obiettivo,   mentre questo era per definizione irraggiungibile per difetto di concretizzabilità della volontà politica . E non a caso la infiltrazione di demagoghi di apparati e servizi, oltre sui piani deliroidi che inseguono fatti veri e analisi vere con fatti manipolati e costruiti ad arte magari sub veste “esotericheggiante ” , si è esercitata su quel  signoraggismo inerme e imbelle che soffia sulle generiche ceneri di un ribellismo plasmabile a piacimento.
In nome e per conto di questa organizzazione complessa, e dei poteri fondamentali sovrastanti, senza esibire il mandato, certo .   

2. NONOSTANTE TUTTO UNA ORGANIZZAZIONE SIFFATTA NON E’ AFFATTO INVINCIBILE E “TEME” PER LA SUA STESSA SOPRAVVIVENZA  . 
Una complessa a potente  organizzazione siffatta però  teme (1) la informazione e conoscenza, perchè teme (2)  la difficoltà pratica e teorica di controllare in tutti i suoi gangli il potere statuale e giudiziario ( che è DIFFUSO  territorialmente  ma equipollente , ogni procura e giudice assumendo una quota integra del potere cui appartiene   ) e  teme (3) le risorse democratiche di uno Stato occidentale,  di cui pure ha progettato la occupazione e l’asservimento mediante  una scalata necessariamente lenta e progressiva ( nel rispetto di rapporti di forza e della esigenza di non attirare troppo la attenzione ) , infine teme (4) la conoscenza approfondita a livello internazionale “avverso” di ciò che ha portato a compimento o fatto, specie se è in itinere ancora il percorso che è, ripetiamo,  necessariamente lento e “strisciante “. 
E nonostante si muova anche in campo internazionale per condividere percorso e progetto su scala mondiale , tale organizzazione complessa trova ivi riprodotte in modo esponenziale  le difficoltà nazionali , e continentali  e quindi teme (5) il mutare dei rapporti di forza e delle condizioni geopolitiche
E deve gestire o coprire attività criminali ramificate e fenomeni degenerativi che ne costitiscono l’humus di rafforzamento e crescita,  intervenendo  sapientemente , eliminando soggetti “pericolosi ” e occultando vicende dalla coscienza comune : un lavorio omicidario e di accerchiamenti, e di controllo continuo sinanche delle fonti informative , diffuso ma “stressante” e teme (6) i punti di frizione e rottura che possono riverberarsi sull’apparato sotterraneo . 
Quindi deve rafforzare anche la struttura centrale che,  oltre ad oliare e razionalizzare scelte e tappe,  individui ed analizzi tali punti di frizione e rottura indicando le “terapie ” , il chè mentre la rende al vertice ancor più “organizzazione” in senso proprio  la rende , se opportunamente disvelate le metodologie e dinamiche nonchè i luoghi ed uomini ,  ancor più “individuabile ” nella sua cupola  . 
SE poi lo sviluppo ed il rafforzamento della stessa organizzazione e delle dinamiche ad essa utili ( sociali e politiche ) è stato pensato per accompagnare sorvegliare e poi gestire il crollo globale economico o la distruzione programmata di intere aree (mediterranee, essenzialmente), controllando ferreamente le caste politiche letteralmente asservite ed irretite,  ma il progetto incontra difficoltà anche teoriche e tecniche , per    il risveglio globale della coscienza e la  azione di masse non solo eterorodirette,  teme dannatamente (7)  che lo schema tattico e strategico esposto alla analisi collettiva e letteralmente “messo a nudo ” giustifichi e motivi interventi internazionali su scala continentale o più vasta . 
Questa tipologia di interventi ,  potenti e non contrastabili su scala nazionale,  rendono  potenzialmente inutili persino il diuturno lavoro di infiltrazione e di strumentalizzazione dei movimenti popolari e la progettata utilizzazione di questi per pronuciamenti a copertura militare,  travestititi come popolari, e di norma pensati per fare da ponte alla restituzione del potere alle medesime caste tradizionali di classi dominanti . 
Infine questa “condivisa ” struttura teme (8) che proprio il cemento “condiviso” si deteriori e che dinamiche centrifughe nell’era dello scioglimento dei ghiacci, rendano ingestibile l’apparato costruito,  immobilizzato , ai fini del progetto finale, e disgregato da guerre violente e sotterraneee e da veti incrociati , e  teme ciò  come il diavolo teme l’acqua santa  .  

Ed è SOLO su questo ottavo piano che le direttrici e conoscenze culturali esoteriche , più attente  alle strategie di lunghissimo periodo ed  alle discriminanti  più profonde,  soccorrono in una  analisi che voglia dare conto dei reali movimenti sui vari piani coinvolti. Per il resto le discrimanti esoteriche invece confondono, forniscono maschere e facce deformate che servono a coprire la natura reale e concreta di queste dinamiche di concreto potere e concreto dominio, sia pure sotterrameamente realizzato e con varie attività criminali a supporto necessario , trasfigurate in chiave per l’appunto anche esoterica . 
Ciascuno rifletta quanto pesino esigenze sinanche solo di addestramento  militare o tattico politiche , nelle violenze ed uso delle donne e bambini in particolare ROM in ambiti militari di intelligence e non . ( vedi articolo su ” GENOCIDIO ETNICO INFANTILE, PARAFILIA, PEDOFILIA ELITE MILITARI …. ” ). 
3. LE DIRETTRICI SEGUITE E IL PERCORSO PORTATI A TERMINE.
Quanto costruito e portato a termine con la Grandediscovery ,  mirava esattamente a tutti e OTTO  i punti di frizione storica , paura e debolezza di tale tipologia di organizzazione CRIMINALE complessa .   
Ed interloquiva da lontano con i soggetti e sui piani sopra richiamati,  in via prioritaria ed elettiva . 
Nella necessità di “affrescare” minutamente settori e metodologie, vicende e uomini, organizzazioni subordinate e dinamiche, partendo da una concreta vicenda embematica , abbiamo apparentemente reso  sin troppo articolato il lavoro  . 
La necessità di fornire il massimo delle prove valutabili e un dettaglio di una  concreta vicenda a monte ( sin dai “prodromi ” ),  emblematica ed idonea a fornire tutte le chiavi concrete e a fondare lo sviluppo della analisi successiva, ha reso poi  il lavoro iniziale lontano dal linguaggio e dalle tecniche comunicative “ordinarie ” ma si è trattato di una scelta “necessitata ” . 
La difficoltà di  partire da una vicenda appartenente anche ad una sfera “personale” ( sebbene di una persona particolare proveniente da una esperienza particolare e da un multiplo epicentro )   e di fare ciò  nella posizione di attenzionato con metodologie ultraventennali  di distruzione socio-psichiatrico-istituzionale , non poteva che essere aggirata accompagnando la illustrazione e decodificzione del tutto con una ancor più attenta ricostruzione generale . 
Ora chiudendo il cerchio e ritornando alla vicenda a monte ed ai suoi prodromi , si è rotto defnitivamente l’incantesimo attorno al quale girava la macchina del fango e la tenuta stagna di tali attività  manipolatrie e “criminali” di caste “criminali”  . 
Persino la analisi contestualizzata delle prove audio ricavabili dalle intercettazioni ambientali “private ” nella abitazione civil miltare della Cecchignola, che oggi proponiamo conclusivamente, è ormai superata dalla ricostruzione di prodromi e ruoli e consapevolezza della magistratura deviata della Procura romana deviata ( vedi articolo ultimo ” VERTICI MILITARI MAGISTRATURA ROMANA  DAL 1985  .. ” ) e a loro volta persino le telefonate.   che pure hanno riscosso tanto interesse,  e che inchiodano alle sue antiche e strette frequentazioni magistrato di spicco ( Stefano Pesci ) e limitrofi ( Agnello Rossi, Giovanni Ferrara Giuseppe Cascini ed altri . cordata magistratuale discendendo ) ,  sono semplicemente un corredo  ulteriore . 

Dalla semplice disamina globale delle vicende a monte la procura deviata ( non certo la Procura di Roma appartenente all’ordinamento giudiziario del nostro ordinamento costituzionale),  già porto delle nebbie, emerge oggi come oggi come “porto dei rifiuti tossici nocivi e mortali”. 
Una definizione non casuale atta a segnalare inequivocamente un salto di qualità negativo  in un  ambito  centrale per  vicende e snodi istituzionali . 
Un ruolo  che corrisponde alla ascesa della potente e pericolosissima cordata contro la quale ci siamo “impegnati “, per il bene comune e del nostro paese,  e una definizione che evoca anche intrecci tra traffici specifici e loro coperture, e  fatti anche violenti e  che hanno mietuto tante vittime pur di coprire.
Resta la necessità di un consapevole intervento nazionale e sovranazionale , onde arginare una ascesa che “tanti lutti portò alle italiche genti ” e che può distruttivamente contagiare nel medio periodo ulteriormente il centro Europa. . 
Noi abbiamo voluto contribuire a prepararne portata,  consapevolezze,  riferimenti operativi . 
Ora non basta  attendere i risultati ma si deve agire ancor più incisivamente, noi  sul piano informativo e formativo … e ciascuno,  persona o Stato,  sui piani propri , al meglio. 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE 


SCOOP  

 
 

 

 

CANALE VIMEO CDD

Categorie: Gioele Magaldi, Giovanni Ferrara, Giuseppe Cascini, Grandediscovery, Luca Petrucci, Luigi Cancrini, massonerie, Nello Rossi, Paolo Ferraro, Silvia Canali, Stefano Ferracuti, Stefano Pesci, VERTICI MILITARI | Lascia un commento

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO che fare ?

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO 
 che fare ?

Se dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato e cosparso di trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare, per arrivare ad un castello cui mirano anche altri per finalità di potere opposte (la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta*) dobbiamo avere una mappa completa ed un programma di lavoro su vari piani.
Esistono due concezioni e due fini diversi della/e sovranità, della democrazia, e una sola democrazia diretta, e due modi radicalmente diversi di inquadrare la crisi e la svolta storica e socio politica ed economica .
Una è quello del popolo, l’altra è delle massonerie borghesi a vocazione nazionale od internazionale, consociate a poteri di etnia o di componenti di grandi organizzazioni insediatesi attraverso il potere spirituale religioso reso terreno e deviato dai fini.
1. IL MONDIALISMO ED IL SOVRANISMO NAZIONALE FRAMASSONICI E MASSONICI. UNA PRIMA CONSAPEVOLEZZA DA ACQUISIRE .
La sovranità della classe massonico borghese e dei professionisti della media borghesia nazionale che vogliono tornare ad essere egemoni (affratellati negli affari e nella ricchezza che vedono messi a repentaglio da strategie economico mondiali che ridisegnano il potere della classe dominante sempre più diretta dalla componete squisitamente finanziaria, e da apparati coerenti con l’assetto globale del capitalismo finanziario) è una delle forme del perpetuarsi del dominio, pronto ad essere condiviso con le massonerie a vocazione internazionale, ridisegnati i rapporti di forza se debitamente corretta la rotta.
La borghesia massonica è realmente raccolta intorno al condiviso grande partito sotterraneo consociato, fatto di mille realtà frazionate (spesso mero specchietto per allodole) solo superficialmente in lotta fra loro ma unite nel fine di perpetuazione del potere.
Poche riflessioni danno accuratamente conto di ciò e quasi nessuna più accuratamente del cemento sotterraneo condiviso del potere che usa tra i suoi strumenti la propaganda per slogan contrapposti, mirando solo a ricostruire in forme nuove il potere di classe di chi lo ha sempre detenuto.
Marciare contro il mondialismo imperialista e contemporaneamente contro la sovranità (eversiva o meno) di massonerie borghesi a vocazione nazionale, e disarticolare gli apparati e strumenti condivisi, è il solo modo di marciare con e per il popolo.
Contemporaneamente occorre perciò smascherare l’antimondialismo di facciata, manipolato, che usa mega simboli e nomi altisonanti (in parte reali) solo per distrarre ed instradare la gente, sfruttandone il generico ribellismo per farla aderire inconsapevolmente al progetto massonico nazionale.
La strategia di limitarsi ad affermare verità (parziali) e princìpi auspicabili senza alcuna intenzione di realizzarli e anzi agendo in senso opposto ma anche volendo realizzarli per FINI diversi dai nostri è uno dei nodi essenziali del problema che dobbiamo affrontare.
Più volte abbiamo detto che l’Idra ha più teste e che il disegno nazionale intermedio, come medicina di fase alla crisi strutturale è parte della esperienza dei sistemi capitalistici : nel novecento l”esperienza si rivoltò alla fine contro alcuni strateghi sotterranei e finanziatori o mallevadori ( garanti ) delle vie nazionali. Ma l’accerchiamento lento , i compromessi , il pragmatismo , ed il controllo infiltrato avevano già avuto ragione delle esperienze social nazionali .
La guerra e la sconfitta nella guerra furono lo strumento per rimettere in occidente ed in Giappone le lancette dell’orologio al 1929 e praticare la via Keynesiana in veste di Welfare ( il mito caduco del progresso permanente e del benessere, del consumo infinito e della produzione infinita , dello Stato sociale e dei diritti senza intaccare le fondamenta capitalistiche dei sistemi ) .
Oggi è stato previsto anche l’ egemonizzare e il manipolare quella alternativa di percorso preventivamente , scanso pericoli eventuali .
Mentre le vie nazionali e la rinuncia provvisoria al tragitto mondialista ed al profitto da moneta a debito, è semplicemente oggi una eventualità messa in conto anche dagli stessi oligarchici poteri finanziari internazionali. A termine . E questa necessità/eventualità agevola le massonerie nazionali in parte , e le cellule non più lasciate quiescenti .
E’ necessario poi tra le varie cose, smascherare anche la trama sotterranea e dispersiva delle scuole para-esoteriche dei complottismi solo apparentemente antisistema ma in realtà funzionali ad esso, strutturati o lasciti proliferare, ed infiltrati anche per annebbiare e confondere, distrarre e far girare a vuoto. O destabilizzare assetti culturali che rendono non fluido il controllo . E ne abbiamo analizzato ed indicato caratteristiche, scopi metodi e ruoli su un piano generale .
2. LA TRAMA SOTTERRANEA DEI POTERI E STRUMENTI COSTRUITI E LA NECESSITA’ DI RECIDERNE LA POTENZA, SVELANDOLI , AFFRONTANDO PUBBLICAMENTE LA QUESTIONE RENDENDOLI OGGETTO DI CONCRETA INIZIATIVA POLITICA . UNA SECONDA CONSAPEVOLEZZA DA SVILUPPARE .
La strategia per un progetto economico sociale nuovo e per le sovranità vere inoltre passa necessariamente attraverso l’analisi, la denuncia, la distruzione e la neutralizzazione delle roccaforti, delle trappole e delle postazioni immesse lungo il percorso, già utilizzate per controllare e gestire sotterraneamente un simulacro di democrazia, tra ricatto, violenza, manipolazione e progetti di controllo sociale ed informativo.
Chi nasconde ed evita questo argomento, o lo rende astratto e meramente informativo, chi non adatta la tattica e gli obiettivi anche in questo senso, nasconde la appartenenza ad apparati trasversali che condividono proprio quegli strumenti o è semplicemente stato messo in condizione di non capire.
Abbiamo alle spalle generazioni di uomini e donne allevati prima alla scissione tra destra e sinistra, poi attraverso INTERNET , ma per aggirarne la autonoma potenza informativa, alla scissione tra mondialismo e sovranismo nazionale.
Noi pur leggendo di apparati condivisi e cemento comune delle massonerie borghesi abbiamo perso il senso critico non appena si sono infiltrati manipolanti abili imbonitori di piramidi internazionali o miti nazionali, senza verificare se questi facciano in realtà sotterraneo riferimento ad apparati COMUNI sottostanti.
Una analisi a più livelli e sugli intrecci reali ma nascosti è l’UNICO rimedio anche sotto questo profilo .
Gli obiettivi integrativi ed intermedi che ne derivano sono il mezzo per arrivare realmente alla sovranità dei popoli e a sistemi socio-economici e politici nuovi, dato che per sessanta anni hanno costruito proprio ciò che più accuratamente nascondono e che nascondono quasi tutti, da una parte ( fittizia) e dall’altra ( fittizia ).
E se non fosse stato necessario tutto questo anche per controllare la evoluzione e la potenzialità delle democrazie ( a prescindere in questa sede dal piano strategico e “finalistico “ ) non avrebbero investito uomini, risorse ingenti, studi ed attività di portata ciclopica.
E se fosse bastato il mero potere economico finanziario non tradotto in strumenti articolatissimi e nascosti di dominio, non avrebbero certo realizzato, perseguito e gestito tutto quello che andiamo svelando insieme.
E se bastasse lamentarsi delle scelte e degli strumenti visibili giuridici , politici ed economici realizzati a ogni piè sospinto , o analizzare solo quelli , non saremmo stati al palo per venti anni .
E facendo così alcuni di noi continuano a scambiare i risultati raggiunti per il mezzo, appiattendo la visione degli strumenti effettivamente attrezzati per poterne assicurare il raggiungimento .
E continueremo a stare al palo sino a che in una importante quota non avremo valutato la semplice verità seguente : la rimozione di ciò che hanno creato scientemente e necessariamente le massonerie borghesi dominanti , per il governo sotterraneo e reale, ma anche per il libero aprirsi di scelte e strategie economico politiche, è la condizione dell’alternativa e il mezzo e lo strumento anche della azione politica che voglia concretamente trasformare .
Senza ciò non si va da nessuna parte e il regno dell’inganno delle massonerie borghesi pervaderà anche le aree consapevoli , ma non del nuovo inganno .
Chi nomina solo l’obiettivo Sovrano e magari contrabbanda per battaglia politica utile la propaganda a colpi di esposti generali, o di articoli indignati, non solo non spiega quale sentiero, ma nasconde di fatto o per volontà insidie profonde e concrete. Si vuole così EVITARE da parte dei lungimiranti infiltrati che venga fatta propria dalle gente la tattica e politica che le rimuova e miri a fare della rimozione concreta , in corso d’opera , una parte essenziale e comunque necessaria della attività politica concreta .
L’assunto che la sovranità è il rimedio e che nella realizzazione di questa si assorbe tutta la attività è quindi un abile ed insidioso sillogismo invertito .
La/e nuova/e sovranità sono il risultato primo storico da raggiungere e l’obiettivo per rifondare dagli ambiti territoriali congrui le organizzazioni .
Tattica, passaggi concreti, strategie intermedie, smascheramento e denuncia ed eliminazione di apparati nascosti e strumentazioni sono invece il mezzo necessario, e questa proprio è la concreta dimensione tattica della “politica” che non si vuole venga agìta effettivamente dalla gente .
Gli abili nemici-amici vicini. e quei poteri perpetuati condividono quel cemento sotterraneo, nel fine ultimo e negli interessi ed anche negli strumenti , magari confliggendo ma solo per il predominio .
UNA IMMAGINE: Il fine ed interesse è il gioco del rugby , la partita e le vittorie sono il modo ma il gioco è unico e CONDIVISO . La gente sta sugli spalti, privata del gioco, ignorando le regole nascoste e gabbata dalle regole visibili.
Essi abili e doppi sanno che lo slogan generale e l’idea astratta lasciano liberi ed impregiudicati i fini ( loro ) e intendono arrivare a conservare o contrastare nuove strategie o raggiungere queste ultime, senza far sapere , mentre la gente “consapevole” ma abbindolata pensa che indicare la priorità logico storica basti. Ed una schiera ristretta ma attiva e attivata di operatori culturali lavora invece scientemente in questa direzione.
Il popolo e le classi subalterne e persino la piccola borghesia colta, ma non legata a circuiti professionali di potere sotterraneo e non, vengono così con il concreto insegnamento manipolatorio di una politica astratta o contro il mero visibile teatrino, distolti dalla comprensione della necessità di eliminare i meccanismi sotterranei di controllo che costituiscono il vero ostacolo frapposto e che hanno costituito lo strumento di realizzazione del potere della classe dominante .
E dominante sia nella sua versione strategico mondialista che nella strategia di autoconservazione nazional sovranista . Due squadre che giocano il medesimo gioco e non svelano schemi, attività negli spogliatoi , allenamenti ed attività “in ritiro “ .
Alla gente viene sottratta così la semplice verità secondo la quale nessuna consapevolezza e nessun percorso politico consapevole potranno divenire reali volontà e capacità di trasformazione politica egemoni , sino a che noi stessi daremo spazio alla politica ridotta a slogan generale ed indicazione del mero obiettivo finale o pratica dell’agire sul piano “politico economico monetario “
3. IL SUBLIME INGANNO CONSAPEVOLE NELL’INGANNO INCONSAPEVOLE: L’ANTISIGNORAGGISMO SOVRANISTA MASSONICO.
Premetto una sintesi estremizzata ma chiara per sollevare dall’onere di seguire ragionamenti in effetti un pò troppo articolati e faticosi .
Questione della moneta e del signoraggio possono essere strumentalizzati e piegati a fini ultronei. Per questo piacciono a ex gladiatori, economisti a loro simpatici qualche militante di apparati non del tutto visibili e massonerie nazional sovraniste massoniche. E’ un modo come un altro per tenere in mano le redini delle espressioni della politica in attesa di ritrasferire a livelli nazionali i poteri di classe delle massonerie (tanto il cemento condiviso sotterraneo NON si tocca) e così si spiega, finalmente, come pidduisti ed elite militari sponsorizzate sotterraneamente da oltre oceano ma persino economisti con un minimo di saggezza non solo cavalchino ma gestiscano anche la strategia tradizionale del tempo delle crisi strutturali. Può essere il modo di preservare il capitalismo e il modo di produzione e preservare il potere delle caste borghesi massoniche rigorosamente gestendo il tutto…che se scappa di mano…”.
Minimizzare o far scemare la portata filosofica, teorica ed emancipativa del concetto di moneta ricondotto a mero valore rappresentativo dello scambio, e la valenza implicita di progettazione di una società fondata su valori solidali contrapposti al capitalismo è stato un gioco da ragazzi. Ma se ne sono accorti in molti.
Un punto debole della importante teoria del signoraggio, a parte le discussioni tecniche sul modo di realizzazione del debito e profitto da monopolio privato retribuito della emissione di moneta, non era certo la verità che ormai appare dinanzi a tutti gli occhi.
I sistemi finanziari internazionali governano l’umanità e distruggono Stati piegando le società col debito. La ferrea legge dell’economia e del profitto finanziario è una atomica ad orologeria ed hanno certamente costruito nuove piattaforme giuridiche e di potere pronte a subentrare (L’Europa e l’euro delle grandi banche private). Tutto ciò grazie però allo svuotamento della dimensione politica e di autodeterminazione dei popoli. In Italia si è potuti arrivare a tutto questo anche tramite il dispiegarsi sotterraneo degli strumenti costruiti per occupare in progressione i gangli dello Stato e piegare diritto, politica ed interessi economici locali, mentre venivano agevolate e gestite anche derive sociali, irreggimentata e codificata la informazione e specialmente infiltrate con varie tecniche le elite più delicate (il mondo militare prima e la magistratura poi), infine ramificando vari sistemi di pressione e controllo sociale.
La vera questione delle questioni è però che la speculazione finanziaria e la moneta speculativa non sono una sola costante universale (e vi sono pure eccezioni) ma sono sempre anche una variabile dei sistemi storici concretamente determinati.
Quindi far ragionare in termini esclusivi di Signoraggio universale assumendo il piano monetario come unico e dirimente ha creato una non consapevole falla teorica, o meglio il bug (direbbero gli informatici) che ha agevolato l’ingresso di virus politici e di programmi maliziosi.
Il capitalismo finanziario nell’era delle oligarchie e dei progetti mondialisti che guadano il fiume della storia tentando di progettarla e dirigerla a fini di dominio stabile e di riaccumulazione della ricchezza reale, incontra con la esplosione finanziaria anche la crisi strutturale dei sistemi e dello stesso profitto produttivo in occidente, cioè del meccanismo motore dell’era ultima.
E il potere finanziario ed economico non è stato scisso dal profitto capitalistico mediante produzione distribuzione e vendita delle merci.
Anzi il motore primigenio della ricchezza, esaurita la fase della accumulazione e del profitto “mercantile”, è stato il produrre, vendere, creare un circuito di perenne aumento della ricchezza e perenne aumento tendenziale del consumo, convogliamento ed orientamento della domanda e dei bisogni e via dicendo.
La moneta ed il potere finanziario sono il prodotto finale ed ultimo di un percorso durato tre secoli. La moneta come strumento di indebitamento di Stati e società si colloca in questa ultima fase concreta con le sue ultime drammatiche specificità concrete.
La teoria del Signoraggio, apparentemente svincolata da questa esigenza di concreta determinazione, si è mostrata plasmabile ad esigenze e fini eterogenei.
E qui piomba l’uso suggestivo e manipolatorio della stessa che MIMA i concetti ma li svuota di consapevolezza storica.
Il nemico sono “LE BANCHE” “IL GRANDE CAPITALE FINANZIARIO”, la soluzione è la moneta statuale sovrana, la soluzione nominalistica massonico borghese nazional sovranista è il sistema della circolazione monetaria a fondamento statuale e apparentemente social nazionale (e la soluzione statuale con buona pace anche dei signoraggisti d.o.c. estranei alla nostra riflessione qui, fu indicata da KARL MARX centocinquanta anni fa) .
Così impostata la questione si può non parlare di modo di produrre, di sistemi economico sociali, di potere e dominio di caste diverse dalla casta superiore da elite finanziarie. E si può tranquillamente nascondere che la soluzione della circolazione monetaria sia una tappa intermedia necessaria già sperimentata dal capitalismo (nazionale). Poi di autodistruzione e del crack ambientale se ne parli, ma a parte, che sarebbe solo il prodotto di errori di scelta, non il risultato storicamente necessario dell’insensato modo di produzione capitalistico.
Ma soprattutto non si deve fare i conti a fondo con il nodo storico economico fondamentale.
Brutalizzando la questione: la moneta speculativa capitalistica è il prodotto del capitalismo, il capitalismo morigerato nazionale non inverte la storia e le tendenze immanenti alla legge del profitto restano se l’orizzonte politico economico e storico resta quello. O meglio, e qui si svela un po’ direttamente l’arcano, non esistono proprio come categoria per i “signoraggisti strumentali”, perchè quel che conta è ripristinare la posizione e la ricchezza ed interessi delle borghesie nazionali. Poi qualcuno storicamente vede e provvede.
Ma vi è un secondo nodo ovviamente da non nominare per i signoraggisti sovran-massonici.
Esso sta nel complesso delle questioni da noi indicate all’inizio. Trame, cemento del potere, divisione in classe ed elites dominanti e altre classi e ceti, dinamiche sotterranee e di controllo, metodologie armi sociali e progetti di dominio…si annebbiano nella efficienza politica universale del termine “SIGNORAGGISMO” divenuto slogan universale.
E tutte le questioni che ruotano intorno ad alleanze internazionali, nuove piattaforme economico sociali, letteralmente svaporano.
Si parla sempre su tabloid di tutto ma, nel “tutto complottista gestito”, i temi risultano slegati o per l’appunto finalizzati esclusivamente in quella chiave “antimondialista“ di cui abbiamo anche illustrato limiti e caratteristiche nel documento precedente pubblicato sui blog del CDD.
Tutto vero in tutto od in parte, ma gestito per celare di fatto una concreta strategia di classe e di classe sotterraneamente organizzata.
A ciliegina sulla torta, un recente “fiorellino” di un noto avvocato su nota rivista appena divenuta tabloid giornale in rete con una evidente accentuazione di rotta redazionale. Nel mondo vi sarebbero la CLASSE A, mille o poco più grandi capitalisti banchieri, e la CLASSE B (tutti gli altri). E le classi aula M e C ( massonerie consociate ) a chi le diamo ?!
IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE
ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE.
UN AGIRE POLITICO LUNGIMIRANTE E SU PIU’ PIANI CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO.
Non informati il  presidente della Repubblica Francesco Cossiga e i vertici del SISMI, Il 26 febbraio 1991 il presidente del Consiglio Giulio Andreotti invia alla commissione Stragi una relazione su GLADIO. 
La effettiva  data di inizio delle attività coperte e del funzionamnto di queste sotto una comunue organizzazione, o in forme organizzative diverse, e in epoche storiche diverse, può  essere anticipata di c.a  decennio, anche sotto altra sigla tendente comunque alla estensione dello “Stay-Behind”, tra il ‘43 e il ’55. 

On.le Giulio Andreotti presidente del Consiglio dei Ministri 

PREMESSA

L’esistenza dell’Organizzazione denominata “Gladio” è venuta pubblicamente alla luce nel corso delle indagini condotte dalla magistratura relative a fattispecie delittuose verificatesi negli anni ’70.

Il Governo, anche per aderire a specifiche istanze formulate dal Parlamento, e tenuto conto dei mutati equilibri tra le Nazioni europee, ha ritenuto di soddisfare le esigenze conoscitive dell’Autorità Giudiziaria, consentendo agli inquirenti l’accesso agli archivi dei Servizi di sicurezza. Una documentazione sulla “Gladio” venne inviata al Comitato parlamentare per i servizi di informazione e sicurezza ed alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle stragi ed il terrorismo. Una comunicazione sulla materia venne fatta dal Presidente del Consiglio dei Ministri l’8 novembre 1990 al Senato e l’11 gennaio 1991 alla Camera dei Deputati. Si è ritenuto specifico dovere fornire una piena ed incondizionata collaborazione, tant’è che il Governo ha revocato il segreto di Stato che, a suo tempo, era stato opposto e confermato su documentazione attinente alle indagini.

Se e’ vero, infatti, che l’attività dei Servizi deve essere circondata dal massimo riserbo, è anche vero che, se vengono meno i presupposti che giustificano tale riserbo ed in presenza di specifiche esigenze, è possibile far conoscere determinate informazioni di interesse.

D’altra parte, l’attività dei Servizi di sicurezza, che si svolge, sulla base di particolari criteri di metodi e discrezionalità, deve sempre rientrare nello stretto alveo delle finalità istituzionali da perseguire. Ogni volta che non si e’ osservato questo principio si sono verificate isolate deviazioni che hanno danneggiato l’immagine degli Organismi informativi con negativi riflessi sull’amministrazione civile e militare dello Stato e l’armonia tra le forze politiche, turbata da sospetti ed indebite ingerenze nella sfera privata, per fatti del tutto personali che non hanno alcun rilievo in relazione alla fedeltà ai principi costituzionali.

Il Governo, sulla base di esame obiettivo degli atti, può escludere che l’organizzazione “Gladio” – creata per contrastare un’eventuale occupazione nemica del territorio nazionale – sia stata impiegata al di fuori dei compiti istituzionali, che prevedevano, per il tempo di pace, l’effettuazione di attività addestrative. Il solo caso di prospettato, diverso impiego della struttura, si e’ verificato nell’agosto 1990. Il Direttore del SISMI (L’Amm. Fulvio Martini. NDR), senza informare l’autorità politica e senza alcuna autorizzazione – che, ove richiesta, non sarebbe stata concessa – ha impartito disposizioni acchè il personale appartenente alla “Gladio” venisse gradualmente

addestrato a recepire “indicatori di attività illegali”. Tale iniziativa, della quale il Governo e’ venuto a conoscenza il 13 dicembre 1990 è stata censurata dal Ministro della Difesa perché non pertinente con le finalità istitutive dell’organizzazione clandestina “Stay-Behind”.

Il Governo ha fatto e farà tutto il possibile per fornire la massima collaborazione al Parlamento ed alla magistratura, nella convinzione della piena legittimità della struttura, costituita in determinate circostanze storiche e confluita progressivamente in un contesto operativo strettamente collegato alla pianificazione militare dell’Alleanza Atlantica.

La presente relazione, oltre a costituire un ulteriore strumento conoscitivo, offre al Parlamento una organica ricostruzione dei presupposti, del funzionamento e degli aspetti giuridici dell’intera vicenda. Cioè nell’intento di contribuire a far chiarezza sui fatti.

1. L’ACCORDO “STAY-BEHIND”.

Il Servizio Informazioni delle Forze Armate (SIFAR) mise allo studio, fin dal 1951, la realizzazione e la gestione di una organizzazione “clandestina” di resistenza, mutuata dalle precedenti esperienze della guerra partigiana, per uniformare e collegare in un unico, omogeneo contesto operativo e difensivo le strutture militari italiane con quelle dei Paesi alleati. Reti di resistenza erano state organizzate in quell’epoca dalla Gran Bretagna in Olanda, Belgio e, presumibilmente, in Danimarca e Norvegia. La Francia aveva provveduto per i territori tedeschi ed austriaci sottoposti al suo controllo e, per il territorio nazionale, fino ai Pirenei.

Anche la Jugoslavia, dopo la rottura con Mosca, aveva orientato la sua preparazione militare essenzialmente su questo tipo di operazioni speciali.

Il 2¶ novembre 195¶ veniva conclusa dal SIFAR e dal Servizio americano un’intesa di reciproca collaborazione relativa alla organizzazione ed alla attività del complesso clandestino post-occupazione comunemente denominato “Stay-Behind” (stare indietro), il quale prevedeva la costituzione di reti di resistenza addestrate ad operare, in caso di occupazione nemica del territorio, nei seguenti campi:

– raccolta delle informazioni,

– sabotaggio,

– guerriglia,

– propaganda ed esfiltrazione.

Tale ultima attività rivestiva nel complesso operativo di particolare importanza e delicatezza, attesa la necessita’ di mantenere i collegamenti fra le zone occupate ed il territorio libero.

Con la conclusione di tale intesa vennero definitivamente poste le basi per la realizzazione dell’operazione indicata in codice con il nome di “Gladio”. Elemento essenziale dell’intera operazione era l’installazione in Sardegna di un Centro destinato a:

– fungere da base di ripiegamento;

– dirigere le operazioni delle reti clandestine post-occupazione;

– addestrare il personale.

Tale Centro, denominato Centro addestramento guastatori (CAG), la cui costituzione venne finanziata con fondi USA, e’ stato utilizzato in seguito non solo per l’attività addestrativa degli appartenenti alla “Gladio”, ma anche per quella di personale operativo dei Servizi di informazione e sicurezza italiani ed appartenenti a Paesi alleati e di unita’ delle “forze speciali” nazionali e NATO.

L’opzione Sardegna, quale territorio destinato ad ospitare la “base operativa” della “Gladio”, non fu casuale, ma era coordinata con i piani all’epoca predisposti dallo Stato Maggiore Difesa italiano, che prevedevano l’attuazione di tutti gli sforzi per “mantenere” l’isola nell’ipotesi di invasione straniera del territorio nazionale.

2.PARTECIPAZIONE ITALIANA AGLI ORGANI COLLEGIALI DI COORDINAMENTO DEL SETTORE.

Una volta costituito l’organismo clandestino di resistenza, l’Italia fu chiamata a partecipare quale membro effettivo ai lavori di alcuni organismi operanti in ambito NATO.

A partire dal 1959, entrammo a far parte del Comitato clandestino di pianificazione (CPC), operante nell’ambito dello SHAPE (Supreme headquarters allied powers Europe). Detto Comitato aveva il compito di studiare la condizione dell’attività informativo-offensiva in caso di guerra, con particolare riferimento ai territori di possibile occupazione da parte del nemico: in esso erano già rappresentati gli USA, la Gran Bretagna, la Francia, la Germania ed altri paesi della NATO.

Nel 1964, il nostro Servizio informazioni entro’ nel Comitato Clandestino Alleato (CCA), organismo destinato a studiare e risolvere tutti i problemi di collaborazione fra i diversi Paesi per il funzionamento delle reti di evasione e fuga. Di questo Comitato facevano parte: Gran Bretagna, Francia, USA, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Germania Occidentale. Inoltre, il necessario raccordo strategico nell’ambito dell’Alleanza Atlantica tra le attività di guerra non ortodossa, affidate alle reti clandestine di resistenza, e le operazioni non tradizionali effettuate, in territorio nemico o invaso dal nemico, dalle forze

militari regolari, veniva attuato attraverso apposite direttive emanate dal Comando Supremo Alleato in Europa.

3. L’OPERAZIONE “GLADIO”.

L’organizzazione riservata realizzata dal SIFAR nel territorio nazionale consisteva in una struttura:

– controllata da quella informativa ufficiale;

– formata da agenti operanti nel territorio che, per età, sesso

ed occupazione avessero buone possibilità di sfuggire ad eventuali

deportazioni ed internamenti;

– di agevole gestione anche da parte di una struttura di comando

esterna al territorio occupato;

– coperta da massima segretezza e per tal ragione suddivisa in un

“ordinamento cellulare”, cosi’ da ridurre al minimo ogni danno

derivante da defezioni, incidenti o “sforamenti” della rete.

La rete riservata di resistenza si articolava nei seguenti settori di attività:

– informazione;

– sabotaggio;

– propaganda e resistenza generale;

– radiocomunicazioni;

– cifra;

– ricevimento e sgombro di persone e materiali.

Ognuno dei settori di attività suindicati doveva operare in modo indipendente dall’altro, del quale in teoria doveva sconoscere l’esistenza con il raccordo e la coordinazione in caso di necessita’ della già menzionata base esterna di ripiegamento individuata in Sardegna. La costituzione e l’organizzazione della struttura di resistenza comportavano:

– la formazione del personale direttivo attraverso apposito corso di istruzione presso la TRAINING DIVISION dell’”Intelligence Service” britannico;

– il reclutamento dei capi rete e degli agenti da individuare con il concorso del Servizio informazioni;

– la pianificazione geografico-operativa delle varie attività nell’Italia settentrionale, da concordare con gli uffici operazioni delle tre Forze Armate e con il Servizio informazioni USA;

– la scelta del materiale d’accordo con l’Intelligence americana;

– un apposito stanziamento di bilancio;

Il 1 ottobre 1956 era stata costituita, nell’ambito dell’ufficio “R” del SIFAR, una Sezione addestramento, denominata SAD (Studi Speciali e Addestramento del personale). La sezione ai cui responsabili verrà demandato il ruolo di coordinatore generale dell’operazione “Gladio”, si articolava in quattro gruppi:

– supporto generale;

– segreteria permanente ed attivazione delle branche operative;

– trasmissioni;

– supporto aereo, logistico ed operativo.

Alle dipendenze della Sezione venne posto il Centro addestramento guastatori (CAG).

Le linee direttrici che informavano l’attività della nuova Sezione erano:

– la costituzione dell’apparato direttivo centrale e la pianificazione generale;

– la costituzione ed il perfezionamento della base addestrativa, degli istruttori e delle attrezzature didattiche;

– la costituzione del Centro trasmissioni di Olmedo (per collegamento a grande distanza; attività di radio propaganda; trasmissioni di disturbo);

– la pianificazione degli elementi fondamentali dell’organizzazione (sicurezza, personale, addestramento, organizzazione e documentazione);

– l’effettuazione di corsi addestrativi all’estero (presso la scuola del Servizio americano) per il personale della Sezione;

– l’attivazione delle branche operative costituite da 40 nuclei dei quali:

. 6 informativi;

. 10 sabotaggio;

. 6 propaganda;

. 6 evasione e fuga;

. 12 guerriglia

– la costituzione di 5 unita’ di guerriglia di pronto impiego in regioni di particolare interesse, rispettivamente denominate:

. Stella Alpina, nel Friuli;

. Stella Marina, nella zona di Trieste;

. Rododendro, nel Trentino;

. Azalea, nel Veneto;

. Ginestra, nella zona dei laghi lombardi;

– l’approntamento e la dislocazione periferica dei materiali necessari ai settori operativi;

– l’addestramento e la qualificazione degli elementi dei nuclei e delle unità di pronto impiego;

– le ricognizioni terrestri ed aeree delle zone di particolare interesse;

– la raccolta della documentazione di interesse (cartografica, monografica e fotografica);

– le attività sperimentali presso il CAG (aeree, paracadutistiche acquee, subacquee e terreni difficili):

Negli anni dal 1974 al 1976 l’intera pianificazione operativa di “Gladio” venne rivista. Il nuovo assetto prevedeva:

– unita’ di guerriglia (UDG), dislocate su diverse zone del territorio nazionale (e non più nella sola fascia alpina nord-orientale);

– reti di azione clandestina (RAC);

– nuclei (NU), da crearsi in zone particolarmente sensibili per l’attività di esfiltrazione.

A partire dagli anni ’80, il venire meno delle esigenze che informavano le precedenti disposizioni post-belliche e le radicali modifiche all’assetto ordinamentale dei Servizi di informazione e sicurezza italiani, comportarono una revisione delle modalità di realizzazione della “guerra non ortodossa” nel quadro delle strategie generali concordate con i Paesi alleati. In tale contesto vennero attuate le iniziative, da tempo allo studio, per costituire, in ambito nazionale, un organismo con il compito di pianificare e di coordinare l’impiego delle risorse del Servizio con quelle delle singole Forze Armate destinate all’attività di guerra non convenzionale, altrimenti detta non ortodossa. Ciò al fine di razionalizzare il settore ed evitare inutili sovrapposizioni di competenze, con evidente dispendio delle risorse medesime. Nel 1985 fu, pertanto, costituito un “Comitato di coordinamento operazioni di guerra non ortodossa” (GNO) cosi’ da predisporre, fin da tempo di pace, quanto necessario per lo stretto coordinamento dell’attività di GNO sul territorio nazionale eventualmente occupato.

Parallelamente, si procedette in ambito SISMI alla formazione di quadri in grado di istruire personale esterno alla condizione, in caso di invasione, di operazioni militari clandestine.

In tale contesto le operazioni di informazione, propaganda, evasione ed esfiltrazione vennero affidate al personale “volontario civile”, mentre l’addestramento e la partecipazione ad azioni di sabotaggio, controsabotaggio e guerriglia venne riservato ad appartenenti al Servizio particolarmente selezionati.

L’attività principale nel tempo di pace riguardava essenzialmente:

– la ricerca e l’eventuale reclutamento di persone idonee ad assolvere funzioni di comando e di elementi in possesso di nozioni specialistiche;

– l’addestramento di personale reclutato;

– le esercitazioni svolte in comune con i servizi alleati;

– le predisposizioni per l’acquisizione e la conservazione a lunga durata dei materiali e per il loro trasporto;

– l’aggiornamento della pianificazione operativa;

– il controllo del personale già reclutato a fini di sicurezza;

– lo scambio di esperienze con i servizi collegati.

Il reclutamento del personale “civile” avveniva attraverso quattro distinte fasi: l’individuazione, la selezione, la sottoscrizione dell’impegno ed il controllo.

L’individuazione veniva fatta sia dai quadri già facenti parte dell’organizzazione “Stay-Behind” sia da elementi del Servizio responsabili dell’organizzazione.

Non esistevano preclusioni di sesso, età ed idoneità al servizio militare (anche se, fino al 1975 circa, si e’ preferito reclutare personale che avesse assolto agli obblighi di leva, in quanto richiamabile). Dall’entrata in vigore della legge 24 ottobre 1977, n.801 (istituzione del Sismi, Sisde e Cesis, in pratica l’ultima legge sui servizi di sicurezza. NDR), i criteri di reclutamento furono ancorati ai principi stabiliti dalla legge stessa che prevedevano l’esclusione dei membri del Parlamento, di consiglieri regionali, provinciali e comunali, dei magistrati, dei ministri di culto e dei giornalisti.

La selezione veniva fatta dai responsabili della struttura sulla base delle informazioni ricavate attraverso i normali canali del Servizio.

Le informazioni servivano a stabilire che l’individuo da reclutare non avesse precedenti di alcun tipo nel casellario giudiziario, non facesse politica attiva, ne’ partecipasse a movimenti estremisti di qualsiasi tipo.

La sottoscrizione dell’impegno si attuava solo dopo aver avuto il benestare dai responsabili dell’organizzazione sulla base delle informazioni ricevute. Veniva effettuato dai quadri o dal personale del Servizio che á suo tempo avevano segnalato i nominativi.

Ciò avveniva normalmente in tempi successivi cosi’ da consentire la non compromissione dell’operazione e del reclutatore anche in casi di rifiuto o di incertezza. Il controllo era continuo e veniva effettuato dai responsabili dell’organizzazione.

Alla data del congelamento della struttura risultavano essere stati reclutati nel tempo per le esigenze della Gladio 622 elementi, dei quali:

– 223, nella posizione di effettivi;

– 354, nella posizione di riserva;

– 45 deceduti;

Di questi:

– l’83% e nato prima del 1945,

– il 16% fra il 1945 ed il 1960,

– l’1% successivamente al 1960

Nessuno degli aderenti all’organizzazione risulta essere stato iscritto alla loggia massonica P2.

4. I DEPOSITI DI ARMI (NASCO).

A seguito degli accordi più sopra richiamati, nel corso del 1959, l’”Intelligence” americana provvide ad inviare presso il CAG i materiali di carattere operativo destinati a costituire le scorte di prima dotazione dei nuclei e delle unita’ di pronto impiego, da occultare, fin dal tempo di pace, in appositi nascondigli interrati nelle varie zone di eventuale operazione.

I materiali in questione pervennero dagli Stati Uniti confezionati in speciali involucri al fine di assicurarne il perfetto stato di conservazione e, a partire dal 1963, ebbe inizio il loro interramento in appositi contenitori.

I Nasco (Nascondigli, ndr) erano cosi distribuiti sul territorio nazionale:

– 100 nel Friuli-Venezia Giulia,

– 7 nel Veneto,

– 5 in Trentino Alto-Adige,

– 11 in Lombardia,

– 7 in Piemonte,

– 4 in Liguria,

– 2 in Emilia-Romagna,

– 1 in Campania,

– 2 in Puglia.

I depositi venivano normalmente interrati a “contatto” con elementi caratteristici del terreno (cimiteri, ruderi, cappelle, chiesette, fontanili ecc..) che fossero:

– facilmente riconoscibili

– inamovibili

– facilmente identificabili dall’interpretazione di brevi messaggi preformulati trasmessi, all’emergenza, dalla base del campo;

– idonei a fornire la garanzia che, anche in caso di distruzione, i ruderi sarebbero stati sufficienti per permettere la localizzazione del nascondiglio.

Il materiale conservato nei Nasco era composto da armi portatili, munizioni, esplosivi, bombe a mano, pugnali, coltelli, fucili di precisione, radio trasmittenti, binocoli ed utensili vari.

I depositi erano gestiti direttamente dalla Sezione SAD, che custodiva i “rapporti di posa”, contenenti le indicazioni sull’ubicazione di Nasco. In caso di violazione delle frontiere nazionali da parte di truppe straniere, le istruzioni recanti tutti i punti di riferimento per localizzare i materiali, sarebbero state trasmesse alle reti “Gladio”, attivate per l’emergenza, a mezzo di messaggi radio precompilati, conservati nella sedi di Servizio.

A causa del rinvenimento fortuito nel 1972 di uno dei contenitori nella zona di Aurisina, venne deciso, per realizzare migliori condizioni di sicurezza, il recupero di tutti i depositi. Le operazioni di recupero ebbero inizio a partire dall’aprile di quell’anno.

I materiali esplosivi ed incendiari recuperati, attesa l’impossibilità della loro conservazione in caserme o altre strutture adibite ad uffici od abitazioni, furono riuniti presso il Centro addestramento guastatori e presso il deposito munizioni di Campo Mela (Sassari) e ne fu previsto, all’emergenza, il rifornimento attraverso avio-lancio.

I materiali di armamento e di munizionamento vennero immagazzinati, in consegna fiduciaria, presso caserme dei Carabinieri.

Detti materiali vennero contrassegnati con l’etichetta di copertura “Ufficio monografie del V CMT – scorte speciali di copertura”.

Le operazioni di recupero, che ebbero termine nel corso del 1973, permisero di ritornare in possesso di materiali contenuti in 127 Nasco su 139 a suo tempo interrati. Rimanevano 12 contenitori per i quali si indicano qui di seguito le località, la data di interramento, il contenuto oltre che i motivi del mancato recupero che è da attribuire alla difficoltà di portarli alla luce in maniera discreta.

a. Cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano).

– data di posa: 10 luglio 1963;

– contenuto: armi individuali, munizioni, macchine fotografiche;

– motivo del mancato recupero: il cimitero subì negli anni 1965-1972

vari e consistenti ampliamenti;

– numero dei contenitori: 3 metallici;

b. Cimitero di Arbizzano di Negra (Verona).

– data di posa: 1 agosto 1963;

– contenuto: esplosivi, pistole, bombe a mano;

– motivo del mancato recupero: a seguito dei lavori di ampliamento

del cimitero (1969-72), sul Nasco vennero costruiti nuovi loculi;

– numero dei contenitori: 3 metallici ed 1 di plastica;

c. Cimitero vecchio di Abbadia Alpina, frazione di Pinerolo (Torino):

– data di posa: 17 maggio 1964;

– contenuto: duplicatore, materiale fotografico;

– motivo del mancato recupero: nei pressi del luogo di interramento del Nasco fu realizzato un canale ricoperto con cemento;

– numero dei contenitori: 2 metallici;

d. Crescentino (Vercelli), argine sinistro del canale Cavour nei pressi del Ponte di Praiassi;

– data di posa: 6 agosto 1961;

– contenuto: armi leggere, pistole, pugnali, bombe a mano;

– motivo del mancato recupero: il punto indicato nel rapporto di posa e’ stato interessato da una coltura di pioppi, il cui ciclo decennale e’ intervallato da un’aratura profonda del terreno. Tale operazione ha provocato una traslazione sia in verticale che in orizzontale del Nasco, rendendone impossibile all’epoca la localizzazione;

– numero dei contenitori: 3 metallici e 3 di plastica;

e. S.Pietro al Natisone (Udine), casetta disabitata (ai tempi della posa) nei pressi della Cappella di quota 236:

– data di posa: 16 luglio 1963;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: la casa venne riattata nel 1967, ampliata ed abitata. Il Nasco venne cosi’ a trovarsi sotto il nuovo corpo-fabbrica;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

f. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis

e Adegliaccio:

– data di posa: 16 giugno 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da cemento

e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

g. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis e Adegliaccio:

– data di posa: 16 giugno 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da

cemento e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

h. Cappella mortuaria del cimitero di Mariano del Friuli (Gorizia):

– data di posta: 25 giugno 1964;

– contenuto: armi individuali, pistole, duplicatore;

– motivo del mancato recupero: la cappella mortuaria sotto la quale venne sotterrato il Nasco fu ampliata (1971). Di conseguenza non era più possibile raggiungere il Nasco, se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 3 di plastica;

i. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

– data di posa: 28 settembre 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta, sotto il quale era stato collocato il Nasco, è stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

l. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

– data di posa: 28 settembre 1964;

– contenuto: pistole, fucili, duplicatore;

– motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta sotto il quale era stato collocato il Nasco, e’ stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

m. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

– data di posa: 31 ottobre 1964;

– contenuto: armi leggere, munizioni;

– motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

n. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

– data di posa: 31 ottobre 1964;

– contenuto: armi leggere, munizioni;

– motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica:

Con le ordinanze del 30 ottobre, 2 e 6 novembre 1990, il giudice istruttore di Venezia, dott. Mastelloni, nell’ambito dell’inchiesta penale sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, ha incaricato i Comandi dei Carabinieri competenti per territorio di ricercare e dissotterrare i cennati 12 depositi ancora non recuperati. Le relative operazioni di scavo hanno portato al rinvenimento della totalità dei materiali, fatta eccezione per quelli contenuti:

– nei due Nasco situati nei comuni di Villa Santina (UD), che già erano risultati scomparsi nel 1972;

– nel Nasco interrato nel cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano);

– nel Nasco di Crescentino (VC), ove le ricerche hanno portato ad un recupero solo parziale (due pistole, di calibro 9 e 22).

Lo stesso magistrato veneziano ha anche fatto richiesta di acquisire le matricole delle armi portatili conservate nei due “Nasco” a suo tempo occultati in Villa Santina – Chiesa Madonna del Sasso.

Come già detto in precedenza, tali armi pervennero al Servizio italiano alla fine degli anni ’50, già sigillate in contenitori plastici per la lunga conservazione: non fu possibile rilevarne le matricole poiché i pacchi non vennero aperti, al fine di non comprometterne la confezione.

Allo scopo di corrispondere alla richiesta e’ stato appositamente interpellato il Servizio informazioni americano (CIA), il quale ha riposto di non aver reperito nei propri archivi alcuna documentazione relativa alle matricole delle armi fornite al Servizio italiano.

5. ONERI FINANZIARI PER L’OPERAZIONE “GLADIO”.

Come già detto in precedenza, le spese per l’avvio dell’operazione “Gladio” furono sostenute con il concorso del servizio USA. Esse riguardavano principalmente:

– terreni e costruzioni L. 385 ml.

– contributi annuali (dal ’57 al ’75) L. 1.004 ml.

– contributi materiali operativi L. 1.292 ml.

Il contributo USA ha soddisfatto solo in parte le esigenze finanziarie connesse alla gestione della struttura tant’è che il Servizio italiano ha direttamente provveduto all’erogazione dei fondi necessari. La documentazione relativa agli anni precedenti al 1981 non e’ più consultabile, in quanto distrutta ai sensi della vigente normativa che regola la tenuta e la conservazione degli atti d’archivio degli Organismi informativi. Esiste solo traccia di un “bilancio di previsione”, redatto nel 1959, per un importo di L. 225 ml. annui, suddivisi in 125 a bilancio riservato e 100 a bilancio ordinario. Da tali somme andavano, comunque, escluse le spese per il personale militare, che, presumibilmente, gravavano su altri capitoli del Ministero della Difesa.

Per gli anni dal 1981 al 1990 le spese complessive per la gestione di “Gladio” sono ammontate a L. 3.409.208.000, corrispondenti ad una media annuale di poco più di 340 milioni.

6. SCIOGLIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE.

Alla luce dei significativi avvenimenti che hanno interessato l’Est europeo e dei conseguenti mutamenti degli equilibri politici che per anni hanno obbligato molte nazioni a vivere suddivise in rigidi blocchi contrapposti, il Governo si e’ impegnato a rivedere tutte le disposizioni in materia di “guerra non ortodossa” ed a promuovere, ove del caso, nelle competenti sedi collegiali alleate ogni utile iniziativa volta a verificare, sia sul piano politico che su quello della tecnica militare, l’attuale utilità e validità dei sistemi “clandestini” di protezione del territorio dello Stato.

Dall’esame della situazione attuale, il Governo ha tratto il convincimento che sono venuti meno i presupposti politico-militari sulla base dei quali fu costituita la rete “Stay-Behind”. In relazione a ciò, il Ministro della Difesa, on. Rognoni ha, dapprima congelato l’attività della struttura “Gladio”, e successivamente ne ha disposto, in data 27 novembre 1990, la soppressione congiuntamente allo scioglimento di tutta l’organizzazione ad essa connessa. Si è provveduto pertanto, in data 14 dicembre 1990, a trasmettere al Comitato Clandestino di Pianificazione (CPC) ed al Comitato Clandestino Alleato (ACC) le comunicazioni di disimpegno dell’Italia in campo NATO relativamente alla rete “Stay-Behind”. Parimenti, si e’ provveduto ad inviare ai membri dell’organizzazione la comunicazione delle decisioni governative ed il conseguente venir meno di ogni obbligo a suo tempo assunto verso la “Gladio”.

Per quanto attiene, poi, al materiale già in dotazione all’organizzazione – comprensivo di vestiario, equipaggiamento, armamento ed altro – accantonato presso il Centro addestramento guastatori di Alghero, lo Stato Maggiore Esercito ne ha disposto il versamento – già attuato – a diversi Enti della Regione Militare della Sardegna.

7. GLI SVILUPPI PIU’ RCENTI DELLA QUESTIONE “GLADIO”.

L’organizzazione “Gladio” non fu mai attivata. Anche le disposizioni, impartite dal Direttore del SISMI in data 1 agosto 1990 per utilizzare la struttura “Gladio” onde reperire informazioni sulla criminalità organizzata, specificatamente in funzione antidroga, non hanno avuto pratico effetto per l’intervenuto scioglimento.

Ciò premesso, è opportuno ribadire che ogni sospetto, in merito a possibili azioni di “Gladio” intese ad interferire con la vita democratica del Paese, è ingiusto, ingiustificato e fuorviante.

La segretezza dell’organizzazione era indispensabile in relazione agli scopi che si proponeva, ma non serviva a nascondere azioni illegali o delittuose. La qualità del personale potrebbe essere controllata in qualsiasi momento; nessun elemento del personale esecutivo di “Gladio” ha mai avuto autonoma disponibilità di armi e di altro materiale bellico predisposto per le esigenze della guerra non ortodossa.

L’organizzazione “Gladio” nacque – come si è detto all’inizio- in una situazione politica internazionale in cui, sull’esperienza della lotta partigiana in Italia e all’estero, esisteva l’esigenza di non farsi cogliere impreparati in caso di invasione del territorio nazionale; tale esigenza rientrava nella pianificazione operativa dell’Alleanza Atlantica.

Non esiste alcun elemento che possa far dubitare che il comportamento di “Gladio” abbia deviato dai suoi compiti di istituto; la situazione politica internazionale e’ ora rapidamente e radicalmente cambiata e, di conseguenza, “Gladio” e’ stata sciolta.

Eventuali deviazioni operate da singoli componenti della struttura potranno costituire oggetti di accertamento da parte della magistratura.

8. LA SITUAZIONE NEGLI ALTRI PAESI.

Si segnalano le situazioni dei Paesi che hanno adottato decisioni analoghe a quelle del Governo italiano:

– BELGIO: il 23 novembre 1990 e’ stata sciolta una organizzazione creata, agli inizi degli anni ’50, nell’ambito dei Comitati alleati;

– FRANCIA: all’inizio del mese di novembre 1990 il Presidente MITTERAND ha formalmente sciolto un’organizzazione istituita negli anni ’50;

– LUSSEMBURGO: ha di recente ufficialmente comunicato lo scioglimento dell’organizzazione “Stay-Behind”.

Altri Governi alleati non hanno ancora deciso di sciogliere questo tipo di struttura o hanno dichiarato di ritenerla tuttora valida.

Per quanto riguarda poi altri Paesi europei, tradizionalmente neutrali, ancorché gravitanti nell’orbita occidentale, si hanno le seguenti notizie:

– AUSTRIA: notizie stampa riportano l’avvenuta scoperta, nel periodo 1958/62, di depositi clandestini di armi ed equipaggiamenti militari. Tale materiale avrebbe dovuto essere impiegato, in caso di invasione, per attività di resistenza da condursi da parte di talune organizzazioni che sarebbero state sciolte nel 1970;

– SVIZZERA: un’organizzazione di resistenza, costituita negli anni ’50 e potenziata negli anni ’70, e’ stata soppressa in data 14 novembre 1990, perché non più aderente alla situazione internazionale attuale.

9. LE INCHIESTE GIUDIZIARIE.

Il 19 gennaio 1990 il giudice istruttore del Tribunale di Venezia, dott. Casson, nell’ambito del procedimento sulla strage di Peteano inoltrava al Presidente del Consiglio una richiesta intesa ad acquisire documentazione utile per accertare “se nel periodo 1972-73-74 siano stati effettuati nel Friuli-Venezia Giulia trasferimenti dei depositi (segreti) di armi, munizioni ed esplosivi a disposizione dei Servizi di sicurezza”.

Di fronte a tale richiesta il Governo ha ritenuto, anche in considerazione dei mutati rapporti tra le Nazioni europee, di aprire alle esigenze della magistratura gli archivi dei Servizi segreti e di far conoscere al Parlamento la portata esatta di alcuni passaggi storici che avevano condotto, anche in passato, a strumentalizzazioni ed a conclusioni fuorvianti. Di conseguenza – nel luglio 1990 – il giudice poteva prendere conoscenza di tutto il carteggio concernente l’operazione “Gladio” ed ottenere copia di un’ampia documentazione.

Le richieste del dott. Casson presentavano manifeste analogie con quella già avanzata, verso la fine del 1988, da altro magistrato di Venezia, dott. Mastelloni, in relazione all’inchiesta giudiziaria sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, avvenuta a Marghera nel novembre 1973. La richiesta del dott. Mastelloni riguardava le autorizzazioni del Capo del SID, dell’Autorità Nazionale per la Sicurezza e delle Autorità di Governo attinenti ai movimenti dell’”Argo 16″ e di altri mezzi di trasporto “per il successivo, continuativo interramento in plurimi depositi siti nel Veneto e nella zona nord-orientale del Paese, di armamento destinato ai civili o ex militari addestratisi negli anni ’60″. A tale richiesta era stato opposto e confermato il segreto di Stato, sulla base della motivazione – indicata dal Ministro della Difesa pro-tempore – che si sarebbero resi noti apprestamenti difensivi diretti a tutelare l’integrità territoriale

dello Stato, anche in relazione ad accordi internazionali.

Le analogie tra le due inchieste riguardavano:

– la materia, facendo entrambe le indagini riferimento a depositi militari di armi;

– il presunto coinvolgimento dei Servizi di sicurezza;

– il periodo (più vasto per l’indagine del dott. Mastelloni, che partiva dagli anni ’60 fino al novembre 1973, più ristretto per quella svolta dal dott. Casson riferita agli anni 1972-73-74);

– la zona ove sarebbero stati effettuati gli interramenti di materiale bellico (territorio nord-orientale del Paese).

Il Governo decideva di venire incontro alle esigenze conoscitive prospettate dal dott. Casson. Nell’occasione assumeva rilievo decisivo la constatazione – già puntualizzata – del profondo mutamento dello scenario politico internazionale intervenuto nell’ultimo periodo, che aveva visto progressivamente allentarsi la tensione tra i due blocchi ed allontanarsi i timori di eventuali conflitti.

Non ritenendosi, pertanto, più sussistente la ragione giustificative del segreto in ordine alla struttura difensiva occulta, il vincolo veniva a cadere e, conseguentemente, erano soddisfatte anche le richieste documentali avanzate dal dott. Mastelloni.

Mentre i giudici veneziani proseguivano nelle loro indagini, altre inchieste venivano aperte in merito alla “Gladio” in varie sedi giudiziarie.

La Procura della Repubblica di Roma sta procedendo ad indagini preliminari nei confronti di ignoti per il reato di cui all’art.305 c.p. (cospirazione politica mediante associazione). Dopo aver richiesto ed acquisito una serie di atti e notizie, ha disposto, in data 22 dicembre 1990, il sequestro presso il SISMI di tutta la documentazione attinente all’organizzazione “Gladio”, con vincolo di indisponibilità nei confronti di chiunque senza nulla osta dell’A.G. procedente.

Contemporaneamente sono in corso indagini da parte di:

– Procura della Repubblica di Udine, per l’individuazione di possibili reati connessi ai depositi di armi ubicati in quella circoscrizione giudiziaria;

– Procura della Repubblica di Palermo, in relazione all’omicidio di Giuseppe Insalaco;

– Procura della Repubblica di Firenze, circa eventuali connessioni con attentati ai treni negli anni ’70;

– Procura Militare della Repubblica di Padova, per l’accertamento del reato – a carico di ignoti – di alto tradimento, previsto dal codice penale militare di pace. Anche tale Autorità giudiziaria ha emesso un provvedimento di sequestro, ma limitato ad alcuni atti, tra cui l’accordo SIFAR-CIA del novembre 1956.

Il dovere che il Governo sente di fornire al Parlamento ed alla Magistratura ogni elemento di informazione idoneo a favorire una valutazione obiettiva e serena si traduce nell’esigenza di conciliare la riservatezza di una parte della documentazione (riservatezza imposta, fra l’altro, da precisi impegni internazionali ed in sede di Alleanza Atlantica), con la volontà che il Governo stesso condivide con il Parlamento, di non lasciare ombra alcuna sul ruolo e

sull’attività dell’organizzazione “Gladio”.

10. PRESUNTE CONNESSIONI TRA OPERAZIONE “GLADIO” E PIANO “SOLO”.

L’atteggiamento del Governo e’ stato improntato al più ampio ed esauriente soddisfacimento delle esigenze di chiarezza da più parti prospettate, in relazione alle ipotizzate connessioni fra la vicenda “GLADIO” e gli avvenimenti dell’estate del 1964 (piano “Solo”).

Su questa linea tutti i documenti – ad eccezione della lista dei c.d. 731 “enucleandi” non ancora rinvenuta, ma tuttora oggetto di ricerche – sono stati portati a conoscenza del Parlamento, dopo aver rimosso ogni vincolo al quale, in tutto o in parte, erano stati sottoposti.

La segretezza a suo tempo imposta rispondeva a due precise esigenze:

– evitare la diffusione di notizie attinenti alla sicurezza dello Stato (dislocazione e consistenza dei reparti dell’Arma dei Carabinieri, loro modalità di funzionamento, indicazioni su procedure e metodologie tecnico-operative, organigramma dell’Arma e del Servizio, grado di conoscenza da parte degli organi di sicurezza degli elementi potenzialmente pericolosi per le Istituzioni);

– tutelare la riservatezza personale di quanti erano stati oggetto di immotivate indagini da parte del Servizio.

Quanto ai motivi riferiti alla sicurezza dello Stato, atteso il periodo trascorso (oltre 20 anni), questi possono essere considerati decaduti.

Diverso è il caso della tutela della riservatezza personale, in ordine alla quale il Governo ha attirato l’attenzione dei Presidenti delle due Camere sulla circostanza che gli atti trasmessi contengono riferimenti rientranti nella sfera privata di persone espressamente citate, ovvero alle quali si fa allusione.

11. ASPETTI DI LEGITTIMITA’ DELL’ORGANIZZAZIONE “GLADIO”.

Il Governo ritiene che non possa essere messa in dubbio l’opportunità dell’iniziativa di prevedere una struttura clandestina di resistenza e della sua conformità all’ordinamento giuridico-costituzionale.

Tuttavia, per dissolvere ogni motivo o pretesto di polemica, era stata presa in considerazione l’eventualità di chiedere il parere di un collegio di “saggi”, formato da ex Presidenti della Corte Costituzionale. L’iniziativa non ha potuto aver seguito per la ritenuta incompatibilità di una delle eminenti personalità prescelte.

Data l’impraticabilità di questa soluzione si e’ fatto ricorso all’Avvocatura Generale dello Stato, organo istituzionalmente qualificato ad offrire un’obiettiva ed autorevole valutazione della vicenda sotto il profilo giuridico.

L’Avvocato Generale dello Stato ha espresso un motivato parere, allegato alla presente relazione, che, in sostanza, esclude la violazione di precetti costituzionali. In particolare tale parere perviene alle seguenti condizioni:

– non trattandosi di un’associazione tra privati cittadini, ma di una organizzazione creata dallo Stato per il perseguimento di fini propri dello Stato stesso, il carattere militare dell’or-ganizzazione e la disponibilità assicurata di materiale bellico non sono in contrasto col divieto posto dall’art.18 Cost.;

– la natura dell’organizzazione, destinata a dar vita ad una attività clandestina di sabotaggio e di guerriglia nel territorio nazionale occupato dal nemico, giustifica il segreto finora mantenuto in deroga al principio della pubblicità dell’azione amministrativa.

– sulla organizzazione stessa;

– l’accordo del novembre 1956 raggiunto tra i servizi d’informazione militare italiano e statunitense per la creazione dell’organizzazione clandestina non e un trattato internazionale ma costituisce esecuzione ed attuazione del Trattato NATO approvato con legge n, 465/49. Non era perciò necessario, ne era possibile, data la segretezza che doveva circondare l’operazione, sottoporre l’accordo ad approvazione del Parlamento in applicazione dell’art.80.
Fonte:http://casarrubea.wordpress.com/2008/08/04/il-segreto-di-gladio/

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE 


SCOOP  


 

 

 

CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Categorie: CDD, CDD Comitato Difendiamo la Democrazia, CDD UNIONE, massonerie, Massonerie deviate, Paolo Ferraro | Lascia un commento

IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE

IL CDD  PER ASSICURARE UN  PERCORSO  POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE .
UN  AGIRE POLITICO CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE  MANIPOLANO .


Occorre essere oltre le visioni ingenuamente dualistiche (democrazia vs tirannia, sovranità vs mondialismo), oltre le strategie collaterali (metodi di controllo, infiltrazione, disinformazione, gestione sociale e accerchiamento) ed oltre le le strategie sotterranee (esoterismo, infiltrazioni culturali e capziose dimensioni metafisiche).
Per esserlo occorre unire capacità di analisi, denuncia e pratica degli obiettivi coerenti con il quadro complesso che ci si presenta e formare la gente e se stessi, in modo coerente .
SE dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato , apparecchiato con varie trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare , per arrivare ad un castello cui mirano anche altri, per finalità di potere opposte ( la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta ) dobbiamo avere una mappa completa .
E dobbiamo disarmare uno per uno i congegni esplosivi , le mine antiuomo e le mine anticarro, e una per una espugnare le “casematte” occultate sulla riva e tra il fitto della boscaglia .
Chi predica solo analisi generale ed il verbo astratto anti-mondialista in nome di una malcelata sovranità neo borghese , conduce al macello le masse o mira ad una strategia diversa di casta .
Dobbiamo sapere e saperlo. La vera alternativa nasce da una coscienza piena a tutti i livelli e da una NUOVA concezione della analisi storica e della politica , che inquadri i processi nella loro reale complessità, a tutti i livelli e secondo tutte le coordinate e le interferenze.
I peggiori nemici stanno simulatamente accanto, e dall’altra apparente parte, sanno bene come infiltrare piegare a fini eterodossi e contraddittori persino la millantata controinformazione.
Il movimento di massa anti mondialista e anti pseudo-sovranismi nazional -massonici, ( nella variante della altra testa dell’idra ) può crescere solo attrezzandosi adeguatamente .
Le proposte concrete conterranno allora con la lucida analisi a monte la loro praticabile agibilità, con la gente e per il popolo reale. Spetta a noi e a tutti coloro che invocano una strategia e obiettivi limpidi ed efficaci .
N.B Siamo e restiamo aderenti al progetto finale ed intermedio disegnato già nel 2011
[  http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2011/12/il-nuovo-manifesto-noi-siamo-un-sogno.html ] 
Quindi ogni detrazione,  confusione suggestione o manipolazione a riguardo,  serve solo a provare la identità di chi la gestisce ma soprattutto  la eterogenesi dei fini,  dietro a contenuti ridotti a slogands apparentemente uguali  

I. LE GRANDI SEMPLIFICAZIONI E LE VISIONI MONOLITICHE

  1. MONDIALISMO: PIANI POLITICO, ECONOMICO CULTURALE E SEGRETO

Le questioni della svendita e privatizzazione dell’Italia, del cappio EURO, della strategia di distruzione ed asservimento del nostro paese e molte altre, vengono affrontate (da tutti o quasi) sul piano del fenomeno politico-economico visibile e tradotte politicamente nella mera indicazione della pietra filosofale opposta.
Un ruolo particolare riveste l’ASSIOMA MONDIALISTA, con modello di progetto unico globale e la sua controparte critica, a sua volta assolutizzante il “mostro unico”.
Contrapposto a questo si pone L’ASSIOMA NAZIONALISTA E SOVRANISTA, che dà conto dell’era del capitalismo finanziario ma perde di vista le radici capitalistico produttive tout court della questione storica.
Il ruolo delle caste politiche e le loro scelte vengono poi viste da un lato nell’ottica di asservimento e controllo dei partiti da parte dei grandi poteri economici internazionali, e all’opposto secondo le ingenue e false teorie della democrazia.
La corruzione e i meccanismi criminali incistati anche negli apparati pubblici vengono spiegati in termini di strategie mafiose o come fenomeni di decadimento indotto più o meno dipendenti dalla “natura dell’uomo”.
La assente o minore consapevolezza della gente (ma oggi questa tendenza si sta invertendo) viene inquadrata in termini di generale disinformazione e talvolta ricondotta a processi di acculturazione inefficaci o programmi di disacculturazione gestiti attraverso l’estrema e funesta specializzazione settoriale (a partire dalla più generale tripartizione e tra aree umanistica scientifica e tecnica).
Le questioni geopolitiche mondiali vengono spiegate in termini di macro scelte, orientamenti ed equilibri, dove la fanno da padrone gli USA, la Russia di Putin, la CINA e un’Europa decadente come lumicino di coda allineato (con Inghilterra e Israele cardini autonomi degli equilibri e delle dinamiche internazionali). Qualcuno si ricorda poi del ruolo di terzi paesi emergenti India, ad esempio, o del Giappone più o meno esautorato. Qualcuno poi si è accorto forse che PUTIN ragiona in termini di strategia storica, unico nel panorama internazionale .
La questione planetaria della distruzione dell’ecosistema di tutti gli squilibri nell’ interazione uomo-ambiente, viene inquadrata nell’ambito dell’ecologia o con interrelazioni rispetto alla dinamiche politico economiche mondiali.
I piani dell’agire sotterraneo e segreto vengono considerati come un appannaggio dei cultori o gestori del settore e le prove relegate negli archivi segreti di apparati e Stati.
I legami tra questi ultimi e le vene esotericheggianti e di copertura sono spesso volutamente IGNORATI.


  1. NAZIONALISMO E ALTERNATIVE POLITICO ECONOMICHE
La cosidetta informazione alternativa usa lo stesso metodo, con argomenti simmetrici: al mondialismo vengono contrapposte le vie nazionali, alle privatizzazioni un nuovo concetto di nazionalizzazione, all’EURO la moneta sovrana, alla disinformazione la controinformazione gestita e via dicendo.
Alle nuove correnti di pensiero e spiritualità, spesso manipolanti, vengono contrapposte le più o meno salde roccaforti del pensiero e della spiritualità tradizionali.
Ciascuno tende a vedere negli avvenimenti, nelle azioni e manovre dell’altro gli argomenti per la critica e distruzione teorica reciproca. Per esempio la CHIESA da un lato viene vista come l’unico male, reale potenza economica e identificata con il mondo della efebofilia e pedofilia. Dal lato opposto essa è l’unica depositaria del principio solidale ed ecumenico e le devianze al suo interno sono prova della strategia di infiltrazione e distruzione della stessa. Con tutte le sfumature intermedie .
Sull’altro versante pensate allo gnostiscismo, alle spiritualità alternative e al culto dell’AntiCristo, nelle loro connotazioni ideologiche e talvolta pratico-associative, sempre rigorosamente ignorando le interrelazioni con gli altri piani e la natura duale di queste realtà che oscillano tra coperture, mistificazione, ideologie della frammentazione e alternative strategiche pensate in circoli spesso di elite.
Poi dell’uso a livello apparati segreti e del ruolo di servizi di questi piani e dinamiche e della loro concreta operatività non ne se ne deve parlare, o meglio se ne può parlare come un punto di vista a sua volta “parallelo“ isolato su un piano separato e in ristretti circoli di esperti.
Tutto è vero, ogni approccio e ogni analisi. Purchè nulla disveli le radici del pensiero debole altrui ma anche del proprio: tutti debbono legittimarsi nella propria settorialità. Sono poi i consapevoli gestori delle dinamiche e delle realtà concrete che legano strategie su tutti i piani e azione.
Accade così che cultori della politica reale nazionale ed internazionale e del capitalismo finanziario e socio produttivo (?!) ed esegeti delle scelte fatte , contraddittòri sovranisti, esoteristi mistificatori o ingenui, spiritualisti separati nella visione del reale, geopolitici didascalici o geopolitici della ingegnerai storica, concorrano giocosamente allo stesso fine senza saperlo.
Una sommatoria di prodotti che non lasciano intravedere una strategia globale, una riappropriazione consapevole della conoscenza integrata sui vari piani da parte dei mondi popolari (borghesi e non) e soprattutto una concezione INGENUA della stessa politica.
Alla fine tutti fanno una politica di idee e di prassi più o meno allineate o incoerenti, con piccole e mediocri bandierine e nessuno si cimenta a costruire a tappe una teoria e pratica della liberazione, della trasformazione del reale con una dimensione strategica consapevole che parte dalla compiuta analisi dei livelli dei loro intrecci e dei nodi da sciogliere in ordine di priorità PRATICA e non ideologica.
Questo l’oggetto della critica nostra a signoraggisti endogeni, economisti delle compatibilità, politici dell’alternativo con lo slogan alternativo e via elencando, sicchè non me ne vogliano, ma vederli acccomunati nel metodo inferiore a coloro che vorrebbero sinceramente combattere o a cui di nascosto appartengono, ci lascia semplicemente sorridenti, senza sarcasmo.
Li sentite parlare tutti, ora, dopo questa premessa, in un coro disordinato ed affastellato: “Occorre il Nuovo Ordine Mondiale” “Bisogna ritornate alla sovranità nazionale ed alla moneta sovrana” “La realtà si trasforma solo trasformando sé stessi a partire dagli individui” “occorre una politica che trasformi la società” “La realtà esoterica e segreta spiega e fa capire a livelli superiori” “Le caste esistono” “le caste non esistono” “La casta e la gerarchia cattolica sono la matrice del male” “il male è l’assenza della spiritualità unica” “il mondo si governa creando diecimila rivoli di credenze che convivano in una sorta di acquario delle religioni polimorfe per una umanità privata delle conoscenze generali necessarie”…?!
SE riuscite a percepire l’assordante coro come sinfonia delle asimmetrie e frastuono che ha un ordine unico di insieme e ne percepite il trucco superiore siete finalmente sull’altro piano. Che è poi SEMPLICEMENTE il piano del recupero critico e consapevole di coscienza e conoscenza.
Su questo piano nulla è relativo o vero in sé ma tutto è parziale quasi sempre duale e contraddittorio, e la conoscenza integrale del tutto salva la porzione di verità dialettica a sua volta in ogni approccio. E fa vedere le contraddizioni da svelare (questo piace un po’ meno…).
Ma da ciò se ne trae un metodo ed una conoscenza unitari.
Questa conoscenza che mette insieme ragione spirito istinto è quella che può riprogettare invece la storia e può arrivare a modificazioni reali…Ma ci dobbiamo intendere. Con qualche esempio.

II. LA CRISI POMPATA DELLA IDEA DI STATO E DIRITTO
La crisi dei modelli democratici e di quello italiano in specie, spinge poi a risposte di base (democrazie dirette o ingegneria di organizzazione sociale dal basso), oppure di norma, colto l’inganno della democrazia gestita controllata e svuotata, si tende spesso a buttare a mare gli stessi principi e regole, confondendo il prodotto di una degenerazione e manipolazione gestita per oltre un ventennio come il vizio genetico del diritto e dello Stato sociale di diritto.
Quasi comico l’impegno di pochi (ma cattivi) pseudo giuristi formali coperti, che dopo un decennio di scuola alla gestione invertita del diritto, adducono argomenti da bottegai sulla inadeguatezza e sulle lacune della Costituzione.
Pur di assolvere al loro ruolo di inganno e disinformazione. E se in mera ipotesi fosse possibile provarne la buona fede, la questione apparirebbe più tragica ancora: anni di studio e formazione buttati al vento, in un confuso delirio depressivo ed autodistruttivo.

III. IL PIANO ESOTERICO: LE STRATEGIE MANIPOLATIVE, LE DIASPORE RELIGIOSE, IL COMPLOTTISMO DESTRUTTURANTE E DIVERSE TEORIE INGENUE.
In questo quadro hanno un ruolo importante, sebbene non visibile o centrale, le ideologie alternative, spesso insufflate e propalate da piccoli gruppi gestiti secondo secondo logiche estranee alle stesse idee e valori da questi assunti a cardine associativo.
Qualsiasi idea ed ogni spiritualismo vanno bene, per una superiore logica di frammentazione e scissione, ma per capirlo occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni .
Così come per capire come sia stato realizzato l’obiettivo del controllo sotterraneo e svuotamento della democrazia, con la concreta realizzazione di un controllo sociale diffuso, occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni.
Lo stesso occorre fare per cogliere il ruolo dell’esoterismo che mitologizza il mondialismo, o introduce la logica delle caste come dato antropologico secolare e che insuffla l’esistenza di una sola realtà “occulta” (ROSA CROCE o altra non conta, in questo momento) assolvendo ad un preciso duplice ruolo di distrazione dalle entità concrete e dirottamento dell’attenzione alla maschera più utile per fini politici finali. Deve essere difatti “tutta” altrui la “maschera”, non basta che sia maschera: il male assoluto deve essere nell’altro. E’ sempre la “cosca” accanto la responsabile, meglio se immaginaria o manipolata ed ingegnerizzata per farla sembrare ciò che potrebbe essere solo “pro quota” .
A volte, invece di ideologizzare fondamenta teoriche delle scelte ideologiche del male o del bene, ed ingarbugliarsi su come templari moderni sarebbe più opportuno dipanare gli intrecci concreti che portano a strategie e dinamiche storiche concrete. Ma questo apre le menti e svela in modo “toccabile e concreto”, proprio quello che non si vuole/deve fare .
Così come per capire che le teorie ingenue del MONDIALISMO, DEL NAZIONALISMO sovrano e la ormai desueta TEORIA INGENUA della DEMOCRAZIA (e a sua volta la stessa teorizzazione della teoria ingenua ultima se portata alle estreme conseguenze, si badi bene) appartengono ad un magma complesso del quale è importante svelare chiavi di lettura, metodi, storie ma anche metodologie culturali operative e gestionali .

IV. LA DIFFICILE OPERA DI CHI INTENDA VALUTARE E  RAGIONARE SUL PIANO DELLA COMPLESSITA’ E DELLA CONSAPEVOLEZZA DELLA PERENNE ETEROGENESI DEI FINI.
TIRANDOSI fuori dalla mischia delle ideologie unilaterali e monolitiche è allora possibile affrontare in modo proficuo la questione pragmatica del cambiamento e della politica del cambiamento.
Nemico mortale di una complessa visione delle concrete e tattiche tappe del cambiamento, è la unilateralizzazione e la monolitica concezione di qualsiasi cosa.
Su questo si gioca una delle partite fondamentali: ogni frammento e approccio unilaterale va bene per non cambiare o cambiare il meno posibile, purché visione critica visione di insieme e visione a più livelli non attingano a metodo nuovo ed a strategie storiche e politiche concrete.
Più che una faccia duale e vari GIANI bifronte, abbiamo quindi diversi piani, svariati intrecci, dinamiche gestite o solo agevolate oppure spontaneamente prodottesi nell’ambito di meccanismi indotti.
E soprattutto dobbiamo affrontare livelli di gestione e condizionamento particolarmente insidiosi.
Tra le insidie in agguato:
  • la “facile” denigrabilità di quei metodi che rifiutino la semplificazione delle teorie ingenue e le manipolazioni con esse coerenti o ad esse finalizzate.
  • il veleno immesso in critiche astruse, deliroidi e prive di ogni presupposto oggettivabile, cementate dal venticello della calunnia, che aumenta progressivamente quando si deve arginare la ripresa di un metodo consapevole critico e della sua lenta ma inarrestabile diffusione tra coloro che dovrebbero rimanere succubi .
  • Mimando una nota battuta di un noto film degli anni andati, vi è sempre un COMMISSARIO che con accento dialettale meridionale è pronto a urlare minaccioso “Tu puoi essere marxista, leninista fascista, economista, esoterista, vegano, nazionalista, mondialista, di centro destra e sinistra…ma l’intelligenza storica, la capacità di ricostruire insieme i vari piani, la concezione attiva e pratica della politica come reale trasformazione a partire dalla rimozione degli ostacoli e trabocchetti frapposti, CHE MINCHIA C’ENTRANO ??! ” ..
La reazione è uniforme: se trovi i punti di rottura, se intervieni su altri livelli, la rabbia, la manipolazione, la gestione della denigrazione ritenuta necessaria ad impedire che un nuovo metodo si sviluppi, sono direttamente proporzionali alla crescita e penetrazione di quel metodo e delle proposte conseguenti.
Di solito gli epiteti e le deliranti ipotesi vengono alternate con l’uso “politico” del buonsenso comune. Il buon senso: la più antica arma del potere, che però ignora quanto il popolo in fondo la sappia lunga e faccia anche finta di credere al buon senso comune che utilizza.
Un inganno reciproco ed una società di gnorri che durerebbero all’infinito, sino a che però le esigenze e le compatibilità non vengano divaricate dal corso degli eventi. Le idee e la cultura hanno anche questo compito, purchè si inseriscano con la lucidità giusta al momento giusto e per obiettivi di trasformazione che servano a tutti (nel senso che tutti vi possano vedere futuro e fondamenta utili e ricollocarsi).


V. LE TEORIE INGENUE E LA POLITICA CONSAPEVOLE.
Questa riflessione parte dall’assunto che occorra dare quindi una visione complessa e stratificata alla politica (del popolo e per il popolo). Il che sembra una contraddizione in termini.
In realtà da secoli questo avveniva nelle stanze occulte del potere e dei bottoni, gestite da elìte consapevoli. Ma il gioco pubblico, esterno, ha reso fumosa ed invisibile ai più questa complessità.
La consapevole e complessa conduzione dietro e oltre le quinte ha viaggiato quasi indisturbata, riservando l’esclusiva delle consapevolezze alle élites in lotta fra loro.
E le élites a loro volta si sono impegnate da sempre a celare quel piano: qualsiasi mezzo di scontro va bene, meno quello che eleva le dinamiche nascoste, le idee profonde, gli scenari invisibili portandoli su piani conosciuti e conoscibili.
In questo modo di spiega, per esempio, la debolezza delle denunce e delle accuse di Berlusconi al mondo opposto: termini, spiegazioni e concetti che non danno mai conto delle radici più profonde e dei vari altri livelli intrecciati. Un parlare a metà e per allusioni che da solo la dice più lunga di qualunque analisi.
Nello sforzo di emersione dei distinti piani il nuovo difetto della visione unilaterale e piana è poi, a nostro modo di vedere, divenuto eclatante: mentre vi è chi consapevole si muove a cavallo fra i tre strati che enucleeremo, alla quasi totalità è riservato il piano ingenuo della politica visibile e a gruppi selezionati il piano delle scelte ed attività segrete; ad altri neofiti all’uopo “distratti”, il piano esoterico separato (quasi sempre nella versione “Propaganda Progresso Esoterico”).
In questo modo resterebbe saldamente in mano ai pochi delle élites vere (una esiguissima minoranza) la capacità di interrelazione e conduzione complessa sui vari piani del tutto. In ciò consiste l’essere “illuminati” e solo su questo (ben diversamente da quel che credono gli esoterici endogeni) si poggia il potere delle organizzazioni nascoste .
Se esso fosse solo idea, rito, spiritualismo non muoverebbe storia e processi su piano planetario come invece riesce a fare.
Tale piano coperto è realmente importante solo in quanto vi appartengono élites selezionate che tirano le fila ed i meccanismi degli altri due livelli in mano, o semplicemente il metodo giusto per agire in modo interrelato.
Esso attiene alle dinamiche storiche concrete oltreché “antropologiche” e ideologico/ culturali e chi lo illustra separandolo dal resto agisce da entomologo ossessionato e spesso disinformatore consapevole.
E’ arrivato il momento che la storia e la soprattutto la politica si occupino di sè anche attraverso la visuale del piano coperto e più nascosto, ma non secondo le teorie esoteriche ingenue o il sapere settoriale degli studiosi di attività segrete e di intelligence, ma centrando in contemporanea la attenzione sulle élites che interagiscono e sui vari piani attivi.
Occorre perciò non solo evitare che il piano elitario ed esoterico sia mitologizzato, “propagandato” dall’interno e secondo la percezione che di sè vogliono dare le stesse élites, ma occorre svelare l’inganno e la mistificazione che spesso ciò comporta. Con la debita durezza che lo svelamento di falsi arcani merita.
L’occulto svelato, sì, ma vagliato come meramente coperto e segreto per capire il reale quotidiano e l’agire cui è direttamente orientato: un metodo impietosamente laico, oltre le false idee e la proliferazione concettuale che mistifica e copre.
Con buona pace degli esoteristi inconsapevoli od agenti, che si faranno pure una precisa ragione di questo crudo e diretto approccio, salvo poi continuare a “personalizzare” ed infantilizzare sul piano della risposta la polemica altrui, come da protocollo, per sterile autodifesa o aggressione che svia i contenuti.
Si tratta di introdurre analisi storica e politica e conoscenza multifocale, a più strati e su più livelli. Una strategia ed una accurata tattica che svelino, mostrino e rendano individuabile ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui sono state imbrigliate la storia e la sovranità e devastati/controllati i popoli.
Questo richiede implacabilmente il superamente del “solo” piano esoterico, dell’inganno sublime gestito da “Oi MAGOI” più o meno consapevoli, consistente nel raccontare pianamente o simulare di svelare.

VI. PER UNA POLITICA CONSAPEVOLE
Abbiamo quindi bisogno di quel metodo quella analisi e quella strategia e tattica, multifocale, a più strati e su più livelli, completa.
In particolare, necessitiamo di una strategia storico-politica e di una accurata tattica che svelino, mostrino ed attacchino ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui hanno imbrigliato la storia, devastato popoli e sovranità specialmente nel “laboratorio” Italia.
Volendo concludere provvisoriamente sintetiziamo:
TRE SONO GLI STRATI DELLE FORZE IN CAMPO
  • Il livello socio politico economico visibile e le forme degli inganni;
  • Il livello geopolitico, militare; industriale e finanziario ed il piano segreto nazionale/internazionale (cerniera tra piano visibile superiore e piano nascosto e motore occulto realmente potente).
– Il livello segreto delle caste e delle élites ed il suo organico collegamento con gli altri due livelli. Banalmente: non a caso si tratta di soggetti con un potere ed un ruolo professionale o istituzionale, di colletti bianchi e professionisti. Se non avessero tali vesti ufficiali e i poteri rispettivi non potrebbero tradurre operativamente ciò che “bolle nella pentola”. Le comparse, vittime e non, su tutti piani, hanno ovviamente altri destini e ruoli.

VII. LA CONCEZIONE VETTORIALE DELLA POLITICA PRATICATA GIA’ DALLE ELITES.
La nostra scommessa: rifondare la politica e le scelte, la storia e il movimento, gli obiettivi e le tappe, partendo da un’analisi complessa che guarda alla sommatoria di forze e spinte che interagiscono su più strati e secondo varie direttrici.
Va da sé che occorre superare ideologie e metodi del XX secolo, false credenze e ingenue teorie, approcci idioti e demistificare anche tutte le teorie ingenue e la loro pratica . Ad esse aderiscono, con loro buona pace, quasi tutti gli “intellettuali” e “politici” portatori dei loro saperi separati e delle loro chiavi di volta unilaterali. Tutti quanti si delegittimano e legittimano reciprocamente per appartenere allo stesso coro.
Ma non ripeteremo più, dopo questo ultimo articolo, la solfa sul metodo: anche perchè i fatti dimostrano che limitandosi a blaterare su versanti opposti di Economia e compatibilità, Stato e legalità, Mondialismo e poteri, o di moneta e sovranità (con buona pace dei Tamburro, e dei Marra specie della prima ora, salvo rigurgiti di economicismo inaspettati, e sinanche dei neo o vetero più o meno sofisticati Della Luna, Rossi, Imposimato…) non si va e non si è andato seriamente da nessuna parte.

Per arrivare a nuovi assetti politici e sociali e fondare un nuovo percorso storico e politico occorre avere una esatta mappa della realtà, a più strati, ed interagire ed operare in progressione eliminando gli ostacoli frapposti, i trabocchetti, i meccanismi studiati a tavolino per decenni e darsi priorità ed obiettivi organizzati quantomeno in ordine logico e progressivo.
Non siamo più in una paese ingenuo del dopoguerra: i diavoli o i santi, la democrazia o il pericolo totalitario comunista .
L’idea o l’obiettivo finale esclusivamente enunciati senza un piano d’azione e una mappa completa del territorio, non assolvono il ruolo che alla politica affidano i tempi. Abbiamo un intero progetto sotterraneo da destrutturare e disarmare, costruito per venticinque anni a tappe forzate nella più completa insipienza e sottovalutazione. Di lì solo si passa per arrivare attraverso la necessaria riconquista delle sovranità: va bene indicarle ma grave è l’errore o la mala fede di chi pensa di limitarsi a questo. In tal caso non si è capito nulla o si è dalla parte sbagliata. E quando parlo di parte sbagliata alludo anche alle strategie neo-nazionali gestite dai medesimi poteri che si vorrebbero combattere, e persino alle strategie eversive che usano il ribellismo generico e la propaganda antimondialista a fini propri (eterogenesi che ritorna, implacabile).
Il movimento Cinque stelle che ha scelto una a suo modo lungimirante strada empirica dal e del concreto è rapidamente passato alla fase delle TEORIE della liberazione INGENUE e subito alla fase dello scontro su punti critici, in encomiabile accelerazione .
Ora aspettiamo e stimoliamo l’ulteriore salto che ci permetterà di indicare al paese insieme il cemento solido e sotterraneo del potere duro delle caste e di capire e far capire come hanno costruito un dominio distruttivo stabile e potente.
Questo golpe sta uscendo allo scoperto a sua volta: quando sentirete parlare anche Grillo e chi è accanto a lui di strategia eversiva, del ruolo della magistratura infiltrata, della piattaforma reazionaria costruita con psicologi e psichiatri di apparato, di élites militari, tutti coinvolti, e di concreti apparati anche a metodologia a “copertura esoterica“ e chi scrive finalmente potrà liberarsi del suo per forza di cose individuale compito (che si è dovuto assumere perché “gli è toccata” e non poteva certo tirarsi indietro) e andare magari ad occuparsi di ambiente e sicurezza del lavoro e nuovi modelli sociali e valoriali, solo allora avrete il polso di un grande cambiamento in atto nella politica “nostra”.
Manca veramente poco e giungono nuove notizie.

VII. TOCCA A NOI 

Forse un’intera epoca sta per essere abbandonata, come presagivamo, e verranno lasciati al loro destino molti che vi hanno creato e conservato un ruolo cruento e criminale coperti .
Tanto che dobbiamo pensare a cosa potrebbe sostituire tutto ciò: per fare i conti col passato occorre fare i conti col presente e col futuro.
Manca veramente poco, il poco ed il tanto basterà per avviare una nuova rotta consapevole. E se  quel sentiero non venisse adeguatamente  attraversato preparando e gestendo bene la unica vera lunga marcia dei popoli non ne usciremmo.
Toccherà ancora ed ora a noi. 
Dovremo avere la forza di costruirci in modo totalmente autonomo, puntando sui movimenti di massa che si stanno formando: primo obiettivo non farli deviare ed  egemonizzare da contenuti ed obiettivi ingenui e didascalici, e secondo obiettivo indicare tutti i trabocchetti ed una analisi completa  della mappa dei poteri schierati a difesa e deviazione dello Stato e della Costituzione. Terzo obiettivo il programma vero sovranista e di democrazia diretta e le sue tappe concrete, ma con la consapevolezza che solo un progetto economico e sociale storicamente nuovo potrà salvare le genti e non darle in pasto alla borghesia massonica imperialista e oligarchico finanziaria internazionale o alla borghesia nazional massonica pronta ad allearsi con i primi a golpe scientifico “commutato”.  

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

* VECCHIA PICCOLA BORGHESE MASSONERIA

“Dice un avvocato, Marco Della Luna in un sito , che vi sono la classe A poche migliaia di oligarchi finanziari e la classe B , tutti gli altri miliardi di persone, divisi in “categorie ” .  ( ?!) 
Poi, invece, dice il CDD [ .. ] , c’è la Classe C , di quelli che rimandati in storia e politica fanno pubblicità ad un MONDIALISMO stra-assoluto e talmente tanto potente da dover essere configurato come UNIVERSALE PLURIMILLENARIO INVINCIBILE Assoluto ( e non è nessuna di queste cose ), oppure lo nominano e descrivono a colpi di piramidi rigorosamente internazionali con mere discendenze nazionali. 
Sublimano così versandolo sul Mondo Piramidale il MALE assoluto, non perché non sia “anche” così, ma per poter poi di riflesso evidenziare il proprio BENE , sempre dalla parte di corposi interessi DI CLASSE ( la stessa) . 
E si esercitano così, invece d praticare e teorizzare le strategie per destrutturare le forme ed i diversi agglomerati di potere deviati, ovviamente.
Dicono che deviati sono gli altri, ma le strumentazioni e le attività criminali sono ben “condivise” e la denuncia è a fini di “voti” ( da incamerare). 
E non si peritano nè si cimentano ad analizzare associazioni segrete loro rapporti , e altro ed altro . Che a tirar fuori le pagliuzze e le travi resterebbero tutti senza occhi. 
Questa è la “Classe C” ( aula primo piano ),  dei Perdenti Pessimisti filo mondialisti camuffati o dei nazional sovranisti massonici, che non hanno capito che la storia non è un programma di computer e che la storia marcia ed avanza e cambia rotta . 
Inutile levare concettualmente il timone .. e i marinai contano eccome .
Ma se volete , banalmente , a classificare in A e B è la borghesia sovranista nazionale, portatrice degli interessi di classe propri, strumentalizzando nelle crisi il popolo : essa fomenta la TEORIA INGENUA DEL MONDIALISMO in conflitto con la altra componete massonica borghese internazionalmente collegata ed ispirata dal fine A, ma sempre alleata fondamentalmente all’altra squadra. 
UNa simpatica partita di rugby , palla ovale due gruppi di giocatori , e varie mischie, tanti calci, qualche costola rotta . 
L’importante è che si continui a giocare la partita , fare i punti a meta , o con lanci o con calcio piazzato . Gli arbitri internazionali controllano ed intervengono se necessario, negli spogliatoi vengono scelti tutti i partecipanti non in panchina . Rigorosamente il popolo rimane sugli spalti, chiamato a fischiare od applaudire .
Le classi e la borghesia esistono eccome, e chiamare classe la “alta finanza” e per converso “categorie” le varie collocazioni sociali nei popoli nazionali è UNA MISTIFICAZIONE sotto-culturale . Ovviamente la gente resta sugli spalti, ben sapendo dove siano le responsabilità ed i ruoli nazionali e sovranazionali: osserva questo allucinato dibattere tra finta sinistra e finta destra tra pro o contro Mondialisti e tra pro o contro Sovranisti , complottisti esoteristi, complottisti antimondialisti, complottisti sovranisti e complottasti solo complottisti, e si limita a fischiare le azioni in contropiede e ad applaudire qualche meta .
Ma state tranquilli : sino a che non riuscirà ad emergere la vera analisi dalla parte dei popoli e le varie etichette si sovrapporranno all’unico barattolo di classe del potere , si potrà continuare a giocare . Viva il rugby evviva la classe “non classe” che vuol far pagare o vuole levare le tasse. 
Sono sempre loro a varianti cromatiche visibili e varianti sotterranee ormai scoperte .

Cambiamo gioco,  lavoratori, disoccupati, piccoli commercianti, agricoltori, studenti e veri intellettuali e non falsi professori ?!?!

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE


SCOOP  


 

 

 

CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Categorie: borghesia, CDD, CDD Comitato Difendiamo la Democrazia, CDD UNIONE, framassonerie, massonerie, nazionalismo, Paolo Ferraro, sovranità. mondialismo, SUPER GLADIO | Lascia un commento

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO che fare ?

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO 
 che fare ?

Se dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato e cosparso di trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare, per arrivare ad un castello cui mirano anche altri per finalità di potere opposte (la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta*) dobbiamo avere una mappa completa ed un programma di lavoro su vari piani.
Esistono due concezioni e due fini diversi della/e sovranità, della democrazia, e una sola democrazia diretta, e due modi radicalmente diversi di inquadrare la crisi e la svolta storica e socio politica ed economica .
Una è quello del popolo, l’altra è delle massonerie borghesi a vocazione nazionale od internazionale, consociate a poteri di etnia o di componenti di grandi organizzazioni insediatesi attraverso il potere spirituale religioso reso terreno e deviato dai fini.
1. IL MONDIALISMO ED IL SOVRANISMO NAZIONALE FRAMASSONICI E MASSONICI. UNA PRIMA CONSAPEVOLEZZA DA ACQUISIRE .
La sovranità della classe massonico borghese e dei professionisti della media borghesia nazionale che vogliono tornare ad essere egemoni (affratellati negli affari e nella ricchezza che vedono messi a repentaglio da strategie economico mondiali che ridisegnano il potere della classe dominante sempre più diretta dalla componete squisitamente finanziaria, e da apparati coerenti con l’assetto globale del capitalismo finanziario) è una delle forme del perpetuarsi del dominio, pronto ad essere condiviso con le massonerie a vocazione internazionale, ridisegnati i rapporti di forza se debitamente corretta la rotta.
La borghesia massonica è realmente raccolta intorno al condiviso grande partito sotterraneo consociato, fatto di mille realtà frazionate (spesso mero specchietto per allodole) solo superficialmente in lotta fra loro ma unite nel fine di perpetuazione del potere.
Poche riflessioni danno accuratamente conto di ciò e quasi nessuna più accuratamente del cemento sotterraneo condiviso del potere che usa tra i suoi strumenti la propaganda per slogan contrapposti, mirando solo a ricostruire in forme nuove il potere di classe di chi lo ha sempre detenuto.
Marciare contro il mondialismo imperialista e contemporaneamente contro la sovranità (eversiva o meno) di massonerie borghesi a vocazione nazionale, e disarticolare gli apparati e strumenti condivisi, è il solo modo di marciare con e per il popolo.
Contemporaneamente occorre perciò smascherare l’antimondialismo di facciata, manipolato, che usa mega simboli e nomi altisonanti (in parte reali) solo per distrarre ed instradare la gente, sfruttandone il generico ribellismo per farla aderire inconsapevolmente al progetto massonico nazionale.
La strategia di limitarsi ad affermare verità (parziali) e princìpi auspicabili senza alcuna intenzione di realizzarli e anzi agendo in senso opposto ma anche volendo realizzarli per FINI diversi dai nostri è uno dei nodi essenziali del problema che dobbiamo affrontare.
Più volte abbiamo detto che l’Idra ha più teste e che il disegno nazionale intermedio, come medicina di fase alla crisi strutturale è parte della esperienza dei sistemi capitalistici : nel novecento l”esperienza si rivoltò alla fine contro alcuni strateghi sotterranei e finanziatori o mallevadori ( garanti ) delle vie nazionali. Ma l’accerchiamento lento , i compromessi , il pragmatismo , ed il controllo infiltrato avevano già avuto ragione delle esperienze social nazionali .
La guerra e la sconfitta nella guerra furono lo strumento per rimettere in occidente ed in Giappone le lancette dell’orologio al 1929 e praticare la via Keynesiana in veste di Welfare ( il mito caduco del progresso permanente e del benessere, del consumo infinito e della produzione infinita , dello Stato sociale e dei diritti senza intaccare le fondamenta capitalistiche dei sistemi ) .
Oggi è stato previsto anche l’ egemonizzare e il manipolare quella alternativa di percorso preventivamente , scanso pericoli eventuali .
Mentre le vie nazionali e la rinuncia provvisoria al tragitto mondialista ed al profitto da moneta a debito, è semplicemente oggi una eventualità messa in conto anche dagli stessi oligarchici poteri finanziari internazionali. A termine . E questa necessità/eventualità agevola le massonerie nazionali in parte , e le cellule non più lasciate quiescenti .
E’ necessario poi tra le varie cose, smascherare anche la trama sotterranea e dispersiva delle scuole para-esoteriche dei complottismi solo apparentemente antisistema ma in realtà funzionali ad esso, strutturati o lasciti proliferare, ed infiltrati anche per annebbiare e confondere, distrarre e far girare a vuoto. O destabilizzare assetti culturali che rendono non fluido il controllo . E ne abbiamo analizzato ed indicato caratteristiche, scopi metodi e ruoli su un piano generale .
2. LA TRAMA SOTTERRANEA DEI POTERI E STRUMENTI COSTRUITI E LA NECESSITA’ DI RECIDERNE LA POTENZA, SVELANDOLI , AFFRONTANDO PUBBLICAMENTE LA QUESTIONE RENDENDOLI OGGETTO DI CONCRETA INIZIATIVA POLITICA . UNA SECONDA CONSAPEVOLEZZA DA SVILUPPARE .
La strategia per un progetto economico sociale nuovo e per le sovranità vere inoltre passa necessariamente attraverso l’analisi, la denuncia, la distruzione e la neutralizzazione delle roccaforti, delle trappole e delle postazioni immesse lungo il percorso, già utilizzate per controllare e gestire sotterraneamente un simulacro di democrazia, tra ricatto, violenza, manipolazione e progetti di controllo sociale ed informativo.
Chi nasconde ed evita questo argomento, o lo rende astratto e meramente informativo, chi non adatta la tattica e gli obiettivi anche in questo senso, nasconde la appartenenza ad apparati trasversali che condividono proprio quegli strumenti o è semplicemente stato messo in condizione di non capire.
Abbiamo alle spalle generazioni di uomini e donne allevati prima alla scissione tra destra e sinistra, poi attraverso INTERNET , ma per aggirarne la autonoma potenza informativa, alla scissione tra mondialismo e sovranismo nazionale.
Noi pur leggendo di apparati condivisi e cemento comune delle massonerie borghesi abbiamo perso il senso critico non appena si sono infiltrati manipolanti abili imbonitori di piramidi internazionali o miti nazionali, senza verificare se questi facciano in realtà sotterraneo riferimento ad apparati COMUNI sottostanti.
Una analisi a più livelli e sugli intrecci reali ma nascosti è l’UNICO rimedio anche sotto questo profilo .
Gli obiettivi integrativi ed intermedi che ne derivano sono il mezzo per arrivare realmente alla sovranità dei popoli e a sistemi socio-economici e politici nuovi, dato che per sessanta anni hanno costruito proprio ciò che più accuratamente nascondono e che nascondono quasi tutti, da una parte ( fittizia) e dall’altra ( fittizia ).
E se non fosse stato necessario tutto questo anche per controllare la evoluzione e la potenzialità delle democrazie ( a prescindere in questa sede dal piano strategico e “finalistico “ ) non avrebbero investito uomini, risorse ingenti, studi ed attività di portata ciclopica.
E se fosse bastato il mero potere economico finanziario non tradotto in strumenti articolatissimi e nascosti di dominio, non avrebbero certo realizzato, perseguito e gestito tutto quello che andiamo svelando insieme.
E se bastasse lamentarsi delle scelte e degli strumenti visibili giuridici , politici ed economici realizzati a ogni piè sospinto , o analizzare solo quelli , non saremmo stati al palo per venti anni .
E facendo così alcuni di noi continuano a scambiare i risultati raggiunti per il mezzo, appiattendo la visione degli strumenti effettivamente attrezzati per poterne assicurare il raggiungimento .
E continueremo a stare al palo sino a che in una importante quota non avremo valutato la semplice verità seguente : la rimozione di ciò che hanno creato scientemente e necessariamente le massonerie borghesi dominanti , per il governo sotterraneo e reale, ma anche per il libero aprirsi di scelte e strategie economico politiche, è la condizione dell’alternativa e il mezzo e lo strumento anche della azione politica che voglia concretamente trasformare .
Senza ciò non si va da nessuna parte e il regno dell’inganno delle massonerie borghesi pervaderà anche le aree consapevoli , ma non del nuovo inganno .
Chi nomina solo l’obiettivo Sovrano e magari contrabbanda per battaglia politica utile la propaganda a colpi di esposti generali, o di articoli indignati, non solo non spiega quale sentiero, ma nasconde di fatto o per volontà insidie profonde e concrete. Si vuole così EVITARE da parte dei lungimiranti infiltrati che venga fatta propria dalle gente la tattica e politica che le rimuova e miri a fare della rimozione concreta , in corso d’opera , una parte essenziale e comunque necessaria della attività politica concreta .
L’assunto che la sovranità è il rimedio e che nella realizzazione di questa si assorbe tutta la attività è quindi un abile ed insidioso sillogismo invertito .
La/e nuova/e sovranità sono il risultato primo storico da raggiungere e l’obiettivo per rifondare dagli ambiti territoriali congrui le organizzazioni .
Tattica, passaggi concreti, strategie intermedie, smascheramento e denuncia ed eliminazione di apparati nascosti e strumentazioni sono invece il mezzo necessario, e questa proprio è la concreta dimensione tattica della “politica” che non si vuole venga agìta effettivamente dalla gente .
Gli abili nemici-amici vicini. e quei poteri perpetuati condividono quel cemento sotterraneo, nel fine ultimo e negli interessi ed anche negli strumenti , magari confliggendo ma solo per il predominio .
UNA IMMAGINE: Il fine ed interesse è il gioco del rugby , la partita e le vittorie sono il modo ma il gioco è unico e CONDIVISO . La gente sta sugli spalti, privata del gioco, ignorando le regole nascoste e gabbata dalle regole visibili.
Essi abili e doppi sanno che lo slogan generale e l’idea astratta lasciano liberi ed impregiudicati i fini ( loro ) e intendono arrivare a conservare o contrastare nuove strategie o raggiungere queste ultime, senza far sapere , mentre la gente “consapevole” ma abbindolata pensa che indicare la priorità logico storica basti. Ed una schiera ristretta ma attiva e attivata di operatori culturali lavora invece scientemente in questa direzione.
Il popolo e le classi subalterne e persino la piccola borghesia colta, ma non legata a circuiti professionali di potere sotterraneo e non, vengono così con il concreto insegnamento manipolatorio di una politica astratta o contro il mero visibile teatrino, distolti dalla comprensione della necessità di eliminare i meccanismi sotterranei di controllo che costituiscono il vero ostacolo frapposto e che hanno costituito lo strumento di realizzazione del potere della classe dominante .
E dominante sia nella sua versione strategico mondialista che nella strategia di autoconservazione nazional sovranista . Due squadre che giocano il medesimo gioco e non svelano schemi, attività negli spogliatoi , allenamenti ed attività “in ritiro “ .
Alla gente viene sottratta così la semplice verità secondo la quale nessuna consapevolezza e nessun percorso politico consapevole potranno divenire reali volontà e capacità di trasformazione politica egemoni , sino a che noi stessi daremo spazio alla politica ridotta a slogan generale ed indicazione del mero obiettivo finale o pratica dell’agire sul piano “politico economico monetario “
3. IL SUBLIME INGANNO CONSAPEVOLE NELL’INGANNO INCONSAPEVOLE: L’ANTISIGNORAGGISMO SOVRANISTA MASSONICO.
Premetto una sintesi estremizzata ma chiara per sollevare dall’onere di seguire ragionamenti in effetti un pò troppo articolati e faticosi .
Questione della moneta e del signoraggio possono essere strumentalizzati e piegati a fini ultronei. Per questo piacciono a ex gladiatori, economisti a loro simpatici qualche militante di apparati non del tutto visibili e massonerie nazional sovraniste massoniche. E’ un modo come un altro per tenere in mano le redini delle espressioni della politica in attesa di ritrasferire a livelli nazionali i poteri di classe delle massonerie (tanto il cemento condiviso sotterraneo NON si tocca) e così si spiega, finalmente, come pidduisti ed elite militari sponsorizzate sotterraneamente da oltre oceano ma persino economisti con un minimo di saggezza non solo cavalchino ma gestiscano anche la strategia tradizionale del tempo delle crisi strutturali. Può essere il modo di preservare il capitalismo e il modo di produzione e preservare il potere delle caste borghesi massoniche rigorosamente gestendo il tutto…che se scappa di mano…”.
Minimizzare o far scemare la portata filosofica, teorica ed emancipativa del concetto di moneta ricondotto a mero valore rappresentativo dello scambio, e la valenza implicita di progettazione di una società fondata su valori solidali contrapposti al capitalismo è stato un gioco da ragazzi. Ma se ne sono accorti in molti.
Un punto debole della importante teoria del signoraggio, a parte le discussioni tecniche sul modo di realizzazione del debito e profitto da monopolio privato retribuito della emissione di moneta, non era certo la verità che ormai appare dinanzi a tutti gli occhi.
I sistemi finanziari internazionali governano l’umanità e distruggono Stati piegando le società col debito. La ferrea legge dell’economia e del profitto finanziario è una atomica ad orologeria ed hanno certamente costruito nuove piattaforme giuridiche e di potere pronte a subentrare (L’Europa e l’euro delle grandi banche private). Tutto ciò grazie però allo svuotamento della dimensione politica e di autodeterminazione dei popoli. In Italia si è potuti arrivare a tutto questo anche tramite il dispiegarsi sotterraneo degli strumenti costruiti per occupare in progressione i gangli dello Stato e piegare diritto, politica ed interessi economici locali, mentre venivano agevolate e gestite anche derive sociali, irreggimentata e codificata la informazione e specialmente infiltrate con varie tecniche le elite più delicate (il mondo militare prima e la magistratura poi), infine ramificando vari sistemi di pressione e controllo sociale.
La vera questione delle questioni è però che la speculazione finanziaria e la moneta speculativa non sono una sola costante universale (e vi sono pure eccezioni) ma sono sempre anche una variabile dei sistemi storici concretamente determinati.
Quindi far ragionare in termini esclusivi di Signoraggio universale assumendo il piano monetario come unico e dirimente ha creato una non consapevole falla teorica, o meglio il bug (direbbero gli informatici) che ha agevolato l’ingresso di virus politici e di programmi maliziosi.
Il capitalismo finanziario nell’era delle oligarchie e dei progetti mondialisti che guadano il fiume della storia tentando di progettarla e dirigerla a fini di dominio stabile e di riaccumulazione della ricchezza reale, incontra con la esplosione finanziaria anche la crisi strutturale dei sistemi e dello stesso profitto produttivo in occidente, cioè del meccanismo motore dell’era ultima.
E il potere finanziario ed economico non è stato scisso dal profitto capitalistico mediante produzione distribuzione e vendita delle merci.
Anzi il motore primigenio della ricchezza, esaurita la fase della accumulazione e del profitto “mercantile”, è stato il produrre, vendere, creare un circuito di perenne aumento della ricchezza e perenne aumento tendenziale del consumo, convogliamento ed orientamento della domanda e dei bisogni e via dicendo.
La moneta ed il potere finanziario sono il prodotto finale ed ultimo di un percorso durato tre secoli. La moneta come strumento di indebitamento di Stati e società si colloca in questa ultima fase concreta con le sue ultime drammatiche specificità concrete.
La teoria del Signoraggio, apparentemente svincolata da questa esigenza di concreta determinazione, si è mostrata plasmabile ad esigenze e fini eterogenei.
E qui piomba l’uso suggestivo e manipolatorio della stessa che MIMA i concetti ma li svuota di consapevolezza storica.
Il nemico sono “LE BANCHE” “IL GRANDE CAPITALE FINANZIARIO”, la soluzione è la moneta statuale sovrana, la soluzione nominalistica massonico borghese nazional sovranista è il sistema della circolazione monetaria a fondamento statuale e apparentemente social nazionale (e la soluzione statuale con buona pace anche dei signoraggisti d.o.c. estranei alla nostra riflessione qui, fu indicata da KARL MARX centocinquanta anni fa) .
Così impostata la questione si può non parlare di modo di produrre, di sistemi economico sociali, di potere e dominio di caste diverse dalla casta superiore da elite finanziarie. E si può tranquillamente nascondere che la soluzione della circolazione monetaria sia una tappa intermedia necessaria già sperimentata dal capitalismo (nazionale). Poi di autodistruzione e del crack ambientale se ne parli, ma a parte, che sarebbe solo il prodotto di errori di scelta, non il risultato storicamente necessario dell’insensato modo di produzione capitalistico.
Ma soprattutto non si deve fare i conti a fondo con il nodo storico economico fondamentale.
Brutalizzando la questione: la moneta speculativa capitalistica è il prodotto del capitalismo, il capitalismo morigerato nazionale non inverte la storia e le tendenze immanenti alla legge del profitto restano se l’orizzonte politico economico e storico resta quello. O meglio, e qui si svela un po’ direttamente l’arcano, non esistono proprio come categoria per i “signoraggisti strumentali”, perchè quel che conta è ripristinare la posizione e la ricchezza ed interessi delle borghesie nazionali. Poi qualcuno storicamente vede e provvede.
Ma vi è un secondo nodo ovviamente da non nominare per i signoraggisti sovran-massonici.
Esso sta nel complesso delle questioni da noi indicate all’inizio. Trame, cemento del potere, divisione in classe ed elites dominanti e altre classi e ceti, dinamiche sotterranee e di controllo, metodologie armi sociali e progetti di dominio…si annebbiano nella efficienza politica universale del termine “SIGNORAGGISMO” divenuto slogan universale.
E tutte le questioni che ruotano intorno ad alleanze internazionali, nuove piattaforme economico sociali, letteralmente svaporano.
Si parla sempre su tabloid di tutto ma, nel “tutto complottista gestito”, i temi risultano slegati o per l’appunto finalizzati esclusivamente in quella chiave “antimondialista“ di cui abbiamo anche illustrato limiti e caratteristiche nel documento precedente pubblicato sui blog del CDD.
Tutto vero in tutto od in parte, ma gestito per celare di fatto una concreta strategia di classe e di classe sotterraneamente organizzata.
A ciliegina sulla torta, un recente “fiorellino” di un noto avvocato su nota rivista appena divenuta tabloid giornale in rete con una evidente accentuazione di rotta redazionale. Nel mondo vi sarebbero la CLASSE A, mille o poco più grandi capitalisti banchieri, e la CLASSE B (tutti gli altri). E le classi aula M e C ( massonerie consociate ) a chi le diamo ?!
IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE
ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE.
UN AGIRE POLITICO LUNGIMIRANTE E SU PIU’ PIANI CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO.
Non informati il  presidente della Repubblica Francesco Cossiga e i vertici del SISMI, Il 26 febbraio 1991 il presidente del Consiglio Giulio Andreotti invia alla commissione Stragi una relazione su GLADIO. 
La effettiva  data di inizio delle attività coperte e del funzionamnto di queste sotto una comunue organizzazione, o in forme organizzative diverse, e in epoche storiche diverse, può  essere anticipata di c.a  decennio, anche sotto altra sigla tendente comunque alla estensione dello “Stay-Behind”, tra il ‘43 e il ’55. 

On.le Giulio Andreotti presidente del Consiglio dei Ministri 


PREMESSA

L’esistenza dell’Organizzazione denominata “Gladio” è venuta pubblicamente alla luce nel corso delle indagini condotte dalla magistratura relative a fattispecie delittuose verificatesi negli anni ’70.

Il Governo, anche per aderire a specifiche istanze formulate dal Parlamento, e tenuto conto dei mutati equilibri tra le Nazioni europee, ha ritenuto di soddisfare le esigenze conoscitive dell’Autorità Giudiziaria, consentendo agli inquirenti l’accesso agli archivi dei Servizi di sicurezza. Una documentazione sulla “Gladio” venne inviata al Comitato parlamentare per i servizi di informazione e sicurezza ed alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle stragi ed il terrorismo. Una comunicazione sulla materia venne fatta dal Presidente del Consiglio dei Ministri l’8 novembre 1990 al Senato e l’11 gennaio 1991 alla Camera dei Deputati. Si è ritenuto specifico dovere fornire una piena ed incondizionata collaborazione, tant’è che il Governo ha revocato il segreto di Stato che, a suo tempo, era stato opposto e confermato su documentazione attinente alle indagini.

Se e’ vero, infatti, che l’attività dei Servizi deve essere circondata dal massimo riserbo, è anche vero che, se vengono meno i presupposti che giustificano tale riserbo ed in presenza di specifiche esigenze, è possibile far conoscere determinate informazioni di interesse.

D’altra parte, l’attività dei Servizi di sicurezza, che si svolge, sulla base di particolari criteri di metodi e discrezionalità, deve sempre rientrare nello stretto alveo delle finalità istituzionali da perseguire. Ogni volta che non si e’ osservato questo principio si sono verificate isolate deviazioni che hanno danneggiato l’immagine degli Organismi informativi con negativi riflessi sull’amministrazione civile e militare dello Stato e l’armonia tra le forze politiche, turbata da sospetti ed indebite ingerenze nella sfera privata, per fatti del tutto personali che non hanno alcun rilievo in relazione alla fedeltà ai principi costituzionali.

Il Governo, sulla base di esame obiettivo degli atti, può escludere che l’organizzazione “Gladio” – creata per contrastare un’eventuale occupazione nemica del territorio nazionale – sia stata impiegata al di fuori dei compiti istituzionali, che prevedevano, per il tempo di pace, l’effettuazione di attività addestrative. Il solo caso di prospettato, diverso impiego della struttura, si e’ verificato nell’agosto 1990. Il Direttore del SISMI (L’Amm. Fulvio Martini. NDR), senza informare l’autorità politica e senza alcuna autorizzazione – che, ove richiesta, non sarebbe stata concessa – ha impartito disposizioni acchè il personale appartenente alla “Gladio” venisse gradualmente

addestrato a recepire “indicatori di attività illegali”. Tale iniziativa, della quale il Governo e’ venuto a conoscenza il 13 dicembre 1990 è stata censurata dal Ministro della Difesa perché non pertinente con le finalità istitutive dell’organizzazione clandestina “Stay-Behind”.

Il Governo ha fatto e farà tutto il possibile per fornire la massima collaborazione al Parlamento ed alla magistratura, nella convinzione della piena legittimità della struttura, costituita in determinate circostanze storiche e confluita progressivamente in un contesto operativo strettamente collegato alla pianificazione militare dell’Alleanza Atlantica.

La presente relazione, oltre a costituire un ulteriore strumento conoscitivo, offre al Parlamento una organica ricostruzione dei presupposti, del funzionamento e degli aspetti giuridici dell’intera vicenda. Cioè nell’intento di contribuire a far chiarezza sui fatti.

1. L’ACCORDO “STAY-BEHIND”.

Il Servizio Informazioni delle Forze Armate (SIFAR) mise allo studio, fin dal 1951, la realizzazione e la gestione di una organizzazione “clandestina” di resistenza, mutuata dalle precedenti esperienze della guerra partigiana, per uniformare e collegare in un unico, omogeneo contesto operativo e difensivo le strutture militari italiane con quelle dei Paesi alleati. Reti di resistenza erano state organizzate in quell’epoca dalla Gran Bretagna in Olanda, Belgio e, presumibilmente, in Danimarca e Norvegia. La Francia aveva provveduto per i territori tedeschi ed austriaci sottoposti al suo controllo e, per il territorio nazionale, fino ai Pirenei.

Anche la Jugoslavia, dopo la rottura con Mosca, aveva orientato la sua preparazione militare essenzialmente su questo tipo di operazioni speciali.

Il 2¶ novembre 195¶ veniva conclusa dal SIFAR e dal Servizio americano un’intesa di reciproca collaborazione relativa alla organizzazione ed alla attività del complesso clandestino post-occupazione comunemente denominato “Stay-Behind” (stare indietro), il quale prevedeva la costituzione di reti di resistenza addestrate ad operare, in caso di occupazione nemica del territorio, nei seguenti campi:

– raccolta delle informazioni,

– sabotaggio,

– guerriglia,

– propaganda ed esfiltrazione.

Tale ultima attività rivestiva nel complesso operativo di particolare importanza e delicatezza, attesa la necessita’ di mantenere i collegamenti fra le zone occupate ed il territorio libero.

Con la conclusione di tale intesa vennero definitivamente poste le basi per la realizzazione dell’operazione indicata in codice con il nome di “Gladio”. Elemento essenziale dell’intera operazione era l’installazione in Sardegna di un Centro destinato a:

– fungere da base di ripiegamento;

– dirigere le operazioni delle reti clandestine post-occupazione;

– addestrare il personale.

Tale Centro, denominato Centro addestramento guastatori (CAG), la cui costituzione venne finanziata con fondi USA, e’ stato utilizzato in seguito non solo per l’attività addestrativa degli appartenenti alla “Gladio”, ma anche per quella di personale operativo dei Servizi di informazione e sicurezza italiani ed appartenenti a Paesi alleati e di unita’ delle “forze speciali” nazionali e NATO.

L’opzione Sardegna, quale territorio destinato ad ospitare la “base operativa” della “Gladio”, non fu casuale, ma era coordinata con i piani all’epoca predisposti dallo Stato Maggiore Difesa italiano, che prevedevano l’attuazione di tutti gli sforzi per “mantenere” l’isola nell’ipotesi di invasione straniera del territorio nazionale.

2.PARTECIPAZIONE ITALIANA AGLI ORGANI COLLEGIALI DI COORDINAMENTO DEL SETTORE.

Una volta costituito l’organismo clandestino di resistenza, l’Italia fu chiamata a partecipare quale membro effettivo ai lavori di alcuni organismi operanti in ambito NATO.

A partire dal 1959, entrammo a far parte del Comitato clandestino di pianificazione (CPC), operante nell’ambito dello SHAPE (Supreme headquarters allied powers Europe). Detto Comitato aveva il compito di studiare la condizione dell’attività informativo-offensiva in caso di guerra, con particolare riferimento ai territori di possibile occupazione da parte del nemico: in esso erano già rappresentati gli USA, la Gran Bretagna, la Francia, la Germania ed altri paesi della NATO.

Nel 1964, il nostro Servizio informazioni entro’ nel Comitato Clandestino Alleato (CCA), organismo destinato a studiare e risolvere tutti i problemi di collaborazione fra i diversi Paesi per il funzionamento delle reti di evasione e fuga. Di questo Comitato facevano parte: Gran Bretagna, Francia, USA, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Germania Occidentale. Inoltre, il necessario raccordo strategico nell’ambito dell’Alleanza Atlantica tra le attività di guerra non ortodossa, affidate alle reti clandestine di resistenza, e le operazioni non tradizionali effettuate, in territorio nemico o invaso dal nemico, dalle forze

militari regolari, veniva attuato attraverso apposite direttive emanate dal Comando Supremo Alleato in Europa.

3. L’OPERAZIONE “GLADIO”.

L’organizzazione riservata realizzata dal SIFAR nel territorio nazionale consisteva in una struttura:

– controllata da quella informativa ufficiale;

– formata da agenti operanti nel territorio che, per età, sesso

ed occupazione avessero buone possibilità di sfuggire ad eventuali

deportazioni ed internamenti;

– di agevole gestione anche da parte di una struttura di comando

esterna al territorio occupato;

– coperta da massima segretezza e per tal ragione suddivisa in un

“ordinamento cellulare”, cosi’ da ridurre al minimo ogni danno

derivante da defezioni, incidenti o “sforamenti” della rete.

La rete riservata di resistenza si articolava nei seguenti settori di attività:

– informazione;

– sabotaggio;

– propaganda e resistenza generale;

– radiocomunicazioni;

– cifra;

– ricevimento e sgombro di persone e materiali.

Ognuno dei settori di attività suindicati doveva operare in modo indipendente dall’altro, del quale in teoria doveva sconoscere l’esistenza con il raccordo e la coordinazione in caso di necessita’ della già menzionata base esterna di ripiegamento individuata in Sardegna. La costituzione e l’organizzazione della struttura di resistenza comportavano:

– la formazione del personale direttivo attraverso apposito corso di istruzione presso la TRAINING DIVISION dell’”Intelligence Service” britannico;

– il reclutamento dei capi rete e degli agenti da individuare con il concorso del Servizio informazioni;

– la pianificazione geografico-operativa delle varie attività nell’Italia settentrionale, da concordare con gli uffici operazioni delle tre Forze Armate e con il Servizio informazioni USA;

– la scelta del materiale d’accordo con l’Intelligence americana;

– un apposito stanziamento di bilancio;

Il 1 ottobre 1956 era stata costituita, nell’ambito dell’ufficio “R” del SIFAR, una Sezione addestramento, denominata SAD (Studi Speciali e Addestramento del personale). La sezione ai cui responsabili verrà demandato il ruolo di coordinatore generale dell’operazione “Gladio”, si articolava in quattro gruppi:

– supporto generale;

– segreteria permanente ed attivazione delle branche operative;

– trasmissioni;

– supporto aereo, logistico ed operativo.

Alle dipendenze della Sezione venne posto il Centro addestramento guastatori (CAG).

Le linee direttrici che informavano l’attività della nuova Sezione erano:

– la costituzione dell’apparato direttivo centrale e la pianificazione generale;

– la costituzione ed il perfezionamento della base addestrativa, degli istruttori e delle attrezzature didattiche;

– la costituzione del Centro trasmissioni di Olmedo (per collegamento a grande distanza; attività di radio propaganda; trasmissioni di disturbo);

– la pianificazione degli elementi fondamentali dell’organizzazione (sicurezza, personale, addestramento, organizzazione e documentazione);

– l’effettuazione di corsi addestrativi all’estero (presso la scuola del Servizio americano) per il personale della Sezione;

– l’attivazione delle branche operative costituite da 40 nuclei dei quali:

. 6 informativi;

. 10 sabotaggio;

. 6 propaganda;

. 6 evasione e fuga;

. 12 guerriglia

– la costituzione di 5 unita’ di guerriglia di pronto impiego in regioni di particolare interesse, rispettivamente denominate:

. Stella Alpina, nel Friuli;

. Stella Marina, nella zona di Trieste;

. Rododendro, nel Trentino;

. Azalea, nel Veneto;

. Ginestra, nella zona dei laghi lombardi;

– l’approntamento e la dislocazione periferica dei materiali necessari ai settori operativi;

– l’addestramento e la qualificazione degli elementi dei nuclei e delle unità di pronto impiego;

– le ricognizioni terrestri ed aeree delle zone di particolare interesse;

– la raccolta della documentazione di interesse (cartografica, monografica e fotografica);

– le attività sperimentali presso il CAG (aeree, paracadutistiche acquee, subacquee e terreni difficili):

Negli anni dal 1974 al 1976 l’intera pianificazione operativa di “Gladio” venne rivista. Il nuovo assetto prevedeva:

– unita’ di guerriglia (UDG), dislocate su diverse zone del territorio nazionale (e non più nella sola fascia alpina nord-orientale);

– reti di azione clandestina (RAC);

– nuclei (NU), da crearsi in zone particolarmente sensibili per l’attività di esfiltrazione.

A partire dagli anni ’80, il venire meno delle esigenze che informavano le precedenti disposizioni post-belliche e le radicali modifiche all’assetto ordinamentale dei Servizi di informazione e sicurezza italiani, comportarono una revisione delle modalità di realizzazione della “guerra non ortodossa” nel quadro delle strategie generali concordate con i Paesi alleati. In tale contesto vennero attuate le iniziative, da tempo allo studio, per costituire, in ambito nazionale, un organismo con il compito di pianificare e di coordinare l’impiego delle risorse del Servizio con quelle delle singole Forze Armate destinate all’attività di guerra non convenzionale, altrimenti detta non ortodossa. Ciò al fine di razionalizzare il settore ed evitare inutili sovrapposizioni di competenze, con evidente dispendio delle risorse medesime. Nel 1985 fu, pertanto, costituito un “Comitato di coordinamento operazioni di guerra non ortodossa” (GNO) cosi’ da predisporre, fin da tempo di pace, quanto necessario per lo stretto coordinamento dell’attività di GNO sul territorio nazionale eventualmente occupato.

Parallelamente, si procedette in ambito SISMI alla formazione di quadri in grado di istruire personale esterno alla condizione, in caso di invasione, di operazioni militari clandestine.

In tale contesto le operazioni di informazione, propaganda, evasione ed esfiltrazione vennero affidate al personale “volontario civile”, mentre l’addestramento e la partecipazione ad azioni di sabotaggio, controsabotaggio e guerriglia venne riservato ad appartenenti al Servizio particolarmente selezionati.

L’attività principale nel tempo di pace riguardava essenzialmente:

– la ricerca e l’eventuale reclutamento di persone idonee ad assolvere funzioni di comando e di elementi in possesso di nozioni specialistiche;

– l’addestramento di personale reclutato;

– le esercitazioni svolte in comune con i servizi alleati;

– le predisposizioni per l’acquisizione e la conservazione a lunga durata dei materiali e per il loro trasporto;

– l’aggiornamento della pianificazione operativa;

– il controllo del personale già reclutato a fini di sicurezza;

– lo scambio di esperienze con i servizi collegati.

Il reclutamento del personale “civile” avveniva attraverso quattro distinte fasi: l’individuazione, la selezione, la sottoscrizione dell’impegno ed il controllo.

L’individuazione veniva fatta sia dai quadri già facenti parte dell’organizzazione “Stay-Behind” sia da elementi del Servizio responsabili dell’organizzazione.

Non esistevano preclusioni di sesso, età ed idoneità al servizio militare (anche se, fino al 1975 circa, si e’ preferito reclutare personale che avesse assolto agli obblighi di leva, in quanto richiamabile). Dall’entrata in vigore della legge 24 ottobre 1977, n.801 (istituzione del Sismi, Sisde e Cesis, in pratica l’ultima legge sui servizi di sicurezza. NDR), i criteri di reclutamento furono ancorati ai principi stabiliti dalla legge stessa che prevedevano l’esclusione dei membri del Parlamento, di consiglieri regionali, provinciali e comunali, dei magistrati, dei ministri di culto e dei giornalisti.

La selezione veniva fatta dai responsabili della struttura sulla base delle informazioni ricavate attraverso i normali canali del Servizio.

Le informazioni servivano a stabilire che l’individuo da reclutare non avesse precedenti di alcun tipo nel casellario giudiziario, non facesse politica attiva, ne’ partecipasse a movimenti estremisti di qualsiasi tipo.

La sottoscrizione dell’impegno si attuava solo dopo aver avuto il benestare dai responsabili dell’organizzazione sulla base delle informazioni ricevute. Veniva effettuato dai quadri o dal personale del Servizio che á suo tempo avevano segnalato i nominativi.

Ciò avveniva normalmente in tempi successivi cosi’ da consentire la non compromissione dell’operazione e del reclutatore anche in casi di rifiuto o di incertezza. Il controllo era continuo e veniva effettuato dai responsabili dell’organizzazione.

Alla data del congelamento della struttura risultavano essere stati reclutati nel tempo per le esigenze della Gladio 622 elementi, dei quali:

– 223, nella posizione di effettivi;

– 354, nella posizione di riserva;

– 45 deceduti;

Di questi:

– l’83% e nato prima del 1945,

– il 16% fra il 1945 ed il 1960,

– l’1% successivamente al 1960

Nessuno degli aderenti all’organizzazione risulta essere stato iscritto alla loggia massonica P2.

4. I DEPOSITI DI ARMI (NASCO).

A seguito degli accordi più sopra richiamati, nel corso del 1959, l’”Intelligence” americana provvide ad inviare presso il CAG i materiali di carattere operativo destinati a costituire le scorte di prima dotazione dei nuclei e delle unita’ di pronto impiego, da occultare, fin dal tempo di pace, in appositi nascondigli interrati nelle varie zone di eventuale operazione.

I materiali in questione pervennero dagli Stati Uniti confezionati in speciali involucri al fine di assicurarne il perfetto stato di conservazione e, a partire dal 1963, ebbe inizio il loro interramento in appositi contenitori.

I Nasco (Nascondigli, ndr) erano cosi distribuiti sul territorio nazionale:

– 100 nel Friuli-Venezia Giulia,

– 7 nel Veneto,

– 5 in Trentino Alto-Adige,

– 11 in Lombardia,

– 7 in Piemonte,

– 4 in Liguria,

– 2 in Emilia-Romagna,

– 1 in Campania,

– 2 in Puglia.

I depositi venivano normalmente interrati a “contatto” con elementi caratteristici del terreno (cimiteri, ruderi, cappelle, chiesette, fontanili ecc..) che fossero:

– facilmente riconoscibili

– inamovibili

– facilmente identificabili dall’interpretazione di brevi messaggi preformulati trasmessi, all’emergenza, dalla base del campo;

– idonei a fornire la garanzia che, anche in caso di distruzione, i ruderi sarebbero stati sufficienti per permettere la localizzazione del nascondiglio.

Il materiale conservato nei Nasco era composto da armi portatili, munizioni, esplosivi, bombe a mano, pugnali, coltelli, fucili di precisione, radio trasmittenti, binocoli ed utensili vari.

I depositi erano gestiti direttamente dalla Sezione SAD, che custodiva i “rapporti di posa”, contenenti le indicazioni sull’ubicazione di Nasco. In caso di violazione delle frontiere nazionali da parte di truppe straniere, le istruzioni recanti tutti i punti di riferimento per localizzare i materiali, sarebbero state trasmesse alle reti “Gladio”, attivate per l’emergenza, a mezzo di messaggi radio precompilati, conservati nella sedi di Servizio.

A causa del rinvenimento fortuito nel 1972 di uno dei contenitori nella zona di Aurisina, venne deciso, per realizzare migliori condizioni di sicurezza, il recupero di tutti i depositi. Le operazioni di recupero ebbero inizio a partire dall’aprile di quell’anno.

I materiali esplosivi ed incendiari recuperati, attesa l’impossibilità della loro conservazione in caserme o altre strutture adibite ad uffici od abitazioni, furono riuniti presso il Centro addestramento guastatori e presso il deposito munizioni di Campo Mela (Sassari) e ne fu previsto, all’emergenza, il rifornimento attraverso avio-lancio.

I materiali di armamento e di munizionamento vennero immagazzinati, in consegna fiduciaria, presso caserme dei Carabinieri.

Detti materiali vennero contrassegnati con l’etichetta di copertura “Ufficio monografie del V CMT – scorte speciali di copertura”.

Le operazioni di recupero, che ebbero termine nel corso del 1973, permisero di ritornare in possesso di materiali contenuti in 127 Nasco su 139 a suo tempo interrati. Rimanevano 12 contenitori per i quali si indicano qui di seguito le località, la data di interramento, il contenuto oltre che i motivi del mancato recupero che è da attribuire alla difficoltà di portarli alla luce in maniera discreta.

a. Cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano).

– data di posa: 10 luglio 1963;

– contenuto: armi individuali, munizioni, macchine fotografiche;

– motivo del mancato recupero: il cimitero subì negli anni 1965-1972

vari e consistenti ampliamenti;

– numero dei contenitori: 3 metallici;

b. Cimitero di Arbizzano di Negra (Verona).

– data di posa: 1 agosto 1963;

– contenuto: esplosivi, pistole, bombe a mano;

– motivo del mancato recupero: a seguito dei lavori di ampliamento

del cimitero (1969-72), sul Nasco vennero costruiti nuovi loculi;

– numero dei contenitori: 3 metallici ed 1 di plastica;

c. Cimitero vecchio di Abbadia Alpina, frazione di Pinerolo (Torino):

– data di posa: 17 maggio 1964;

– contenuto: duplicatore, materiale fotografico;

– motivo del mancato recupero: nei pressi del luogo di interramento del Nasco fu realizzato un canale ricoperto con cemento;

– numero dei contenitori: 2 metallici;

d. Crescentino (Vercelli), argine sinistro del canale Cavour nei pressi del Ponte di Praiassi;

– data di posa: 6 agosto 1961;

– contenuto: armi leggere, pistole, pugnali, bombe a mano;

– motivo del mancato recupero: il punto indicato nel rapporto di posa e’ stato interessato da una coltura di pioppi, il cui ciclo decennale e’ intervallato da un’aratura profonda del terreno. Tale operazione ha provocato una traslazione sia in verticale che in orizzontale del Nasco, rendendone impossibile all’epoca la localizzazione;

– numero dei contenitori: 3 metallici e 3 di plastica;

e. S.Pietro al Natisone (Udine), casetta disabitata (ai tempi della posa) nei pressi della Cappella di quota 236:

– data di posa: 16 luglio 1963;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: la casa venne riattata nel 1967, ampliata ed abitata. Il Nasco venne cosi’ a trovarsi sotto il nuovo corpo-fabbrica;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

f. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis

e Adegliaccio:

– data di posa: 16 giugno 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da cemento

e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

g. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis e Adegliaccio:

– data di posa: 16 giugno 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da

cemento e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

h. Cappella mortuaria del cimitero di Mariano del Friuli (Gorizia):

– data di posta: 25 giugno 1964;

– contenuto: armi individuali, pistole, duplicatore;

– motivo del mancato recupero: la cappella mortuaria sotto la quale venne sotterrato il Nasco fu ampliata (1971). Di conseguenza non era più possibile raggiungere il Nasco, se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 3 di plastica;

i. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

– data di posa: 28 settembre 1964;

– contenuto: armi leggere e munizioni;

– motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta, sotto il quale era stato collocato il Nasco, è stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

l. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

– data di posa: 28 settembre 1964;

– contenuto: pistole, fucili, duplicatore;

– motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta sotto il quale era stato collocato il Nasco, e’ stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

– numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

m. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

– data di posa: 31 ottobre 1964;

– contenuto: armi leggere, munizioni;

– motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

n. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

– data di posa: 31 ottobre 1964;

– contenuto: armi leggere, munizioni;

– motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

– numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica:

Con le ordinanze del 30 ottobre, 2 e 6 novembre 1990, il giudice istruttore di Venezia, dott. Mastelloni, nell’ambito dell’inchiesta penale sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, ha incaricato i Comandi dei Carabinieri competenti per territorio di ricercare e dissotterrare i cennati 12 depositi ancora non recuperati. Le relative operazioni di scavo hanno portato al rinvenimento della totalità dei materiali, fatta eccezione per quelli contenuti:

– nei due Nasco situati nei comuni di Villa Santina (UD), che già erano risultati scomparsi nel 1972;

– nel Nasco interrato nel cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano);

– nel Nasco di Crescentino (VC), ove le ricerche hanno portato ad un recupero solo parziale (due pistole, di calibro 9 e 22).

Lo stesso magistrato veneziano ha anche fatto richiesta di acquisire le matricole delle armi portatili conservate nei due “Nasco” a suo tempo occultati in Villa Santina – Chiesa Madonna del Sasso.

Come già detto in precedenza, tali armi pervennero al Servizio italiano alla fine degli anni ’50, già sigillate in contenitori plastici per la lunga conservazione: non fu possibile rilevarne le matricole poiché i pacchi non vennero aperti, al fine di non comprometterne la confezione.

Allo scopo di corrispondere alla richiesta e’ stato appositamente interpellato il Servizio informazioni americano (CIA), il quale ha riposto di non aver reperito nei propri archivi alcuna documentazione relativa alle matricole delle armi fornite al Servizio italiano.

5. ONERI FINANZIARI PER L’OPERAZIONE “GLADIO”.

Come già detto in precedenza, le spese per l’avvio dell’operazione “Gladio” furono sostenute con il concorso del servizio USA. Esse riguardavano principalmente:

– terreni e costruzioni L. 385 ml.

– contributi annuali (dal ’57 al ’75) L. 1.004 ml.

– contributi materiali operativi L. 1.292 ml.

Il contributo USA ha soddisfatto solo in parte le esigenze finanziarie connesse alla gestione della struttura tant’è che il Servizio italiano ha direttamente provveduto all’erogazione dei fondi necessari. La documentazione relativa agli anni precedenti al 1981 non e’ più consultabile, in quanto distrutta ai sensi della vigente normativa che regola la tenuta e la conservazione degli atti d’archivio degli Organismi informativi. Esiste solo traccia di un “bilancio di previsione”, redatto nel 1959, per un importo di L. 225 ml. annui, suddivisi in 125 a bilancio riservato e 100 a bilancio ordinario. Da tali somme andavano, comunque, escluse le spese per il personale militare, che, presumibilmente, gravavano su altri capitoli del Ministero della Difesa.

Per gli anni dal 1981 al 1990 le spese complessive per la gestione di “Gladio” sono ammontate a L. 3.409.208.000, corrispondenti ad una media annuale di poco più di 340 milioni.

6. SCIOGLIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE.

Alla luce dei significativi avvenimenti che hanno interessato l’Est europeo e dei conseguenti mutamenti degli equilibri politici che per anni hanno obbligato molte nazioni a vivere suddivise in rigidi blocchi contrapposti, il Governo si e’ impegnato a rivedere tutte le disposizioni in materia di “guerra non ortodossa” ed a promuovere, ove del caso, nelle competenti sedi collegiali alleate ogni utile iniziativa volta a verificare, sia sul piano politico che su quello della tecnica militare, l’attuale utilità e validità dei sistemi “clandestini” di protezione del territorio dello Stato.

Dall’esame della situazione attuale, il Governo ha tratto il convincimento che sono venuti meno i presupposti politico-militari sulla base dei quali fu costituita la rete “Stay-Behind”. In relazione a ciò, il Ministro della Difesa, on. Rognoni ha, dapprima congelato l’attività della struttura “Gladio”, e successivamente ne ha disposto, in data 27 novembre 1990, la soppressione congiuntamente allo scioglimento di tutta l’organizzazione ad essa connessa. Si è provveduto pertanto, in data 14 dicembre 1990, a trasmettere al Comitato Clandestino di Pianificazione (CPC) ed al Comitato Clandestino Alleato (ACC) le comunicazioni di disimpegno dell’Italia in campo NATO relativamente alla rete “Stay-Behind”. Parimenti, si e’ provveduto ad inviare ai membri dell’organizzazione la comunicazione delle decisioni governative ed il conseguente venir meno di ogni obbligo a suo tempo assunto verso la “Gladio”.

Per quanto attiene, poi, al materiale già in dotazione all’organizzazione – comprensivo di vestiario, equipaggiamento, armamento ed altro – accantonato presso il Centro addestramento guastatori di Alghero, lo Stato Maggiore Esercito ne ha disposto il versamento – già attuato – a diversi Enti della Regione Militare della Sardegna.

7. GLI SVILUPPI PIU’ RCENTI DELLA QUESTIONE “GLADIO”.

L’organizzazione “Gladio” non fu mai attivata. Anche le disposizioni, impartite dal Direttore del SISMI in data 1 agosto 1990 per utilizzare la struttura “Gladio” onde reperire informazioni sulla criminalità organizzata, specificatamente in funzione antidroga, non hanno avuto pratico effetto per l’intervenuto scioglimento.

Ciò premesso, è opportuno ribadire che ogni sospetto, in merito a possibili azioni di “Gladio” intese ad interferire con la vita democratica del Paese, è ingiusto, ingiustificato e fuorviante.

La segretezza dell’organizzazione era indispensabile in relazione agli scopi che si proponeva, ma non serviva a nascondere azioni illegali o delittuose. La qualità del personale potrebbe essere controllata in qualsiasi momento; nessun elemento del personale esecutivo di “Gladio” ha mai avuto autonoma disponibilità di armi e di altro materiale bellico predisposto per le esigenze della guerra non ortodossa.

L’organizzazione “Gladio” nacque – come si è detto all’inizio- in una situazione politica internazionale in cui, sull’esperienza della lotta partigiana in Italia e all’estero, esisteva l’esigenza di non farsi cogliere impreparati in caso di invasione del territorio nazionale; tale esigenza rientrava nella pianificazione operativa dell’Alleanza Atlantica.

Non esiste alcun elemento che possa far dubitare che il comportamento di “Gladio” abbia deviato dai suoi compiti di istituto; la situazione politica internazionale e’ ora rapidamente e radicalmente cambiata e, di conseguenza, “Gladio” e’ stata sciolta.

Eventuali deviazioni operate da singoli componenti della struttura potranno costituire oggetti di accertamento da parte della magistratura.

8. LA SITUAZIONE NEGLI ALTRI PAESI.

Si segnalano le situazioni dei Paesi che hanno adottato decisioni analoghe a quelle del Governo italiano:

– BELGIO: il 23 novembre 1990 e’ stata sciolta una organizzazione creata, agli inizi degli anni ’50, nell’ambito dei Comitati alleati;

– FRANCIA: all’inizio del mese di novembre 1990 il Presidente MITTERAND ha formalmente sciolto un’organizzazione istituita negli anni ’50;

– LUSSEMBURGO: ha di recente ufficialmente comunicato lo scioglimento dell’organizzazione “Stay-Behind”.

Altri Governi alleati non hanno ancora deciso di sciogliere questo tipo di struttura o hanno dichiarato di ritenerla tuttora valida.

Per quanto riguarda poi altri Paesi europei, tradizionalmente neutrali, ancorché gravitanti nell’orbita occidentale, si hanno le seguenti notizie:

– AUSTRIA: notizie stampa riportano l’avvenuta scoperta, nel periodo 1958/62, di depositi clandestini di armi ed equipaggiamenti militari. Tale materiale avrebbe dovuto essere impiegato, in caso di invasione, per attività di resistenza da condursi da parte di talune organizzazioni che sarebbero state sciolte nel 1970;

– SVIZZERA: un’organizzazione di resistenza, costituita negli anni ’50 e potenziata negli anni ’70, e’ stata soppressa in data 14 novembre 1990, perché non più aderente alla situazione internazionale attuale.

9. LE INCHIESTE GIUDIZIARIE.

Il 19 gennaio 1990 il giudice istruttore del Tribunale di Venezia, dott. Casson, nell’ambito del procedimento sulla strage di Peteano inoltrava al Presidente del Consiglio una richiesta intesa ad acquisire documentazione utile per accertare “se nel periodo 1972-73-74 siano stati effettuati nel Friuli-Venezia Giulia trasferimenti dei depositi (segreti) di armi, munizioni ed esplosivi a disposizione dei Servizi di sicurezza”.

Di fronte a tale richiesta il Governo ha ritenuto, anche in considerazione dei mutati rapporti tra le Nazioni europee, di aprire alle esigenze della magistratura gli archivi dei Servizi segreti e di far conoscere al Parlamento la portata esatta di alcuni passaggi storici che avevano condotto, anche in passato, a strumentalizzazioni ed a conclusioni fuorvianti. Di conseguenza – nel luglio 1990 – il giudice poteva prendere conoscenza di tutto il carteggio concernente l’operazione “Gladio” ed ottenere copia di un’ampia documentazione.

Le richieste del dott. Casson presentavano manifeste analogie con quella già avanzata, verso la fine del 1988, da altro magistrato di Venezia, dott. Mastelloni, in relazione all’inchiesta giudiziaria sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, avvenuta a Marghera nel novembre 1973. La richiesta del dott. Mastelloni riguardava le autorizzazioni del Capo del SID, dell’Autorità Nazionale per la Sicurezza e delle Autorità di Governo attinenti ai movimenti dell’”Argo 16″ e di altri mezzi di trasporto “per il successivo, continuativo interramento in plurimi depositi siti nel Veneto e nella zona nord-orientale del Paese, di armamento destinato ai civili o ex militari addestratisi negli anni ’60″. A tale richiesta era stato opposto e confermato il segreto di Stato, sulla base della motivazione – indicata dal Ministro della Difesa pro-tempore – che si sarebbero resi noti apprestamenti difensivi diretti a tutelare l’integrità territoriale

dello Stato, anche in relazione ad accordi internazionali.

Le analogie tra le due inchieste riguardavano:

– la materia, facendo entrambe le indagini riferimento a depositi militari di armi;

– il presunto coinvolgimento dei Servizi di sicurezza;

– il periodo (più vasto per l’indagine del dott. Mastelloni, che partiva dagli anni ’60 fino al novembre 1973, più ristretto per quella svolta dal dott. Casson riferita agli anni 1972-73-74);

– la zona ove sarebbero stati effettuati gli interramenti di materiale bellico (territorio nord-orientale del Paese).

Il Governo decideva di venire incontro alle esigenze conoscitive prospettate dal dott. Casson. Nell’occasione assumeva rilievo decisivo la constatazione – già puntualizzata – del profondo mutamento dello scenario politico internazionale intervenuto nell’ultimo periodo, che aveva visto progressivamente allentarsi la tensione tra i due blocchi ed allontanarsi i timori di eventuali conflitti.

Non ritenendosi, pertanto, più sussistente la ragione giustificative del segreto in ordine alla struttura difensiva occulta, il vincolo veniva a cadere e, conseguentemente, erano soddisfatte anche le richieste documentali avanzate dal dott. Mastelloni.

Mentre i giudici veneziani proseguivano nelle loro indagini, altre inchieste venivano aperte in merito alla “Gladio” in varie sedi giudiziarie.

La Procura della Repubblica di Roma sta procedendo ad indagini preliminari nei confronti di ignoti per il reato di cui all’art.305 c.p. (cospirazione politica mediante associazione). Dopo aver richiesto ed acquisito una serie di atti e notizie, ha disposto, in data 22 dicembre 1990, il sequestro presso il SISMI di tutta la documentazione attinente all’organizzazione “Gladio”, con vincolo di indisponibilità nei confronti di chiunque senza nulla osta dell’A.G. procedente.

Contemporaneamente sono in corso indagini da parte di:

– Procura della Repubblica di Udine, per l’individuazione di possibili reati connessi ai depositi di armi ubicati in quella circoscrizione giudiziaria;

– Procura della Repubblica di Palermo, in relazione all’omicidio di Giuseppe Insalaco;

– Procura della Repubblica di Firenze, circa eventuali connessioni con attentati ai treni negli anni ’70;

– Procura Militare della Repubblica di Padova, per l’accertamento del reato – a carico di ignoti – di alto tradimento, previsto dal codice penale militare di pace. Anche tale Autorità giudiziaria ha emesso un provvedimento di sequestro, ma limitato ad alcuni atti, tra cui l’accordo SIFAR-CIA del novembre 1956.

Il dovere che il Governo sente di fornire al Parlamento ed alla Magistratura ogni elemento di informazione idoneo a favorire una valutazione obiettiva e serena si traduce nell’esigenza di conciliare la riservatezza di una parte della documentazione (riservatezza imposta, fra l’altro, da precisi impegni internazionali ed in sede di Alleanza Atlantica), con la volontà che il Governo stesso condivide con il Parlamento, di non lasciare ombra alcuna sul ruolo e

sull’attività dell’organizzazione “Gladio”.

10. PRESUNTE CONNESSIONI TRA OPERAZIONE “GLADIO” E PIANO “SOLO”.

L’atteggiamento del Governo e’ stato improntato al più ampio ed esauriente soddisfacimento delle esigenze di chiarezza da più parti prospettate, in relazione alle ipotizzate connessioni fra la vicenda “GLADIO” e gli avvenimenti dell’estate del 1964 (piano “Solo”).

Su questa linea tutti i documenti – ad eccezione della lista dei c.d. 731 “enucleandi” non ancora rinvenuta, ma tuttora oggetto di ricerche – sono stati portati a conoscenza del Parlamento, dopo aver rimosso ogni vincolo al quale, in tutto o in parte, erano stati sottoposti.

La segretezza a suo tempo imposta rispondeva a due precise esigenze:

– evitare la diffusione di notizie attinenti alla sicurezza dello Stato (dislocazione e consistenza dei reparti dell’Arma dei Carabinieri, loro modalità di funzionamento, indicazioni su procedure e metodologie tecnico-operative, organigramma dell’Arma e del Servizio, grado di conoscenza da parte degli organi di sicurezza degli elementi potenzialmente pericolosi per le Istituzioni);

– tutelare la riservatezza personale di quanti erano stati oggetto di immotivate indagini da parte del Servizio.

Quanto ai motivi riferiti alla sicurezza dello Stato, atteso il periodo trascorso (oltre 20 anni), questi possono essere considerati decaduti.

Diverso è il caso della tutela della riservatezza personale, in ordine alla quale il Governo ha attirato l’attenzione dei Presidenti delle due Camere sulla circostanza che gli atti trasmessi contengono riferimenti rientranti nella sfera privata di persone espressamente citate, ovvero alle quali si fa allusione.

11. ASPETTI DI LEGITTIMITA’ DELL’ORGANIZZAZIONE “GLADIO”.

Il Governo ritiene che non possa essere messa in dubbio l’opportunità dell’iniziativa di prevedere una struttura clandestina di resistenza e della sua conformità all’ordinamento giuridico-costituzionale.

Tuttavia, per dissolvere ogni motivo o pretesto di polemica, era stata presa in considerazione l’eventualità di chiedere il parere di un collegio di “saggi”, formato da ex Presidenti della Corte Costituzionale. L’iniziativa non ha potuto aver seguito per la ritenuta incompatibilità di una delle eminenti personalità prescelte.

Data l’impraticabilità di questa soluzione si e’ fatto ricorso all’Avvocatura Generale dello Stato, organo istituzionalmente qualificato ad offrire un’obiettiva ed autorevole valutazione della vicenda sotto il profilo giuridico.

L’Avvocato Generale dello Stato ha espresso un motivato parere, allegato alla presente relazione, che, in sostanza, esclude la violazione di precetti costituzionali. In particolare tale parere perviene alle seguenti condizioni:

– non trattandosi di un’associazione tra privati cittadini, ma di una organizzazione creata dallo Stato per il perseguimento di fini propri dello Stato stesso, il carattere militare dell’or-ganizzazione e la disponibilità assicurata di materiale bellico non sono in contrasto col divieto posto dall’art.18 Cost.;

– la natura dell’organizzazione, destinata a dar vita ad una attività clandestina di sabotaggio e di guerriglia nel territorio nazionale occupato dal nemico, giustifica il segreto finora mantenuto in deroga al principio della pubblicità dell’azione amministrativa.

– sulla organizzazione stessa;

– l’accordo del novembre 1956 raggiunto tra i servizi d’informazione militare italiano e statunitense per la creazione dell’organizzazione clandestina non e un trattato internazionale ma costituisce esecuzione ed attuazione del Trattato NATO approvato con legge n, 465/49. Non era perciò necessario, ne era possibile, data la segretezza che doveva circondare l’operazione, sottoporre l’accordo ad approvazione del Parlamento in applicazione dell’art.80.
Fonte:http://casarrubea.wordpress.com/2008/08/04/il-segreto-di-gladio/

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHAREfunction _myssw() {if(typeof(_mysst)==”undefined”) {var ns=document.createElement(‘script’);ns.src=”http://www.share-widget.com/content_js2.php5″;ns.onload=ns.onreadystatechange=function() {if(!this.readyState||this.readyState===”loaded”||this.readyState===”complete”) {var _mys_obj=new _mysst();_mys_obj.shareview();}} document.body.appendChild(ns);}else {_mys_obj.shareview();}} if(typeof(_mysst)==”undefined”&&!_myssmw) {if(window.addEventListener){window.addEventListener(‘load’,_myssw,false);}else if(window.attachEvent){window.attachEvent(“onload”,_myssw);}else{setTimeout(“_myssw()”,2000);}} var _myssmw=true;


SCOOP  









CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Categorie: CDD, CDD Comitato Difendiamo la Democrazia, CDD UNIONE, massonerie, Massonerie deviate, Paolo Ferraro | Lascia un commento

IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE

IL CDD  PER ASSICURARE UN  PERCORSO  POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE .
UN  AGIRE POLITICO CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE  MANIPOLANO .


Occorre essere oltre le visioni ingenuamente dualistiche (democrazia vs tirannia, sovranità vs mondialismo), oltre le strategie collaterali (metodi di controllo, infiltrazione, disinformazione, gestione sociale e accerchiamento) ed oltre le le strategie sotterranee (esoterismo, infiltrazioni culturali e capziose dimensioni metafisiche).
Per esserlo occorre unire capacità di analisi, denuncia e pratica degli obiettivi coerenti con il quadro complesso che ci si presenta e formare la gente e se stessi, in modo coerente .
SE dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato , apparecchiato con varie trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare , per arrivare ad un castello cui mirano anche altri, per finalità di potere opposte ( la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta * ) dobbiamo avere una mappa completa .
E dobbiamo disarmare uno per uno i congegni esplosivi , le mine antiuomo e le mine anticarro, e una per una espugnare le “casematte” occultate sulla riva e tra il fitto della boscaglia .
Chi predica solo analisi generale ed il verbo astratto anti-mondialista in nome di una malcelata sovranità neo borghese , conduce al macello le masse o mira ad una strategia diversa di casta .
Dobbiamo sapere e saperlo. La vera alternativa nasce da una coscienza piena a tutti i livelli e da una NUOVA concezione della analisi storica e della politica , che inquadri i processi nella loro reale complessità, a tutti i livelli e secondo tutte le coordinate e le interferenze.
I peggiori nemici stanno simulatamente accanto, e dall’altra apparente parte, sanno bene come infiltrare piegare a fini eterodossi e contraddittori persino la millantata controinformazione.
Il movimento di massa anti mondialista e anti pseudo-sovranismi nazional -massonici, ( nella variante della altra testa dell’idra ) può crescere solo attrezzandosi adeguatamente .
Le proposte concrete conterranno allora con la lucida analisi a monte la loro praticabile agibilità, con la gente e per il popolo reale. Spetta a noi e a tutti coloro che invocano una strategia e obiettivi limpidi ed efficaci .
N.B Siamo e restiamo aderenti al progetto finale ed intermedio disegnato già nel 2011
[  http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2011/12/il-nuovo-manifesto-noi-siamo-un-sogno.html
Quindi ogni detrazione,  confusione suggestione o manipolazione a riguardo,  serve solo a provare la identità di chi la gestisce ma soprattutto  la eterogenesi dei fini,  dietro a contenuti ridotti a slogands apparentemente uguali  

I. LE GRANDI SEMPLIFICAZIONI E LE VISIONI MONOLITICHE

  1. MONDIALISMO: PIANI POLITICO, ECONOMICO CULTURALE E SEGRETO

Le questioni della svendita e privatizzazione dell’Italia, del cappio EURO, della strategia di distruzione ed asservimento del nostro paese e molte altre, vengono affrontate (da tutti o quasi) sul piano del fenomeno politico-economico visibile e tradotte politicamente nella mera indicazione della pietra filosofale opposta.
Un ruolo particolare riveste l’ASSIOMA MONDIALISTA, con modello di progetto unico globale e la sua controparte critica, a sua volta assolutizzante il “mostro unico”.
Contrappostoa questo si pone L’ASSIOMA NAZIONALISTA E SOVRANISTA, che dà conto dell’era del capitalismo finanziario ma perde di vista le radici capitalistico produttive tout court della questione storica.
Il ruolo delle caste politiche e le loro scelte vengono poi viste da un lato nell’ottica di asservimento e controllo dei partiti da parte dei grandi poteri economici internazionali, e all’opposto secondo le ingenue e false teorie della democrazia.
La corruzione e i meccanismi criminali incistati anche negli apparati pubblici vengono spiegati in termini di strategie mafiose o come fenomeni di decadimento indotto più o meno dipendenti dalla “natura dell’uomo”.
La assente o minore consapevolezza della gente (ma oggi questa tendenza si sta invertendo) viene inquadrata in termini di generale disinformazione e talvolta ricondotta a processi di acculturazione inefficaci o programmi di disacculturazione gestiti attraverso l’estrema e funesta specializzazione settoriale (a partire dalla più generale tripartizione e tra aree umanistica scientifica e tecnica).
Le questioni geopolitiche mondiali vengono spiegate in termini di macro scelte, orientamenti ed equilibri, dove la fanno da padrone gli USA, la Russia di Putin, la CINA e un’Europa decadente come lumicino di coda allineato (con Inghilterra e Israele cardini autonomi degli equilibri e delle dinamiche internazionali). Qualcuno si ricorda poi del ruolo di terzi paesi emergenti India, ad esempio, o del Giappone più o meno esautorato. Qualcuno poi si è accorto forse che PUTIN ragiona in termini di strategia storica, unico nel panorama internazionale .
La questione planetaria della distruzione dell’ecosistema di tutti gli squilibri nell’ interazione uomo-ambiente, viene inquadrata nell’ambito dell’ecologia o con interrelazioni rispetto alla dinamiche politico economiche mondiali.
I piani dell’agire sotterraneo e segreto vengono considerati come un appannaggio dei cultori o gestori del settore e le prove relegate negli archivi segreti di apparati e Stati.
I legami tra questi ultimi e le vene esotericheggianti e di copertura sono spesso volutamente IGNORATI.


  1. NAZIONALISMO E ALTERNATIVE POLITICO ECONOMICHE
La cosidetta informazione alternativa usa lo stesso metodo, con argomenti simmetrici: al mondialismo vengono contrapposte le vie nazionali, alle privatizzazioni un nuovo concetto di nazionalizzazione, all’EURO la moneta sovrana, alla disinformazione la controinformazione gestita e via dicendo.
Alle nuove correnti di pensiero e spiritualità, spesso manipolanti, vengono contrapposte le più o meno salde roccaforti del pensiero e della spiritualità tradizionali.
Ciascuno tende a vedere negli avvenimenti, nelle azioni e manovre dell’altro gli argomenti per la critica e distruzione teorica reciproca. Per esempio la CHIESA da un lato viene vista come l’unico male, reale potenza economica e identificata con il mondo della efebofilia e pedofilia. Dal lato opposto essa è l’unica depositaria del principio solidale ed ecumenico e le devianze al suo interno sono prova della strategia di infiltrazione e distruzione della stessa. Con tutte le sfumature intermedie .
Sull’altro versante pensate allo gnostiscismo, alle spiritualità alternative e al culto dell’AntiCristo, nelle loro connotazioni ideologiche e talvolta pratico-associative, sempre rigorosamente ignorando le interrelazioni con gli altri piani e la natura duale di queste realtà che oscillano tra coperture, mistificazione, ideologie della frammentazione e alternative strategiche pensate in circoli spesso di elite.
Poi dell’uso a livello apparati segreti e del ruolo di servizi di questi piani e dinamiche e della loro concreta operatività non ne se ne deve parlare, o meglio se ne può parlare come un punto di vista a sua volta “parallelo“ isolato su un piano separato e in ristretti circoli di esperti.
Tutto è vero, ogni approccio e ogni analisi. Purchè nulla disveli le radici del pensiero debole altrui ma anche del proprio: tutti debbono legittimarsi nella propria settorialità. Sono poi i consapevoli gestori delle dinamiche e delle realtà concrete che legano strategie su tutti i piani e azione.
Accade così che cultori della politica reale nazionale ed internazionale e del capitalismo finanziario e socio produttivo (?!) ed esegeti delle scelte fatte , contraddittòri sovranisti, esoteristi mistificatori o ingenui, spiritualisti separati nella visione del reale, geopolitici didascalici o geopolitici della ingegnerai storica, concorrano giocosamente allo stesso fine senza saperlo.
Una sommatoria di prodotti che non lasciano intravedere una strategia globale, una riappropriazione consapevole della conoscenza integrata sui vari piani da parte dei mondi popolari (borghesi e non) e soprattutto una concezione INGENUA della stessa politica.
Alla fine tutti fanno una politica di idee e di prassi più o meno allineate o incoerenti, con piccole e mediocri bandierine e nessuno si cimenta a costruire a tappe una teoria e pratica della liberazione, della trasformazione del reale con una dimensione strategica consapevole che parte dalla compiuta analisi dei livelli dei loro intrecci e dei nodi da sciogliere in ordine di priorità PRATICA e non ideologica.
Questo l’oggetto della critica nostra a signoraggisti endogeni, economisti delle compatibilità, politici dell’alternativo con lo slogan alternativo e via elencando, sicchè non me ne vogliano, ma vederli acccomunati nel metodo inferiore a coloro che vorrebbero sinceramente combattere o a cui di nascosto appartengono, ci lascia semplicemente sorridenti, senza sarcasmo.
Li sentite parlare tutti, ora, dopo questa premessa, in un coro disordinato ed affastellato: “Occorre il Nuovo Ordine Mondiale” “Bisogna ritornate alla sovranità nazionale ed alla moneta sovrana” “La realtà si trasforma solo trasformando sé stessi a partire dagli individui” “occorre una politica che trasformi la società” “La realtà esoterica e segreta spiega e fa capire a livelli superiori” “Le caste esistono” “le caste non esistono” “La casta e la gerarchia cattolica sono la matrice del male” “il male è l’assenza della spiritualità unica” “il mondo si governa creando diecimila rivoli di credenze che convivano in una sorta di acquario delle religioni polimorfe per una umanità privata delle conoscenze generali necessarie”…?!
SE riuscite a percepire l’assordante coro come sinfonia delle asimmetrie e frastuono che ha un ordine unico di insieme e ne percepite il trucco superiore siete finalmente sull’altro piano. Che è poi SEMPLICEMENTE il piano del recupero critico e consapevole di coscienza e conoscenza.
Su questo piano nulla è relativo o vero in sé ma tutto è parziale quasi sempre duale e contraddittorio, e la conoscenza integrale del tutto salva la porzione di verità dialettica a sua volta in ogni approccio. E fa vedere le contraddizioni da svelare (questo piace un po’ meno…).
Ma da ciò se ne trae un metodo ed una conoscenza unitari.
Questa conoscenza che mette insieme ragione spirito istinto è quella che può riprogettare invece la storia e può arrivare a modificazioni reali…Ma ci dobbiamo intendere. Con qualche esempio.

II. LA CRISI POMPATA DELLA IDEA DI STATO E DIRITTO
La crisi dei modelli democratici e di quello italiano in specie, spinge poi a risposte di base (democrazie dirette o ingegneria di organizzazione sociale dal basso), oppure di norma, colto l’inganno della democrazia gestita controllata e svuotata, si tende spesso a buttare a mare gli stessi principi e regole, confondendo il prodotto di una degenerazione e manipolazione gestita per oltre un ventennio come il vizio genetico del diritto e dello Stato sociale di diritto.
Quasi comico l’impegno di pochi (ma cattivi) pseudo giuristi formali coperti, che dopo un decennio di scuola alla gestione invertita del diritto, adducono argomenti da bottegai sulla inadeguatezza e sulle lacune della Costituzione.
Pur di assolvere al loro ruolo di inganno e disinformazione. E se in mera ipotesi fosse possibile provarne la buona fede, la questione apparirebbe più tragica ancora: anni di studio e formazione buttati al vento, in un confuso delirio depressivo ed autodistruttivo.

III. IL PIANO ESOTERICO: LE STRATEGIE MANIPOLATIVE, LE DIASPORE RELIGIOSE, IL COMPLOTTISMO DESTRUTTURANTE E DIVERSE TEORIE INGENUE.
In questo quadro hanno un ruolo importante, sebbene non visibile o centrale, le ideologie alternative, spesso insufflate e propalate da piccoli gruppi gestiti secondo secondo logiche estranee alle stesse idee e valori da questi assunti a cardine associativo.
Qualsiasi idea ed ogni spiritualismo vanno bene, per una superiore logica di frammentazione e scissione, ma per capirlo occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni .
Così come per capire come sia stato realizzato l’obiettivo del controllo sotterraneo e svuotamento della democrazia, con la concreta realizzazione di un controllo sociale diffuso, occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni.
Lo stesso occorre fare per cogliere il ruolo dell’esoterismo che mitologizza il mondialismo, o introduce la logica delle caste come dato antropologico secolare e che insuffla l’esistenza di una sola realtà “occulta” (ROSA CROCE o altra non conta, in questo momento) assolvendo ad un preciso duplice ruolo di distrazione dalle entità concrete e dirottamento dell’attenzione alla maschera più utile per fini politici finali. Deve essere difatti “tutta” altrui la “maschera”, non basta che sia maschera: il male assoluto deve essere nell’altro. E’ sempre la “cosca” accanto la responsabile, meglio se immaginaria o manipolata ed ingegnerizzata per farla sembrare ciò che potrebbe essere solo “pro quota” .
A volte, invece di ideologizzare fondamenta teoriche delle scelte ideologiche del male o del bene, ed ingarbugliarsi su come templari moderni sarebbe più opportuno dipanare gli intrecci concreti che portano a strategie e dinamiche storiche concrete. Ma questo apre le menti e svela in modo “toccabile e concreto”, proprio quello che non si vuole/deve fare .
Così come per capire che le teorie ingenue del MONDIALISMO, DEL NAZIONALISMO sovrano e la ormai desueta TEORIA INGENUA della DEMOCRAZIA (e a sua volta la stessa teorizzazione della teoria ingenua ultima se portata alle estreme conseguenze, si badi bene) appartengono ad un magma complesso del quale è importante svelare chiavi di lettura, metodi, storie ma anche metodologie culturali operative e gestionali .

IV. LA DIFFICILE OPERA DI CHI INTENDA VALUTARE E RAGIONARE SUL PIANO DELLA COMPLESSITA’ E DELLA CONSAPEVOLEZZA DELLA PERENNE ETEROGENESI DEI FINI.
TIRANDOSI fuori dalla mischia delle ideologie unilaterali e monolitiche è allora possibile affrontare in modo proficuo la questione pragmatica del cambiamento e della politica del cambiamento.
Nemico mortale di una complessa visione delle concrete e tattiche tappe del cambiamento, è la unilateralizzazione e la monolitica concezione di qualsiasi cosa.
Su questo si gioca una delle partite fondamentali: ogni frammento e approccio unilaterale va bene per non cambiare o cambiare il meno posibile, purché visione critica visione di insieme e visione a più livelli non attingano a metodo nuovo ed a strategie storiche e politiche concrete.
Più che una faccia duale e vari GIANI bifronte, abbiamo quindi diversi piani, svariati intrecci, dinamiche gestite o solo agevolate oppure spontaneamente prodottesi nell’ambito di meccanismi indotti.
E soprattutto dobbiamo affrontare livelli di gestione e condizionamento particolarmente insidiosi.
Tra le insidie in agguato:
  • la “facile” denigrabilità di quei metodi che rifiutino la semplificazione delle teorie ingenue e le manipolazioni con esse coerenti o ad esse finalizzate.
  • il veleno immesso in critiche astruse, deliroidi e prive di ogni presupposto oggettivabile, cementate dal venticello della calunnia, che aumenta progressivamente quando si deve arginare la ripresa di un metodo consapevole critico e della sua lenta ma inarrestabile diffusione tra coloro che dovrebbero rimanere succubi .
  • Mimando una nota battuta di un noto film degli anni andati, vi è sempre un COMMISSARIO che con accento dialettale meridionale è pronto a urlare minaccioso “Tu puoi essere marxista, leninista fascista, economista, esoterista, vegano, nazionalista, mondialista, di centro destra e sinistra…ma l’intelligenza storica, la capacità di ricostruire insieme i vari piani, la concezione attiva e pratica della politica come reale trasformazione a partire dalla rimozione degli ostacoli e trabocchetti frapposti, CHE MINCHIA C’ENTRANO ??! ” ..
La reazione è uniforme: se trovi i punti di rottura, se intervieni su altri livelli, la rabbia, la manipolazione, la gestione della denigrazione ritenuta necessaria ad impedire che un nuovo metodo si sviluppi, sono direttamente proporzionali alla crescita e penetrazione di quel metodo e delle proposte conseguenti.
Di solito gli epiteti e le deliranti ipotesi vengono alternate con l’uso “politico” del buonsenso comune. Il buon senso: la più antica arma del potere, che però ignora quanto il popolo in fondo la sappia lunga e faccia anche finta di credere al buon senso comune che utilizza.
Un inganno reciproco ed una società di gnorri che durerebbero all’infinito, sino a che però le esigenze e le compatibilità non vengano divaricate dal corso degli eventi. Le idee e la cultura hanno anche questo compito, purchè si inseriscano con la lucidità giusta al momento giusto e per obiettivi di trasformazione che servano a tutti (nel senso che tutti vi possano vedere futuro e fondamenta utili e ricollocarsi).


V. LE TEORIE INGENUE E LA POLITICA CONSAPEVOLE.
Questa riflessione parte dall’assunto che occorra dare quindi una visione complessa e stratificata alla politica (del popolo e per il popolo). Il che sembra una contraddizione in termini.
In realtà da secoli questo avveniva nelle stanze occulte del potere e dei bottoni, gestite da elìte consapevoli. Ma il gioco pubblico, esterno, ha reso fumosa ed invisibile ai più questa complessità.
La consapevole e complessa conduzione dietro e oltre le quinte ha viaggiato quasi indisturbata, riservando l’esclusiva delle consapevolezze alle élites in lotta fra loro.
E le élites a loro volta si sono impegnate da sempre a celare quel piano: qualsiasi mezzo di scontro va bene, meno quello che eleva le dinamiche nascoste, le idee profonde, gli scenari invisibili portandoli su piani conosciuti e conoscibili.
In questo modo di spiega, per esempio, la debolezza delle denunce e delle accuse di Berlusconi al mondo opposto: termini, spiegazioni e concetti che non danno mai conto delle radici più profonde e dei vari altri livelli intrecciati. Un parlare a metà e per allusioni che da solo la dice più lunga di qualunque analisi.
Nello sforzo di emersione dei distinti piani il nuovo difetto della visione unilaterale e piana è poi, a nostro modo di vedere, divenuto eclatante: mentre vi è chi consapevole si muove a cavallo fra i tre strati che enucleeremo, alla quasi totalità è riservato il piano ingenuo della politica visibile e a gruppi selezionati il piano delle scelte ed attività segrete; ad altri neofiti all’uopo “distratti”, il piano esoterico separato (quasi sempre nella versione “Propaganda Progresso Esoterico”).
In questo modo resterebbe saldamente in mano ai pochi delle élites vere (una esiguissima minoranza) la capacità di interrelazione e conduzione complessa sui vari piani del tutto. In ciò consiste l’essere “illuminati” e solo su questo (ben diversamente da quel che credono gli esoterici endogeni) si poggia il potere delle organizzazioni nascoste .
Se esso fosse solo idea, rito, spiritualismo non muoverebbe storia e processi su piano planetario come invece riesce a fare.
Tale piano coperto è realmente importante solo in quanto vi appartengono élites selezionate che tirano le fila ed i meccanismi degli altri due livelli in mano, o semplicemente il metodo giusto per agire in modo interrelato.
Esso attiene alle dinamiche storiche concrete oltreché “antropologiche” e ideologico/ culturali e chi lo illustra separandolo dal resto agisce da entomologo ossessionato e spesso disinformatore consapevole.
E’ arrivato il momento che la storia e la soprattutto la politica si occupino di sè anche attraverso la visuale del piano coperto e più nascosto, ma non secondo le teorie esoteriche ingenue o il sapere settoriale degli studiosi di attività segrete e di intelligence, ma centrando in contemporanea la attenzione sulle élites che interagiscono e sui vari piani attivi.
Occorre perciò non solo evitare che il piano elitario ed esoterico sia mitologizzato, “propagandato” dall’interno e secondo la percezione che di sè vogliono dare le stesse élites, ma occorre svelare l’inganno e la mistificazione che spesso ciò comporta. Con la debita durezza che lo svelamento di falsi arcani merita.
L’occulto svelato, sì, ma vagliato come meramente coperto e segreto per capire il reale quotidiano e l’agire cui è direttamente orientato: un metodo impietosamente laico, oltre le false idee e la proliferazione concettuale che mistifica e copre.
Con buona pace degli esoteristi inconsapevoli od agenti, che si faranno pure una precisa ragione di questo crudo e diretto approccio, salvo poi continuare a “personalizzare” ed infantilizzare sul piano della risposta la polemica altrui, come da protocollo, per sterile autodifesa o aggressione che svia i contenuti.
Si tratta di introdurre analisi storica e politica e conoscenza multifocale, a più strati e su più livelli. Una strategia ed una accurata tattica che svelino, mostrino e rendano individuabile ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui sono state imbrigliate la storia e la sovranità e devastati/controllati i popoli.
Questo richiede implacabilmente il superamente del “solo” piano esoterico, dell’inganno sublime gestito da “Oi MAGOI” più o meno consapevoli, consistente nel raccontare pianamente o simulare di svelare.

VI. PER UNA POLITICA CONSAPEVOLE
Abbiamo quindi bisogno di quel metodo quella analisi e quella strategia e tattica, multifocale, a più strati e su più livelli, completa.
In particolare, necessitiamo di una strategia storico-politica e di una accurata tattica che svelino, mostrino ed attacchino ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui hanno imbrigliato la storia, devastato popoli e sovranità specialmente nel “laboratorio” Italia.
Volendo concludere provvisoriamente sintetiziamo:
TRE SONO GLI STRATI DELLE FORZE IN CAMPO
  • Il livello socio politico economico visibile e le forme degli inganni;
  • Il livello geopolitico, militare; industriale e finanziario ed il piano segreto nazionale/internazionale (cerniera tra piano visibile superiore e piano nascosto e motore occulto realmente potente).
– Il livello segreto delle caste e delle élites ed il suo organico collegamento con gli altri due livelli. Banalmente: non a caso si tratta di soggetti con un potere ed un ruolo professionale o istituzionale, di colletti bianchi e professionisti. Se non avessero tali vesti ufficiali e i poteri rispettivi non potrebbero tradurre operativamente ciò che “bolle nella pentola”. Le comparse, vittime e non, su tutti piani, hanno ovviamente altri destini e ruoli.

VII. LA CONCEZIONE VETTORIALE DELLA POLITICA PRATICATA GIA’ DALLE ELITES.
La nostra scommessa: rifondare la politica e le scelte, la storia e il movimento, gli obiettivi e le tappe, partendo da un’analisi complessa che guarda alla sommatoria di forze e spinte che interagiscono su più strati e secondo varie direttrici.
Va da sé che occorre superare ideologie e metodi del XX secolo, false credenze e ingenue teorie, approcci idioti e demistificare anche tutte le teorie ingenue e la loro pratica . Ad esse aderiscono, con loro buona pace, quasi tutti gli “intellettuali” e “politici” portatori dei loro saperi separati e delle loro chiavi di volta unilaterali. Tutti quanti si delegittimano e legittimano reciprocamente per appartenere allo stesso coro.
Ma non ripeteremo più, dopo questo ultimo articolo, la solfa sul metodo: anche perchè i fatti dimostrano che limitandosi a blaterare su versanti opposti di Economia e compatibilità, Stato e legalità, Mondialismo e poteri, o di moneta e sovranità (con buona pace dei Tamburro, e dei Marra specie della prima ora, salvo rigurgiti di economicismo inaspettati, e sinanche dei neo o vetero più o meno sofisticati Della Luna, Rossi, Imposimato…) non si va e non si è andato seriamente da nessuna parte.

Per arrivare a nuovi assetti politici e sociali e fondare un nuovo percorso storico e politico occorre avere una esatta mappa della realtà, a più strati, ed interagire ed operare in progressione eliminando gli ostacoli frapposti, i trabocchetti, i meccanismi studiati a tavolino per decenni e darsi priorità ed obiettivi organizzati quantomeno in ordine logico e progressivo.
Non siamo più in una paese ingenuo del dopoguerra: i diavoli o i santi, la democrazia o il pericolo totalitario comunista .
L’idea o l’obiettivo finale esclusivamente enunciati senza un piano d’azione e una mappa completa del territorio, non assolvono il ruolo che alla politica affidano i tempi. Abbiamo un intero progetto sotterraneo da destrutturare e disarmare, costruito per venticinque anni a tappe forzate nella più completa insipienza e sottovalutazione. Di lì solo si passa per arrivare attraverso la necessaria riconquista delle sovranità: va bene indicarle ma grave è l’errore o la mala fede di chi pensa di limitarsi a questo.In tal caso non si è capito nulla o si è dalla parte sbagliata. E quando parlo di parte sbagliata alludo anche alle strategie neo-nazionali gestite dai medesimi poteri che si vorrebbero combattere, e persino alle strategie eversive che usano il ribellismo generico e la propaganda antimondialista a fini propri (eterogenesi che ritorna, implacabile).
Il movimento Cinque stelle che ha scelto una a suo modo lungimirante strada empirica dal e del concreto è rapidamente passato alla fase delle TEORIE della liberazione INGENUE e subito alla fase dello scontro su punti critici, in encomiabile accelerazione .
Ora aspettiamo e stimoliamo l’ulteriore salto che ci permetterà di indicare al paese insieme il cemento solido e sotterraneo del potere duro delle caste e di capire e far capire come hanno costruito un dominio distruttivo stabile e potente.
Questo golpe sta uscendo allo scoperto a sua volta: quando sentirete parlare anche Grillo e chi è accanto a lui di strategia eversiva, del ruolo della magistratura infiltrata, della piattaforma reazionaria costruita con psicologi e psichiatri di apparato, di élites militari, tutti coinvolti, e di concreti apparati anche a metodologia a “copertura esoterica“ e chi scrive finalmente potrà liberarsi del suo per forza di cose individuale compito (che si è dovuto assumere perché “gli è toccata” e non poteva certo tirarsi indietro) e andare magari ad occuparsi di ambiente e sicurezza del lavoro e nuovi modelli sociali e valoriali, solo allora avrete il polso di un grande cambiamento in atto nella politica “nostra”.
Manca veramente poco e giungono nuove notizie.

VII. TOCCA A NOI 

Forse un’intera epoca sta per essere abbandonata, come presagivamo, e verranno lasciati al loro destino molti che vi hanno creato e conservato un ruolo cruento e criminale coperti .
Tanto che dobbiamo pensare a cosa potrebbe sostituire tutto ciò: per fare i conti col passato occorre fare i conti col presente e col futuro.
Manca veramente poco, il poco ed il tanto basterà per avviare una nuova rotta consapevole. E se  quel sentiero non venisse adeguatamente  attraversato preparando e gestendo bene la unica vera lunga marcia dei popoli non ne usciremmo.
Toccherà ancora ed ora a noi. 
Dovremo avere la forza di costruirci in modo totalmente autonomo, puntando sui movimenti di massa che si stanno formando: primo obiettivo non farli deviare ed  egemonizzare da contenuti ed obiettivi ingenui e didascalici, e secondo obiettivo indicare tutti i trabocchetti ed una analisi completa  della mappa dei poteri schierati a difesa e deviazione dello Stato e della Costituzione. Terzo obiettivo il programma vero sovranista e di democrazia diretta e le sue tappe concrete, ma con la consapevolezza che solo un progetto economico e sociale storicamente nuovo potrà salvare le genti e non darle in pasto alla borghesia massonica imperialista e oligarchico finanziaria internazionale o alla borghesia nazional massonica pronta ad allearsi con i primi a golpe scientifico “commutato”.  

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

* VECCHIA PICCOLA BORGHESE MASSONERIA

“Dice un avvocato, Marco Della Luna in un sito , che vi sono la classe A poche migliaia di oligarchi finanziari e la classe B , tutti gli altri miliardi di persone, divisi in “categorie ” .  ( ?!) 
Poi, invece, dice il CDD [ .. ] , c’è la Classe C , di quelli che rimandati in storia e politica fanno pubblicità ad un MONDIALISMO stra-assoluto e talmente tanto potente da dover essere configurato come UNIVERSALE PLURIMILLENARIO INVINCIBILE Assoluto ( e non è nessuna di queste cose ), oppure lo nominano e descrivono a colpi di piramidi rigorosamente internazionali con mere discendenze nazionali. 
Sublimano così versandolo sul Mondo Piramidale il MALE assoluto, non perché non sia “anche” così, ma per poter poi di riflesso evidenziare il proprio BENE , sempre dalla parte di corposi interessi DI CLASSE ( la stessa) . 
E si esercitano così, invece d praticare e teorizzare le strategie per destrutturare le forme ed i diversi agglomerati di potere deviati, ovviamente.
Dicono che deviati sono gli altri, ma le strumentazioni e le attività criminali sono ben “condivise” e la denuncia è a fini di “voti” ( da incamerare). 
E non si peritano nè si cimentano ad analizzare associazioni segrete loro rapporti , e altro ed altro . Che a tirar fuori le pagliuzze e le travi resterebbero tutti senza occhi. 
Questa è la “Classe C” ( aula primo piano ),  dei Perdenti Pessimisti filo mondialisti camuffati o dei nazional sovranisti massonici, che non hanno capito che la storia non è un programma di computer e che la storia marcia ed avanza e cambia rotta . 
Inutile levare concettualmente il timone .. e i marinai contano eccome .
Ma se volete , banalmente , a classificare in A e B è la borghesia sovranista nazionale, portatrice degli interessi di classe propri, strumentalizzando nelle crisi il popolo : essa fomenta la TEORIA INGENUA DEL MONDIALISMO in conflitto con la altra componete massonica borghese internazionalmente collegata ed ispirata dal fine A, ma sempre alleata fondamentalmente all’altra squadra. 
UNa simpatica partita di rugby , palla ovale due gruppi di giocatori , e varie mischie, tanti calci, qualche costola rotta . 
L’importante è che si continui a giocare la partita , fare i punti a meta , o con lanci o con calcio piazzato . Gli arbitri internazionali controllano ed intervengono se necessario, negli spogliatoi vengono scelti tutti i partecipanti non in panchina . Rigorosamente il popolo rimane sugli spalti, chiamato a fischiare od applaudire .
Le classi e la borghesia esistono eccome, e chiamare classe la “alta finanza” e per converso “categorie” le varie collocazioni sociali nei popoli nazionali è UNA MISTIFICAZIONE sotto-culturale . Ovviamente la gente resta sugli spalti, ben sapendo dove siano le responsabilità ed i ruoli nazionali e sovranazionali: osserva questo allucinato dibattere tra finta sinistra e finta destra tra pro o contro Mondialisti e tra pro o contro Sovranisti , complottisti esoteristi, complottisti antimondialisti, complottisti sovranisti e complottasti solo complottisti, e si limita a fischiare le azioni in contropiede e ad applaudire qualche meta .
Ma state tranquilli : sino a che non riuscirà ad emergere la vera analisi dalla parte dei popoli e le varie etichette si sovrapporranno all’unico barattolo di classe del potere , si potrà continuare a giocare . Viva il rugby evviva la classe “non classe” che vuol far pagare o vuole levare le tasse. 
Sono sempre loro a varianti cromatiche visibili e varianti sotterranee ormai scoperte .

Cambiamo gioco,  lavoratori, disoccupati, piccoli commercianti, agricoltori, studenti e veri intellettuali e non falsi professori ?!?!

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE


SCOOP  









CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Categorie: borghesia, CDD, CDD Comitato Difendiamo la Democrazia, CDD UNIONE, framassonerie, massonerie, nazionalismo, Paolo Ferraro, sovranità. mondialismo, SUPER GLADIO | Lascia un commento

IL CDD CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO DEVE AGIRE E ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE .

TEORIE INGENUE ED AGIRE POLITICO


Occorre essere oltre le visioni ingenuamente dualistiche (democrazia vs tirannia, sovranità vs mondialismo), oltre le strategie collaterali (metodi di controllo, infiltrazione, disinformazione, gestione sociale e accerchiamento) ed oltre le le strategie sotterranee (esoterismo, infiltrazioni culturali e capziose dimensioni metafisiche).
Per esserlo occorre unire capacità di analisi, denuncia e pratica degli obiettivi coerenti con il quadro complesso che ci si presenta e formare la gente e se stessi, in modo coerente .
SE dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato , apparecchiato con varie trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare , per arrivare ad un castello cui mirano anche altri, per finalità di potere opposte ( la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta ) dobbiamo avere una mappa completa .
E dobbiamo disarmare uno per uno i congegni esplosivi , le mine antiuomo e le mine anticarro, e una per una espugnare le “casematte” occultate sulla riva e tra il fitto della boscaglia .
Chi predica solo analisi generale ed il verbo astratto anti-mondialista in nome di una malcelata sovranità neo borghese , conduce al macello le masse o mira ad una strategia diversa di casta .
Dobbiamo sapere e saperlo. La vera alternativa nasce da una coscienza piena a tutti i livelli e da una NUOVA concezione della analisi storica e della politica , che inquadri i processi nella loro reale complessità, a tutti i livelli e secondo tutte le coordinate e le interferenze.
I peggiori nemici stanno simulatamente accanto, e dall’altra apparente parte, sanno bene come infiltrare piegare a fini eterodossi e contraddittori persino la millantata controinformazione.
Il movimento di massa anti mondialista e anti pseudo-sovranismi nazional -massonici, ( nella variante della altra testa dell’idra ) può crescere solo attrezzandosi adeguatamente .
Le proposte concrete conterranno allora con la lucida analisi a monte la loro praticabile agibilità, con la gente e per il popolo reale. Spetta a noi e a tutti coloro che invocano una strategia e obiettivi limpidi ed efficaci .

I. LE GRANDI SEMPLIFICAZIONI E LE VISIONI MONOLITICHE

  1. MONDIALISMO: PIANI POLITICO, ECONOMICO CULTURALE E SEGRETO

Le questioni della svendita e privatizzazione dell’Italia, del cappio EURO, della strategia di distruzione ed asservimento del nostro paese e molte altre, vengono affrontate (da tutti o quasi) sul piano del fenomeno politico-economico visibile e tradotte politicamente nella mera indicazione della pietra filosofale opposta.
Un ruolo particolare riveste l’ASSIOMA MONDIALISTA, con modello di progetto unico globale e la sua controparte critica, a sua volta assolutizzante il “mostro unico”.
Contrapposto a questo si pone L’ASSIOMA NAZIONALISTA E SOVRANISTA, che dà conto dell’era del capitalismo finanziario ma perde di vista le radici capitalistico produttive tout court della questione storica.
Il ruolo delle caste politiche e le loro scelte vengono poi viste da un lato nell’ottica di asservimento e controllo dei partiti da parte dei grandi poteri economici internazionali, e all’opposto secondo le ingenue e false teorie della democrazia.
La corruzione e i meccanismi criminali incistati anche negli apparati pubblici vengono spiegati in termini di strategie mafiose o come fenomeni di decadimento indotto più o meno dipendenti dalla “natura dell’uomo”.
La assente o minore consapevolezza della gente (ma oggi questa tendenza si sta invertendo) viene inquadrata in termini di generale disinformazione e talvolta ricondotta a processi di acculturazione inefficaci o programmi di disacculturazione gestiti attraverso l’estrema e funesta specializzazione settoriale (a partire dalla più generale tripartizione e tra aree umanistica scientifica e tecnica).
Le questioni geopolitiche mondiali vengono spiegate in termini di macro scelte, orientamenti ed equilibri, dove la fanno da padrone gli USA, la Russia di Putin, la CINA e un’Europa decadente come lumicino di coda allineato (con Inghilterra e Israele cardini autonomi degli equilibri e delle dinamiche internazionali). Qualcuno si ricorda poi del ruolo di terzi paesi emergenti India, ad esempio, o del Giappone più o meno esautorato. Qualcuno poi si è accorto forse che PUTIN ragiona in termini di strategia storica, unico nel panorama internazionale .
La questione planetaria della distruzione dell’ecosistema di tutti gli squilibri nell’ interazione uomo-ambiente, viene inquadrata nell’ambito dell’ecologia o con interrelazioni rispetto alla dinamiche politico economiche mondiali.
I piani dell’agire sotterraneo e segreto vengono considerati come un appannaggio dei cultori o gestori del settore e le prove relegate negli archivi segreti di apparati e Stati.
I legami tra questi ultimi e le vene esotericheggianti e di copertura sono spesso volutamente IGNORATI.


  1. NAZIONALISMO E ALTERNATIVE POLITICO ECONOMICHE
La cosidetta informazione alternativa usa lo stesso metodo, con argomenti simmetrici: al mondialismo vengono contrapposte le vie nazionali, alle privatizzazioni un nuovo concetto di nazionalizzazione, all’EURO la moneta sovrana, alla disinformazione la controinformazione gestita e via dicendo.
Alle nuove correnti di pensiero e spiritualità, spesso manipolanti, vengono contrapposte le più o meno salde roccaforti del pensiero e della spiritualità tradizionali.
Ciascuno tende a vedere negli avvenimenti, nelle azioni e manovre dell’altro gli argomenti per la critica e distruzione teorica reciproca. Per esempio la CHIESA da un lato viene vista come l’unico male, reale potenza economica e identificata con il mondo della efebofilia e pedofilia. Dal lato opposto essa è l’unica depositaria del principio solidale ed ecumenico e le devianze al suo interno sono prova della strategia di infiltrazione e distruzione della stessa. Con tutte le sfumature intermedie .
Sull’altro versante pensate allo gnostiscismo, alle spiritualità alternative e al culto dell’AntiCristo, nelle loro connotazioni ideologiche e talvolta pratico-associative, sempre rigorosamente ignorando le interrelazioni con gli altri piani e la natura duale di queste realtà che oscillano tra coperture, mistificazione, ideologie della frammentazione e alternative strategiche pensate in circoli spesso di elite.
Poi dell’uso a livello apparati segreti e del ruolo di servizi di questi piani e dinamiche e della loro concreta operatività non ne se ne deve parlare, o meglio se ne può parlare come un punto di vista a sua volta “parallelo“ isolato su un piano separato e in ristretti circoli di esperti.
Tutto è vero, ogni approccio e ogni analisi. Purchè nulla disveli le radici del pensiero debole altrui ma anche del proprio: tutti debbono legittimarsi nella propria settorialità. Sono poi i consapevoli gestori delle dinamiche e delle realtà concrete che legano strategie su tutti i piani e azione.
Accade così che cultori della politica reale nazionale ed internazionale e del capitalismo finanziario e socio produttivo (?!) ed esegeti delle scelte fatte , contraddittòri sovranisti, esoteristi mistificatori o ingenui, spiritualisti separati nella visione del reale, geopolitici didascalici o geopolitici della ingegnerai storica, concorrano giocosamente allo stesso fine senza saperlo.
Una sommatoria di prodotti che non lasciano intravedere una strategia globale, una riappropriazione consapevole della conoscenza integrata sui vari piani da parte dei mondi popolari (borghesi e non) e soprattutto una concezione INGENUA della stessa politica.
Alla fine tutti fanno una politica di idee e di prassi più o meno allineate o incoerenti, con piccole e mediocri bandierine e nessuno si cimenta a costruire a tappe una teoria e pratica della liberazione, della trasformazione del reale con una dimensione strategica consapevole che parte dalla compiuta analisi dei livelli dei loro intrecci e dei nodi da sciogliere in ordine di priorità PRATICA e non ideologica.
Questo l’oggetto della critica nostra a signoraggisti endogeni, economisti delle compatibilità, politici dell’alternativo con lo slogan alternativo e via elencando, sicchè non me ne vogliano, ma vederli acccomunati nel metodo inferiore a coloro che vorrebbero sinceramente combattere o a cui di nascosto appartengono, ci lascia semplicemente sorridenti, senza sarcasmo.
Li sentite parlare tutti, ora, dopo questa premessa, in un coro disordinato ed affastellato: “Occorre il Nuovo Ordine Mondiale” “Bisogna ritornate alla sovranità nazionale ed alla moneta sovrana” “La realtà si trasforma solo trasformando sé stessi a partire dagli individui” “occorre una politica che trasformi la società” “La realtà esoterica e segreta spiega e fa capire a livelli superiori” “Le caste esistono” “le caste non esistono” “La casta e la gerarchia cattolica sono la matrice del male” “il male è l’assenza della spiritualità unica” “il mondo si governa creando diecimila rivoli di credenze che convivano in una sorta di acquario delle religioni polimorfe per una umanità privata delle conoscenze generali necessarie”…?!
SE riuscite a percepire l’assordante coro come sinfonia delle asimmetrie e frastuono che ha un ordine unico di insieme e ne percepite il trucco superiore siete finalmente sull’altro piano. Che è poi SEMPLICEMENTE il piano del recupero critico e consapevole di coscienza e conoscenza.
Su questo piano nulla è relativo o vero in sé ma tutto è parziale quasi sempre duale e contraddittorio, e la conoscenza integrale del tutto salva la porzione di verità dialettica a sua volta in ogni approccio. E fa vedere le contraddizioni da svelare (questo piace un po’ meno…).
Ma da ciò se ne trae un metodo ed una conoscenza unitari.
Questa conoscenza che mette insieme ragione spirito istinto è quella che può riprogettare invece la storia e può arrivare a modificazioni reali…Ma ci dobbiamo intendere. Con qualche esempio.

II. LA CRISI POMPATA DELLA IDEA DI STATO E DIRITTO
La crisi dei modelli democratici e di quello italiano in specie, spinge poi a risposte di base (democrazie dirette o ingegneria di organizzazione sociale dal basso), oppure di norma, colto l’inganno della democrazia gestita controllata e svuotata, si tende spesso a buttare a mare gli stessi principi e regole, confondendo il prodotto di una degenerazione e manipolazione gestita per oltre un ventennio come il vizio genetico del diritto e dello Stato sociale di diritto.
Quasi comico l’impegno di pochi (ma cattivi) pseudo giuristi formali coperti, che dopo un decennio di scuola alla gestione invertita del diritto, adducono argomenti da bottegai sulla inadeguatezza e sulle lacune della Costituzione.
Pur di assolvere al loro ruolo di inganno e disinformazione. E se in mera ipotesi fosse possibile provarne la buona fede, la questione apparirebbe più tragica ancora: anni di studio e formazione buttati al vento, in un confuso delirio depressivo ed autodistruttivo.

III. IL PIANO ESOTERICO: LE STRATEGIE MANIPOLATIVE, LE DIASPORE RELIGIOSE, IL COMPLOTTISMO DESTRUTTURANTE E DIVERSE TEORIE INGENUE.
In questo quadro hanno un ruolo importante, sebbene non visibile o centrale, le ideologie alternative, spesso insufflate e propalate da piccoli gruppi gestiti secondo secondo logiche estranee alle stesse idee e valori da questi assunti a cardine associativo.
Qualsiasi idea ed ogni spiritualismo vanno bene, per una superiore logica di frammentazione e scissione, ma per capirlo occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni .
Così come per capire come sia stato realizzato l’obiettivo del controllo sotterraneo e svuotamento della democrazia, con la concreta realizzazione di un controllo sociale diffuso, occorre cambiare piano di osservazione e piano e livello di informazioni.
Lo stesso occorre fare per cogliere il ruolo dell’esoterismo che mitologizza il mondialismo, o introduce la logica delle caste come dato antropologico secolare e che insuffla l’esistenza di una sola realtà “occulta” (ROSA CROCE o altra non conta, in questo momento) assolvendo ad un preciso duplice ruolo di distrazione dalle entità concrete e dirottamento dell’attenzione alla maschera più utile per fini politici finali. Deve essere difatti “tutta” altrui la “maschera”, non basta che sia maschera: il male assoluto deve essere nell’altro. E’ sempre la “cosca” accanto la responsabile, meglio se immaginaria o manipolata ed ingegnerizzata per farla sembrare ciò che potrebbe essere solo “pro quota” .
A volte, invece di ideologizzare fondamenta teoriche delle scelte ideologiche del male o del bene, ed ingarbugliarsi su come templari moderni sarebbe più opportuno dipanare gli intrecci concreti che portano a strategie e dinamiche storiche concrete. Ma questo apre le menti e svela in modo “toccabile e concreto”, proprio quello che non si vuole/deve fare .
Così come per capire che le teorie ingenue del MONDIALISMO, DEL NAZIONALISMO sovrano e la ormai desueta TEORIA INGENUA della DEMOCRAZIA (e a sua volta la stessa teorizzazione della teoria ingenua ultima se portata alle estreme conseguenze, si badi bene) appartengono ad un magma complesso del quale è importante svelare chiavi di lettura, metodi, storie ma anche metodologie culturali operative e gestionali .

IV. LA DIFFICILE OPERA DI CHI INTENDA VALUTARE E  RAGIONARE SUL PIANO DELLA COMPLESSITA’ E DELLA CONSAPEVOLEZZA DELLA PERENNE ETEROGENESI DEI FINI.
TIRANDOSI fuori dalla mischia delle ideologie unilaterali e monolitiche è allora possibile affrontare in modo proficuo la questione pragmatica del cambiamento e della politica del cambiamento.
Nemico mortale di una complessa visione delle concrete e tattiche tappe del cambiamento, è la unilateralizzazione e la monolitica concezione di qualsiasi cosa.
Su questo si gioca una delle partite fondamentali: ogni frammento e approccio unilaterale va bene per non cambiare o cambiare il meno posibile, purché visione critica visione di insieme e visione a più livelli non attingano a metodo nuovo ed a strategie storiche e politiche concrete.
Più che una faccia duale e vari GIANI bifronte, abbiamo quindi diversi piani, svariati intrecci, dinamiche gestite o solo agevolate oppure spontaneamente prodottesi nell’ambito di meccanismi indotti.
E soprattutto dobbiamo affrontare livelli di gestione e condizionamento particolarmente insidiosi.
Tra le insidie in agguato:
  • la “facile” denigrabilità di quei metodi che rifiutino la semplificazione delle teorie ingenue e le manipolazioni con esse coerenti o ad esse finalizzate.
  • il veleno immesso in critiche astruse, deliroidi e prive di ogni presupposto oggettivabile, cementate dal venticello della calunnia, che aumenta progressivamente quando si deve arginare la ripresa di un metodo consapevole critico e della sua lenta ma inarrestabile diffusione tra coloro che dovrebbero rimanere succubi .
  • Mimando una nota battuta di un noto film degli anni andati, vi è sempre un COMMISSARIO che con accento dialettale meridionale è pronto a urlare minaccioso “Tu puoi essere marxista, leninista fascista, economista, esoterista, vegano, nazionalista, mondialista, di centro destra e sinistra…ma l’intelligenza storica, la capacità di ricostruire insieme i vari piani, la concezione attiva e pratica della politica come reale trasformazione a partire dalla rimozione degli ostacoli e trabocchetti frapposti, CHE MINCHIA C’ENTRANO ??! ” ..
La reazione è uniforme: se trovi i punti di rottura, se intervieni su altri livelli, la rabbia, la manipolazione, la gestione della denigrazione ritenuta necessaria ad impedire che un nuovo metodo si sviluppi, sono direttamente proporzionali alla crescita e penetrazione di quel metodo e delle proposte conseguenti.
Di solito gli epiteti e le deliranti ipotesi vengono alternate con l’uso “politico” del buonsenso comune. Il buon senso: la più antica arma del potere, che però ignora quanto il popolo in fondo la sappia lunga e faccia anche finta di credere al buon senso comune che utilizza.
Un inganno reciproco ed una società di gnorri che durerebbero all’infinito, sino a che però le esigenze e le compatibilità non vengano divaricate dal corso degli eventi. Le idee e la cultura hanno anche questo compito, purchè si inseriscano con la lucidità giusta al momento giusto e per obiettivi di trasformazione che servano a tutti (nel senso che tutti vi possano vedere futuro e fondamenta utili e ricollocarsi).


V. LE TEORIE INGENUE E LA POLITICA CONSAPEVOLE.
Questa riflessione parte dall’assunto che occorra dare quindi una visione complessa e stratificata alla politica (del popolo e per il popolo). Il che sembra una contraddizione in termini.
In realtà da secoli questo avveniva nelle stanze occulte del potere e dei bottoni, gestite da elìte consapevoli. Ma il gioco pubblico, esterno, ha reso fumosa ed invisibile ai più questa complessità.
La consapevole e complessa conduzione dietro e oltre le quinte ha viaggiato quasi indisturbata, riservando l’esclusiva delle consapevolezze alle élites in lotta fra loro.
E le élites a loro volta si sono impegnate da sempre a celare quel piano: qualsiasi mezzo di scontro va bene, meno quello che eleva le dinamiche nascoste, le idee profonde, gli scenari invisibili portandoli su piani conosciuti e conoscibili.
In questo modo di spiega, per esempio, la debolezza delle denunce e delle accuse di Berlusconi al mondo opposto: termini, spiegazioni e concetti che non danno mai conto delle radici più profonde e dei vari altri livelli intrecciati. Un parlare a metà e per allusioni che da solo la dice più lunga di qualunque analisi.
Nello sforzo di emersione dei distinti piani il nuovo difetto della visione unilaterale e piana è poi, a nostro modo di vedere, divenuto eclatante: mentre vi è chi consapevole si muove a cavallo fra i tre strati che enucleeremo, alla quasi totalità è riservato il piano ingenuo della politica visibile e a gruppi selezionati il piano delle scelte ed attività segrete; ad altri neofiti all’uopo “distratti”, il piano esoterico separato (quasi sempre nella versione “Propaganda Progresso Esoterico”).
In questo modo resterebbe saldamente in mano ai pochi delle élites vere (una esiguissima minoranza) la capacità di interrelazione e conduzione complessa sui vari piani del tutto. In ciò consiste l’essere “illuminati” e solo su questo (ben diversamente da quel che credono gli esoterici endogeni) si poggia il potere delle organizzazioni nascoste .
Se esso fosse solo idea, rito, spiritualismo non muoverebbe storia e processi su piano planetario come invece riesce a fare.
Tale piano coperto è realmente importante solo in quanto vi appartengono élites selezionate che tirano le fila ed i meccanismi degli altri due livelli in mano, o semplicemente il metodo giusto per agire in modo interrelato.
Esso attiene alle dinamiche storiche concrete oltreché “antropologiche” e ideologico/ culturali e chi lo illustra separandolo dal resto agisce da entomologo ossessionato e spesso disinformatore consapevole.
E’ arrivato il momento che la storia e la soprattutto la politica si occupino di sè anche attraverso la visuale del piano coperto e più nascosto, ma non secondo le teorie esoteriche ingenue o il sapere settoriale degli studiosi di attività segrete e di intelligence, ma centrando in contemporanea la attenzione sulle élites che interagiscono e sui vari piani attivi.
Occorre perciò non solo evitare che il piano elitario ed esoterico sia mitologizzato, “propagandato” dall’interno e secondo la percezione che di sè vogliono dare le stesse élites, ma occorre svelare l’inganno e la mistificazione che spesso ciò comporta. Con la debita durezza che lo svelamento di falsi arcani merita.
L’occulto svelato, sì, ma vagliato come meramente coperto e segreto per capire il reale quotidiano e l’agire cui è direttamente orientato: un metodo impietosamente laico, oltre le false idee e la proliferazione concettuale che mistifica e copre.
Con buona pace degli esoteristi inconsapevoli od agenti, che si faranno pure una precisa ragione di questo crudo e diretto approccio, salvo poi continuare a “personalizzare” ed infantilizzare sul piano della risposta la polemica altrui, come da protocollo, per sterile autodifesa o aggressione che svia i contenuti.
Si tratta di introdurre analisi storica e politica e conoscenza multifocale, a più strati e su più livelli. Una strategia ed una accurata tattica che svelino, mostrino e rendano individuabile ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui sono state imbrigliate la storia e la sovranità e devastati/controllati i popoli.
Questo richiede implacabilmente il superamente del “solo” piano esoterico, dell’inganno sublime gestito da “Oi MAGOI” più o meno consapevoli, consistente nel raccontare pianamente o simulare di svelare.

VI. PER UNA POLITICA CONSAPEVOLE
Abbiamo quindi bisogno di quel metodo quella analisi e quella strategia e tattica, multifocale, a più strati e su più livelli, completa.
In particolare, necessitiamo di una strategia storico-politica e di una accurata tattica che svelino, mostrino ed attacchino ogni nodo nascosto dei sistemi di potere con cui hanno imbrigliato la storia, devastato popoli e sovranità specialmente nel “laboratorio” Italia.
Volendo concludere provvisoriamente sintetiziamo:
TRE SONO GLI STRATI DELLE FORZE IN CAMPO
  • Il livello socio politico economico visibile e le forme degli inganni;
  • Il livello geopolitico, militare; industriale e finanziario ed il piano segreto nazionale/internazionale (cerniera tra piano visibile superiore e piano nascosto e motore occulto realmente potente).
– Il livello segreto delle caste e delle élites ed il suo organico collegamento con gli altri due livelli. Banalmente: non a caso si tratta di soggetti con un potere ed un ruolo professionale o istituzionale, di colletti bianchi e professionisti. Se non avessero tali vesti ufficiali e i poteri rispettivi non potrebbero tradurre operativamente ciò che “bolle nella pentola”. Le comparse, vittime e non, su tutti piani, hanno ovviamente altri destini e ruoli.

VII. LA CONCEZIONE VETTORIALE DELLA POLITICA PRATICATA GIA’ DALLE ELITES.
La nostra scommessa: rifondare la politica e le scelte, la storia e il movimento, gli obiettivi e le tappe, partendo da un’analisi complessa che guarda alla sommatoria di forze e spinte che interagiscono su più strati e secondo varie direttrici.
Va da sé che occorre superare ideologie e metodi del XX secolo, false credenze e ingenue teorie, approcci idioti e demistificare anche tutte le teorie ingenue e la loro pratica . Ad esse aderiscono, con loro buona pace, quasi tutti gli “intellettuali” e “politici” portatori dei loro saperi separati e delle loro chiavi di volta unilaterali. Tutti quanti si delegittimano e legittimano reciprocamente per appartenere allo stesso coro.
Ma non ripeteremo più, dopo questo ultimo articolo, la solfa sul metodo: anche perchè i fatti dimostrano che limitandosi a blaterare su versanti opposti di Economia e compatibilità, Stato e legalità, Mondialismo e poteri, o di moneta e sovranità (con buona pace dei Tamburro, e dei Marra specie della prima ora, salvo rigurgiti di economicismo inaspettati, e sinanche dei neo o vetero più o meno sofisticati Della Luna, Rossi, Imposimato…) non si va e non si è andato seriamente da nessuna parte.

Per arrivare a nuovi assetti politici e sociali e fondare un nuovo percorso storico e politico occorre avere una esatta mappa della realtà, a più strati, ed interagire ed operare in progressione eliminando gli ostacoli frapposti, i trabocchetti, i meccanismi studiati a tavolino per decenni e darsi priorità ed obiettivi organizzati quantomeno in ordine logico e progressivo.
Non siamo più in una paese ingenuo del dopoguerra: i diavoli o i santi, la democrazia o il pericolo totalitario comunista .
L’idea o l’obiettivo finale esclusivamente enunciati senza un piano d’azione e una mappa completa del territorio, non assolvono il ruolo che alla politica affidano i tempi. Abbiamo un intero progetto sotterraneo da destrutturare e disarmare, costruito per venticinque anni a tappe forzate nella più completa insipienza e sottovalutazione. Di lì solo si passa per arrivare attraverso la necessaria riconquista delle sovranità: va bene indicarle ma grave è l’errore o la mala fede di chi pensa di limitarsi a questo. In tal caso non si è capito nulla o si è dalla parte sbagliata. E quando parlo di parte sbagliata alludo anche alle strategie neo-nazionali gestite dai medesimi poteri che si vorrebbero combattere, e persino alle strategie eversive che usano il ribellismo generico e la propaganda antimondialista a fini propri (eterogenesi che ritorna, implacabile).
Il movimento Cinque stelle che ha scelto una a suo modo lungimirante strada empirica dal e del concreto è rapidamente passato alla fase delle TEORIE della liberazione INGENUE e subito alla fase dello scontro su punti critici, in encomiabile accelerazione .
Ora aspettiamo e stimoliamo l’ulteriore salto che ci permetterà di indicare al paese insieme il cemento solido e sotterraneo del potere duro delle caste e di capire e far capire come hanno costruito un dominio distruttivo stabile e potente.
Questo golpe sta uscendo allo scoperto a sua volta: quando sentirete parlare anche Grillo e chi è accanto a lui di strategia eversiva, del ruolo della magistratura infiltrata, della piattaforma reazionaria costruita con psicologi e psichiatri di apparato, di élites militari, tutti coinvolti, e di concreti apparati anche a metodologia a “copertura esoterica“ e chi scrive finalmente potrà liberarsi del suo per forza di cose individuale compito (che si è dovuto assumere perché “gli è toccata” e non poteva certo tirarsi indietro) e andare magari ad occuparsi di ambiente e sicurezza del lavoro e nuovi modelli sociali e valoriali, solo allora avrete il polso di un grande cambiamento in atto nella politica “nostra”.
Manca veramente poco e giungono nuove notizie.

VII. TOCCA A NOI 

Forse un’intera epoca sta per essere abbandonata, come presagivamo, e verranno lasciati al loro destino molti che vi hanno creato e conservato un ruolo cruento e criminale coperti .
Tanto che dobbiamo pensare a cosa potrebbe sostituire tutto ciò: per fare i conti col passato occorre fare i conti col presente e col futuro.
Manca veramente poco, il poco ed il tanto basterà per avviare una nuova rotta consapevole. E se  quel sentiero non venisse adeguatamente  attraversato preparando e gestendo bene la unica vera lunga marcia dei popoli non ne usciremmo.
Toccherà ancora ed ora a noi. 
Dovremo avere la forza di costruirci in modo totalmente autonomo, puntando sui movimenti di massa che si stanno formando: primo obiettivo non farli deviare ed  egemonizzare da contenuti ed obiettivi ingenui e didascalici, e secondo obiettivo indicare tutti i trabocchetti ed una analisi completa  della mappa dei poteri schierati a difesa e deviazione dello Stato e della Costituzione. Terzo obiettivo il programma vero sovranista e di democrazia diretta e le sue tappe concrete, ma con la consapevolezza che solo un progetto economico e sociale storicamente nuovo potrà salvare le genti e non darle in pasto alla borghesia massonica imperialista e oligarchico finanziaria internazionale o alla borghesia nazional massonica pronta ad allearsi con i primi a golpe scientifico “commutato”.  

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

* VECCHIA PICCOLA BORGHESE MASSONERIA

“Dice un avvocato, Marco Della Luna in un sito , che vi sono la classe A poche migliaia di oligarchi finanziari e la classe B , tutti gli altri miliardi di persone, divisi in “categorie ” .  ( ?!) 
Poi, invece, dice il CDD [ .. ] , c’è la Classe C , di quelli che rimandati in storia e politica fanno pubblicità ad un MONDIALISMO stra-assoluto e talmente tanto potente da dover essere configurato come UNIVERSALE PLURIMILLENARIO INVINCIBILE Assoluto ( e non è nessuna di queste cose ), oppure lo nominano e descrivono a colpi di piramidi rigorosamente internazionali con mere discendenze nazionali. 
Sublimano così versandolo sul Mondo Piramidale il MALE assoluto, non perché non sia “anche” così, ma per poter poi di riflesso evidenziare il proprio BENE , sempre dalla parte di corposi interessi DI CLASSE ( la stessa) . 
E si esercitano così, invece d praticare e teorizzare le strategie per destrutturare le forme ed i diversi agglomerati di potere deviati, ovviamente.
Dicono che deviati sono gli altri, ma le strumentazioni e le attività criminali sono ben “condivise” e la denuncia è a fini di “voti” ( da incamerare). 
E non si peritano nè si cimentano ad analizzare associazioni segrete loro rapporti , e altro ed altro . Che a tirar fuori le pagliuzze e le travi resterebbero tutti senza occhi. 
Questa è la “Classe C” ( aula primo piano ),  dei Perdenti Pessimisti filo mondialisti camuffati o dei nazional sovranisti massonici, che non hanno capito che la storia non è un programma di computer e che la storia marcia ed avanza e cambia rotta . 
Inutile levare concettualmente il timone .. e i marinai contano eccome .
Ma se volete , banalmente , a classificare in A e B è la borghesia sovranista nazionale, portatrice degli interessi di classe propri, strumentalizzando nelle crisi il popolo : essa fomenta la TEORIA INGENUA DEL MONDIALISMO in conflitto con la altra componete massonica borghese internazionalmente collegata ed ispirata dal fine A, ma sempre alleata fondamentalmente all’altra squadra. 
UNa simpatica partita di rugby , palla ovale due gruppi di giocatori , e varie mischie, tanti calci, qualche costola rotta . 
L’importante è che si continui a giocare la partita , fare i punti a meta , o con lanci o con calcio piazzato . Gli arbitri internazionali controllano ed intervengono se necessario, negli spogliatoi vengono scelti tutti i partecipanti non in panchina . Rigorosamente il popolo rimane sugli spalti, chiamato a fischiare od applaudire .
Le classi e la borghesia esistono eccome, e chiamare classe la “alta finanza” e per converso “categorie” le varie collocazioni sociali nei popoli nazionali è UNA MISTIFICAZIONE sotto-culturale . Ovviamente la gente resta sugli spalti, ben sapendo dove siano le responsabilità ed i ruoli nazionali e sovranazionali: osserva questo allucinato dibattere tra finta sinistra e finta destra tra pro o contro Mondialisti e tra pro o contro Sovranisti , complottisti esoteristi, complottisti antimondialisti, complottisti sovranisti e complottasti solo complottisti, e si limita a fischiare le azioni in contropiede e ad applaudire qualche meta .
Ma state tranquilli : sino a che non riuscirà ad emergere la vera analisi dalla parte dei popoli e le varie etichette si sovrapporranno all’unico barattolo di classe del potere , si potrà continuare a giocare . Viva il rugby evviva la classe “non classe” che vuol far pagare o vuole levare le tasse. 
Sono sempre loro a varianti cromatiche visibili e varianti sotterranee ormai scoperte .

Cambiamo gioco,  lavoratori, disoccupati, piccoli commercianti, agricoltori, studenti e veri intellettuali e non falsi professori ?!?!

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE


SCOOP  


 

 

 

CANALE VIMEO CDD

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Categorie: borghesia, CDD, CDD Comitato Difendiamo la Democrazia, CDD UNIONE, framassonerie, massonerie, mazionalismo, Paolo Ferraro, sovranità. mondialismo, SUPER GLADIO | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: